Salute 27 Gennaio 2022 17:31

Paxlovid, via libera alla pillola anti-Covid di Pfizer. Ema: «Attiva anche contro Omicron»

Il Paxlovid è il primo antivirale orale per Covid raccomandato in Ue. L’Agenzia europea per i medicinali precisa che verrà somministrato ai pazienti ad alto rischio di sviluppare la malattia in forma grave

Paxlovid, via libera alla pillola anti-Covid di Pfizer. Ema: «Attiva anche contro Omicron»

Il giorno tanto atteso è arrivato. L’Agenzia europea del farmaco ha rilasciato l’autorizzazione all’immissione in commercio del Paxlovid, il primo antivirale orale per Covid prodotto da Pfizer. Il suo iter, infatti, si è concluso prima di quello del molnupiravir di Merck, già usato in Italia ma che ancora non ha ricevuto un’autorizzazione formale da parte dell’Ema.

La pillola antivirale di Pfizer per il trattamento del Covid-19

Il Paxlovid contiene due principi attivi – PF-07321332 e ritonavir – in due compresse diverse. Il primo frena la capacità del Sars-CoV-2 di replicarsi. Il secondo, gli consente di rimanere più a lungo nell’organismo per contrastare la moltiplicazione del virus. I risultati dello studio che ha portato al verdetto di oggi, dimostrano che ha ridotto ricoveri o decessi nei pazienti con almeno una patologia pre-esistente.

Quando va usato e per chi è raccomandato: i risultati dello studio sul Paxlovid

L’Ema raccomanda l’utilizzo del farmaco nel trattamento di adulti con infezione di Sars-CoV-2, che non necessitano di ossigeno supplementare e sono ad alto rischio di sviluppare la malattia in forma grave. Le persone arruolate nello studio hanno ricevuto Paxlovid o un placebo entro 5 giorni dai primi sintomi Covid. Nel mese successivo al trattamento, lo 0,8% (8 su 1.039) è stato ricoverato in ospedale per più di 24 ore contro il 6,3% (66 su 1.046) che ha ricevuto il placebo. Non ci sono stati decessi nel gruppo Paxlovid, mentre ce ne sono stati 9 nel gruppo placebo.

«Efficace contro Omicron e altre varianti, benefici superiori ai rischi»

La maggior parte dei pazienti coinvolti aveva la variante Delta ma «si prevede che Paxlovid sia attivo anche contro Omicron e altre varianti» sottolinea l’Ema. Il profilo di sicurezza del farmaco è stato favorevole e gli effetti collaterali lievi. «Tuttavia – aggiunge l’agenzia Ue – è noto che ritonavir influenzi l’azione di altri medicinali. Verrà inviata una lettera alle organizzazioni degli operatori sanitari competenti per far presente il problema». L’Ema ha dunque concluso che i benefici del medicinale sono maggiori dei rischi. La Commissione europea invierà le raccomandazioni per una decisione rapida applicabile in tutti gli Stati membri dell’Ue.

Ceo Pfizer: «120 milioni di cicli di Paxlovid nel mondo»

«Un’espressione di fiducia, arriva in un momento critico in cui l’Europa affronta le sfide attuali della pandemia – commenta Albert Bourla, Ceo di Pfizer – . E in cui i tassi di infezione sono in aumento in molti Paesi del mondo. Siamo orgogliosi di avere una forte presenza manifatturiera in Europa – aggiunge -. Ci aiuterà a produrre fino a 120 milioni di cicli di Paxlovid a livello globale entro la fine del 2022». Il manager assicura: «Continueremo a lavorare in stretto contatto con i governi degli Stati membri dell’Ue per garantire che il trattamento possa essere reso disponibile ai pazienti in tutta Europa il più rapidamente possibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...