Covid-19, che fare se...? 25 Gennaio 2022 13:13

I vaccini funzionano contro la variante Omicron?

L’aumento dei contagi dovuto alla diffusione della nuova variante del Sars-CoV-2 e il rischio di infettarsi anche se vaccinati hanno sollevato non pochi dubbi sull’efficacia dei vaccini. Cosa ne pensa l’Oms?

I vaccini funzionano contro la variante Omicron?

L’aumento dei contagi in concomitanza con la diffusione dell’Omicron e i tanti vaccinati che risultano quotidianamente positivi al Sars-CoV-2 hanno sollevato non pochi dubbi sull’efficacia dei vaccini verso questa ultima variante. Per chiarire la situazione, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato una serie di faq volte a smentire le fake news più diffuse.

I vaccini non funzionano contro Omicron?

Secondo l’Oms, «la vaccinazione dovrebbe fornire un’importante protezione contro malattie gravi e morte causate da Omicron, come fa con le altre varianti ancora in circolazione». Fino a questo punto, il «tasso relativamente più basso di ricoveri e decessi da Omicron è in gran parte dovuto alle tante persone già vaccinate». Questo perché «la vaccinazione stimola la risposta immunitaria dell’organismo al virus» e «non solo ci protegge dalle varianti attualmente in circolazione», Omicron inclusa, «ma è anche probabile che fornisca protezione da malattie gravi dovute a future mutazioni di Covid-19».

Le persone non vaccinate non si ammalano gravemente a causa della nuova variante?

L’Organizzazione mondiale della Sanità sostiene che «non è saggio incrociare le dita e sperare che tutto vada per il meglio con Omicron». Questo perché dai dati emersi finora risulta che «le persone non vaccinate sono maggiormente a rischio con Omicron». L’OMS sostiene che «l’enorme volume di nuove infezioni sta aumentando il numero di ricoveri nei Paesi in cui Omicron è diventata la variante dominante». In questi Paesi: «la maggior parte di coloro che necessitano di cure ospedaliere sono non vaccinati». Laddove le misure per frenare il contagio da Covid-19 sono assenti, secondo l’Organizzazione la variante «si diffonderà a una velocità senza precedenti». E, come già accaduto nell’ondata della variante Delta, «i non vaccinati saranno colpiti più duramente». Alla luce di queste considerazioni, la raccomandazione principale dell’Oms continua ad essere di «effettuare la vaccinazione» appena possibile, inclusa «la dose di richiamo, se prevista».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Gimbe: «Nuove sottovarianti omicron più contagiose, evadono la risposta immunitaria»
La Fondazione Gimbe nel consueto report settimanale rileva una diminuizione dei nuovi casi, dei decessi e dei ricoveri ordinari. La quarta dose non ingrana: coperti solo 166 mila immunocompromessi (21%) e meno di 385 mila altri fragili (8,7%). Cartabellotta: «Strategia attendista pericolosa»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...