Salute 9 Giugno 2022 14:18

Omicron BA.5, sale diffusione in Italia. Pregliasco: «Sintomi più lievi»

La diffusione della variante Omicron BA.5 è passara dallo 0, 41 per cento al 13 per cento in un solo mese. Ma i sintomi sono più lievi, simili a un raffreddore

Omicron BA.5, sale diffusione in Italia. Pregliasco: «Sintomi più lievi»

La variante Omicron BA.5 inizia a dilagare anche nel nostro paese. In un solo mese siamo passati da una diffusione dello 0,41 per cento, stimata a inizio maggio dall’Istituto superiore di sanità ad almeno il 13 per cento, stando ai calcoli dei bioinformatici del Ceinge Biotecnologie avanzate, sulla base delle sequenze genetiche depositate dall’Italia nella banca dati internazionale Gisaid. La diffusione della nuova sottovariante di Omicron desta molta preoccupazione in Europa e anche in Italia. Del resto è proprio Omicron BA.5 la principale responsabile della risalita dei contagi in Portogallo e in Germania.

La variante Omicron BA.5 è più contagiosa delle altre

Gli studi preliminari indicano che la sottovariante BA.5 è più trasmissibile rispetto alle altre sottovarianti di Omicron a causa di almeno due mutazioni che le permettono di legarsi alle cellule umane in modo più efficace. I dati sono online sulla piattaforma BiorXiv, che accoglie studi non ancora sottoposti alla revisione della comunità scientifica, e sono il risultato di una ricerca condotta in Giappone e coordinata da Izumi Kimur, dell’Univesità di Tokyo. Una ricerca realizzata da David Ho, docente di immunologia e microbiologia alla Columbia University di New York, ha scoperto che sia gli anticorpi legati alla guarigione che quelli legati alla vaccinazione sono meno efficaci contro queste due sottovarianti. Nello specifico, sarebbero in grado di evadere le difese anticorpali più di quattro volte rispetto alle sottovarianti legate al ceppo BA.2.

In Portogallo casi in aumento a causa della variante BA.5

L’allerta sulla presenza della sottovariante BA.5 era stata lanciata a metà maggio dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), quando la BA.5 era entrata a far parte delle varianti che destano preoccupazione (Voc, Variant of Concern) con le altre sottovarianti di Omicron BA:4, BA.2 e BA.1. È in Portogallo, però, che la BA.5 sta facendo parlare di sé: secondo i dati dell’Università americana Johns Hopkins, i casi di Covid-19 nel Paese sono passati dagli oltre 11.000 registrati all’inizio di aprile a circa 28.000. Nello stesso periodo non si nota invece un aumento dei decessi, che anzi sono scesi dalla media settimanale di 46 a quella attuale di 38.

I sintomi della variante BA.5 sono molto simili a quelli di un raffreddore

«Si tratta di una variante più contagiosa, ma i sintomi delle infezioni legate a essa sono più lievi», spiega Fabrizio Pregliasco, virilogo dell’Università degli Studi di Milano. «I primi dati indicano che tende a replicarsi nelle prime via aeree. I sintomi sembrano quindi essere molto simili a quelli di un raffreddore. Ma questo non vuol dire – continua – che non possa causare forme più gravi, ma sembra essere meno probabile».

La variante BA.5 potrebbe causare un’impennata di contagi dopo l’estate

«La pandemia non procede in modo sincrono in tutto il mondo, dipende dagli andamenti del territorio», sottolinea Pregliasco, cercando di spiegare le differenze sull‘andamento dei contagi tra il nostro paese e il Portogallo. «Noi come Italia siamo appena usciti da una brutta quarta ondata e quindi probabilmente non nell’immediato, ma più verso l’autunno, potremmo trovarci di nuovo a dover affrontare un rialzo del numero dei casi», aggiunge. E la variante che sembra avere maggiori probabilità di causare una nuova ondata sembra essere proprio Omicron BA.5. «Per questo non abbassiamo la guardia: il virus non è sparito e dobbiamo prepararci a un eventuale aumento dei contagi probabilmente dopo la stagione estiva», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali