Salute 18 Marzo 2022 15:25

«Quarta dose probabile, meglio però con un vaccino diverso». Il parere di Maga (CNR)

Secondo Giovanni Maga del Cnr è probabile che tutti faremo una quarta dose di vaccino, purché sia diverso da quelli disponibili oggi

«Quarta dose probabile, meglio però con un vaccino diverso». Il parere di Maga (CNR)

«È probabile che dopo l’estate tutti avremo bisogno di fare una quarta dose di vaccino anti-Covid, ma un secondo richiamo sarebbe più utile solo se fatto con un vaccino diverso da quelli oggi disponibili». Ne ha parlato ieri Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igm), a margine della conferenza di presentazione del suo ultimo libro intitolato «Pandemia e Infodemia» (edito Zannichelli), scritto a quattro mani con il giornalista Marco Ferrazzoli, capo ufficio stampa del Cnr.

Il virus ha accumulato molte mutazioni, dando origine a diverse varianti

«Il virus Sars-CoV-2 che circola oggi è diverso da quello che ha scatenato all’inizio la pandemia», spiega Maga. «In questi due anni il virus ha accumulato moltissime mutazioni, dando origine a nuove varianti che, stando alle evidenze scientifiche, continuano a essere sensibili ai vaccini attualmente disponibili, almeno nella prevenzione le forme gravi di Covid-19», aggiunge. «Tuttavia, credo che sarebbe auspicabile, se si dovesse fare un nuovo richiamo, utilizzare un vaccino diverso», suggerisce Maga.

«Servirebbe un vaccino in grado di offrire ampia protezione con omicron»

«Un vaccino completamente nuovo basato su più antigeni rispetto a quelli attuali e che quindi sia in grado di dare una protezione più ampia rispetto alla variante omicron», aggiunge. Nel frattempo però le aziende che producono i vaccini attualmente disponibili, come Pfizer e Moderna, pur lavorando alla realizzazione di vaccini aggiornati, sono convinte che presto una quarta dose andrà fatta. Lo ha detto qualche giorno fa il Ceo di Pfizer, Albert Bourla, secondo il quale un secondo richiamo sarebbe «necessario».

Moderna ha chiesto all’Fda l’autorizzazione per la quarta dose

Moderna, invece, ha già presentato alla Food and Drug Administration (Fda) degli Stati Uniti la richiesta per l’autorizzazione di emergenza alla somministrazione della quarta dose del suo vaccino contro il Covid-19 all’intera popolazione adulta degli Stati Uniti, anziché i soli soggetti di età superiore a 65 anni. Secondo una nota di Moderna, il via libera alla quarta dose consentirebbe ai Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie una maggiore «flessibilità» nella definizione delle misure per il contenimento della pandemia.

«La scienza ci indicherà la strada, non l’industria»

«Ovviamente non sono le industrie farmaceutiche a dettare l’agenda alle autorità sanitarie ma sempre e solo le evidenze scientifiche», sottolinea Maga. «Sarà molto importante continuare a studiare e a valutare i dati che avremo a disposizione presumibilmente nelle prossime settimane», aggiunge. Sarà molto importante continuare a studiare e a valutare i dati che avremo a disposizione presumibilmente nelle prossime settimane», sottolinea Maga. «Come sempre saranno le evidenze scientifiche a suggerirci quale sarà la strada più giusta da seguire», aggiunge. E’ innegabile che nel caso venga approvata una quarta dose ci sarà molto da lavorare sulla comunicazione al grande pubblico. In tanti già hanno espresso dubbi e perplessità sull’eventualità di una quarta dose di vaccino.

«Occorre rivedere anche la strategia comunicativa»

La speranza è che giornalisti e scienziati facciano meglio di quanto è stato fatto finora, come è ben documentato nel libro appena pubblicato da Maga e Ferrazzoli. «C’è bisogno- spiegano gli autori – di ripensare al rapporto tra chi fa ricerca e chi lavora nella comunicazione». Deve essere uno sforzo comune che deve partire da entrambe le parti. E in cui anche i destinatari finali, ovvero l’opinione pubblica, deve fare la sua parte. «Da un lato la stampa – spiegano Maga e Ferrazzoli – deve privilegiare le fonti di sicura attendibilità e autorevolezza, evitando la contrapposizione a tutti i costi; dall’altro i cittadini devono evitare di cadere nell’errore diffuso secondo cui chiunque è o può diventare esperto grazie alla lettura di una pagina web; e infine la comunità scientifica non deve prestarsi alla polarizzazione, ma seguire il metodo scientifico basato su cautela, dubbio e critica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali