Covid-19, che fare se...? 25 Gennaio 2022 13:13

I vaccini funzionano contro la variante Omicron?

L’aumento dei contagi dovuto alla diffusione della nuova variante del Sars-CoV-2 e il rischio di infettarsi anche se vaccinati hanno sollevato non pochi dubbi sull’efficacia dei vaccini. Cosa ne pensa l’Oms?

I vaccini funzionano contro la variante Omicron?

L’aumento dei contagi in concomitanza con la diffusione dell’Omicron e i tanti vaccinati che risultano quotidianamente positivi al Sars-CoV-2 hanno sollevato non pochi dubbi sull’efficacia dei vaccini verso questa ultima variante. Per chiarire la situazione, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato una serie di faq volte a smentire le fake news più diffuse.

I vaccini non funzionano contro Omicron?

Secondo l’Oms, «la vaccinazione dovrebbe fornire un’importante protezione contro malattie gravi e morte causate da Omicron, come fa con le altre varianti ancora in circolazione». Fino a questo punto, il «tasso relativamente più basso di ricoveri e decessi da Omicron è in gran parte dovuto alle tante persone già vaccinate». Questo perché «la vaccinazione stimola la risposta immunitaria dell’organismo al virus» e «non solo ci protegge dalle varianti attualmente in circolazione», Omicron inclusa, «ma è anche probabile che fornisca protezione da malattie gravi dovute a future mutazioni di Covid-19».

Le persone non vaccinate non si ammalano gravemente a causa della nuova variante?

L’Organizzazione mondiale della Sanità sostiene che «non è saggio incrociare le dita e sperare che tutto vada per il meglio con Omicron». Questo perché dai dati emersi finora risulta che «le persone non vaccinate sono maggiormente a rischio con Omicron». L’OMS sostiene che «l’enorme volume di nuove infezioni sta aumentando il numero di ricoveri nei Paesi in cui Omicron è diventata la variante dominante». In questi Paesi: «la maggior parte di coloro che necessitano di cure ospedaliere sono non vaccinati». Laddove le misure per frenare il contagio da Covid-19 sono assenti, secondo l’Organizzazione la variante «si diffonderà a una velocità senza precedenti». E, come già accaduto nell’ondata della variante Delta, «i non vaccinati saranno colpiti più duramente». Alla luce di queste considerazioni, la raccomandazione principale dell’Oms continua ad essere di «effettuare la vaccinazione» appena possibile, inclusa «la dose di richiamo, se prevista».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...