Salute 13 Giugno 2022 15:52

In autunno un test ci dirà se dobbiamo fare un nuovo vaccino anti-Covid?

Un nuovo test rapido del sangue è in grado di misurare l’immunità al virus Sars-CoV-2 e indicare, in questo modo, l’opportunità di fare una nuova dose di vaccino

In autunno un test ci dirà se dobbiamo fare un nuovo vaccino anti-Covid?

Un test rapido del sangue può misurare l’entità e la durata dell’immunità di una persona al virus Sars-CoV-2. I risultati, oltre a consentire di monitorare l’immunità della popolazione e l’efficacia degli attuali vaccini, può aiutare a progettare nuove strategie di ri-vaccinazione. Specialmente per i soggetti fragili immunocompromessi. Il test, sviluppato dai ricercatori del Mount Sinai di New York, richiede meno di 24 ore e può essere utilizzato ampiamente nella popolazione. L’esame misura l’attivazione delle cellule T, che fanno parte della nostra risposta immunitaria adattativa all’infezione o alla vaccinazione da Sars-CoV-2 e ci aiutano a proteggere dalle forme gravi della malattia o dalla morte.

Il test misura l’attivazione delle cellule T nelle persone guarite e/o vaccinate

«Il test che abbiamo creato ha la capacità di misurare l’immunità cellulare della popolazione e di testare ampiamente l’efficacia di nuovi vaccini», spiega uno degli autori senior dello studio, Ernesto Guccione, professore di scienze oncologiche e scienze farmacologiche, presso il The Tisch Cancer Institute del Monte Sinai. «Sappiamo che le popolazioni vulnerabili non sempre attivano una risposta anticorpale, quindi misurare l’attivazione dei linfociti T – continua – è fondamentale per valutare l’intera portata dell’immunità di una persona. Inoltre, l’emergere di varianti Sars-CoV-2 come Omicron, che sfuggono alla maggior parte della capacità neutralizzante degli anticorpi, indica la necessità di test in grado di misurare le cellule T, che sono più efficaci contro le varianti emergenti di preoccupazione».

Linfociti T determinanti nella risposta anticorpale contro il virus

La protezione a lungo termine dall’infezione virale è mediata sia dagli anticorpi che dalla risposta dei linfociti T. Molti studi recenti sottolineano l’importanza di determinare la funzione dei linfociti T negli individui che sono guariti o che sono stati vaccinati contro Covid-19 per aiutare a progettare nuove campagne di vaccinazione. Tuttavia, prima di questo studio, la misurazione delle risposte dei linfociti T è stata eseguita raramente a causa delle sfide tecniche a essa associate.

Il nuovo test è accurato, rapido, economico e semplice da eseguire

Nel condurre questo studio, pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, i ricercatori hanno ottimizzato i test basati su PCR che hanno il potenziale per essere scalabili, sensibili e accurati a livello globale. I ricercatori hanno ristretto la loro attenzione ai due test che offrivano la massima scalabilità. Uno, il test qTACT, è accurato e sensibile ma ha un tempo di elaborazione relativamente più lungo di 24 ore per 200 ècampioni di sangue, un prezzo moderato e un livello medio di capacità tecnica. L’altro, il test dqTACT, a accurato, ha tempi e costi di elaborazione ridotti e richiede un’esperienza di laboratorio minima, rendendolo facile da implementare.

I test permette di monitorare l’impatto delle mutazioni virali sull’immunità

Il test dqTACT ha recentemente ottenuto la certificazione europea CE-IVD, mentre è in corso la validazione clinica della Food and Drug Administration e dell’Agenzia europea per i medicinali. «I saggi presentati qui si basano sulla capacità delle cellule T di rispondere ai peptidi che coprono diverse proteine ​​​​del virus», spiega un altro autore senior, Jordi Ochando, professore di scienze oncologiche presso il Tisch Cancer Institute del Monte Sinai. «Con la possibilità di utilizzare diversi pool di peptidi, il nostro approccio rappresenta una strategia flessibile che può essere facilmente implementata per rilevare la presenza di cellule T – prosegue – che rispondono a diverse proteine ​​virali. Queste cellule T hanno un ruolo importante nella protezione dai ceppi mutanti emergenti, permettendo così di misurare così immediatamente l’impatto che le mutazioni virali potrebbero avere sull’immunità cellulare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...