Sanità internazionale 29 Marzo 2022 13:30

Israele: con la quarta dose la protezione aumenta, ma la durata è molto breve

Uno studio israeliano suggerisce che la quarta dose di vaccino anti-Covid aumenta la protezione, ma la sua efficacia è molto limitata nel tempo

Israele: con la quarta dose la protezione aumenta, ma la durata è molto breve

Mentre la comunità scientifica continua a domandarsi se sia opportuno o meno prevedere una quarta dose di vaccino anti-Covid, i primissimi dati che ci arrivano da Israele, dove è stato dato il via libera al secondo richiamo, ci suggeriscono che questa ulteriore dose di vaccino anti-Covid funziona. Più precisamente la quarta dose aumenterebbe in modo significativo la protezione sia dalle forme gravi di Covid-19 che dall’infezione Sars-CoV-2. Tuttavia, la durata dell’efficacia è limitata.

In Israele via libera alla quarta dose già a gennaio

La somministrazione della quarta dose del vaccino Pfizer in Israele è iniziata già lo scorso gennaio, appena dopo che ci si è resi conto di un calo della protezione offerta dalla terza dose, complice anche la rapida diffusione della variante omicron. La popolazione analizzata dallo studio, pubblicato in pre-print su MedRXiv, comprende 97.499 partecipanti di età pari o superiore a 60 anni che erano idonei a ricevere una quarta dose di vaccino e che avevano eseguito almeno un test durante il periodo di studio. Di questi, 27.876 hanno ricevuto la quarta dose e 69.623 solo tre dosi.

Il secondo richiama offre una «notevole protezione aggiuntiva»

Le analisi si sono concentrate sul periodo che va dal 10 gennaio 2022, cioè 7 giorni dopo la prima somministrazione della quarta dose ai soggetti idonei, al 13 marzo, quando la variante omicron ha iniziato a predominare in Israele. Nello studio, sono state valutate le «infezioni breakthrough», ovvero le infezioni che si verificano in individui vaccinati, e le forme gravi di infezioni breakthrough. Ebbene, secondo i risultati dello studio, «una quarta dose ha fornito una notevole protezione aggiuntiva sia contro l’infezione da SARS-CoV-2 che contro la malattia grave rispetto a tre dosi del vaccino», dicono i ricercatori.

Le infezioni gravi tra chi ha ricevuto la quarta dose sono state meno dell’1%

«Tuttavia, l’efficacia del vaccino contro le infezioni è variata nel tempo, raggiungendo il picco durante la terza settimana con un’efficacia del 64% e scendendo al 29,2% entro la fine del periodo di follow-up di 10 settimane», sottolineano gli studiosi. «A differenza dell’efficacia del vaccino contro l’infezione, l’efficacia relativa di una quarta dose contro il Covid grave – continuano – si è mantenuta a un livello elevato (>73 per cento) durante il periodo di follow-up di 9 settimane. È importante sottolineare che la malattia grave è stata un evento relativamente raro, che si è verificato in meno dell’1% dei riceventi sia della quarta che della terza dose».

L’efficacia della quarta dose dura meno rispetto a quella della seconda e della terza dose

Il calo dell’efficacia del vaccino contro le infezioni è coerente con le precedenti osservazioni per la seconda e la terza dose del vaccino Pfizer. «Tuttavia, rispetto al modello di calo dell’efficacia relativa di tre dosi – spiegano i ricercatori – rispetto a due dosi in contesti reali, precedentemente dimostrato e che inizia circa 3 mesi dopo l’inoculazione, sembra che l’efficacia della quarta dose diminuisca prima, in modo simile al fatto che la terza dose diminuisce prima della seconda dose».

La bassa durata dell’efficacia potrebbe dipendere dal vaccino utilizzato

Questo calo più rapido, si ipotizza, è potenzialmente spiegato da una ridotta efficacia del vaccino Pfizer contro la variante omicron. «Inoltre, dobbiamo considerare che la stimolazione frequente con lo stesso vaccino a mRNA innesca una risposta immunologica che deve ancora essere completamente compresa in termini di durata, efficacia e modelli di calo dopo l’esposizione a diverse varianti», specificano i ricercatori, suggerendo che i dubbi espressi da alcuni esperti circa l’opportunità di prevedere una quarta dose con lo stesso vaccino sono più che leciti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...