Salute 23 Agosto 2022 16:57

La mortalità per Covid in Italia è davvero più alta che in altri paesi?

Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche spiega che il fattore di crescita della mortalità in Italia è stato molto più elevato e significativo rispetto a quello del Regno Unito e di altri paesi europei

La mortalità per Covid in Italia è davvero più alta che in altri paesi?

Potrebbe non essere solo un’impressione. La curva dei morti Covid è davvero cresciuta di più nel nostro paese rispetto al resto d’Europa. Almeno secondo il ragionamento di Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac). «L’andamento delle curve relative al tasso di mortalità per Covid-19 nelle prime tre settimane di agosto – spiega lo scienziato – indica valori in crescita per la maggior parte delle nazioni europee. In Italia e in Regno Unito si registra una media di 2,1 morti al giorno per milione di abitanti. Il dato preoccupante, però, è che il fattore di crescita in Italia è stato molto più elevato e significativo rispetto a quello del Regno Unito».

Ad agosto 2,1 morti Covid al giorno ogni milione di abitanti in Italia

«Tra i paesi limitrofi alla penisola – dice Sebastani – la Francia riporta i valori più bassi, con 1,1 decessi al giorno per milione di abitanti nelle prime tre settimane di agosto. Lo stesso parametro raggiunge il valore di 1,3 in Slovenia, mentre in Spagna e Germania si stimano 1,4 morti al giorno per milione di abitanti. In Ungheria, dove sappiamo che la campagna vaccinale è stata meno diffusa rispetto ad altre realtà, il tasso giornaliero di mortalità per milione di abitanti è di 1,5. In Europa, i valori più elevati sono correlati a Italia e Regno Unito, con 2,1 decessi al giorno ogni milione di abitanti per le tre prime settimane di agosto».

In Italia la mortalità è cresciuta più che in altri paesi, compreso il Regno Unito

«L’aspetto da tenere in considerazione, però, riguarda il confronto con gli ultimi sette mesi dello scorso anno», sottolinea il ricercatore. «Se infatti guardiamo al periodo compreso tra giugno e dicembre 2021, emerge una sostanziale differenza – continua – tra i valori italiani e quelli inglesi: la mortalità giornaliera in Italia per milione di abitanti in quell’arco di tempo era infatti di circa 0,9, mentre nel Regno Unito si registravano 1,4 decessi al giorno per milione di abitanti». Questo significa che la crescita del tasso di mortalità è stata percentualmente molto più grande in Italia rispetto al Regno Unito, associate rispettivamente a un aumento di circa 130 e 50 per cento nel tasso di mortalità.

Ipotesi sul perché in Italia la mortalità per Covid è aumentata

«Non sappiamo quali possano essere le cause di questo andamento – conclude – ma ipotizziamo che le riaperture e l’allentamento delle misure di prevenzione possa aver giocato un ruolo primario, insieme al comportamento individuale meno attento della popolazione. C’è da aggiungere, infine, che dopo un anno dall’ultima dose, anche le vaccinazioni perdono efficacia. La combinazione di questi fattori, unitamente alla maggiore diffusività della variante Omicron e dei suoi sottogruppi, potrebbe aver portato a una più elevata mortalità di Covid-19. Sarà necessario acquisire dati di diverso tipo e valutare attentamente i modelli di diffusione e una serie di altre considerazioni per capire meglio da cosa possa dipendere un tasso di decessi così alto nel nostro paese».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Alluvione nelle Marche: tragedia «imprevedibile», ma annunciata
L'alluvione delle Marche era impossibile da prevedere perchè, secondo il Cnr, è avvenuto per circostanze particolari. La Sima sottolinea un aumento della frequenza di eventi estremi a causa dei cambiamenti climatici
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi