Salute 27 Gennaio 2022 17:31

Paxlovid, via libera alla pillola anti-Covid di Pfizer. Ema: «Attiva anche contro Omicron»

Il Paxlovid è il primo antivirale orale per Covid raccomandato in Ue. L’Agenzia europea per i medicinali precisa che verrà somministrato ai pazienti ad alto rischio di sviluppare la malattia in forma grave

Paxlovid, via libera alla pillola anti-Covid di Pfizer. Ema: «Attiva anche contro Omicron»

Il giorno tanto atteso è arrivato. L’Agenzia europea del farmaco ha rilasciato l’autorizzazione all’immissione in commercio del Paxlovid, il primo antivirale orale per Covid prodotto da Pfizer. Il suo iter, infatti, si è concluso prima di quello del molnupiravir di Merck, già usato in Italia ma che ancora non ha ricevuto un’autorizzazione formale da parte dell’Ema.

La pillola antivirale di Pfizer per il trattamento del Covid-19

Il Paxlovid contiene due principi attivi – PF-07321332 e ritonavir – in due compresse diverse. Il primo frena la capacità del Sars-CoV-2 di replicarsi. Il secondo, gli consente di rimanere più a lungo nell’organismo per contrastare la moltiplicazione del virus. I risultati dello studio che ha portato al verdetto di oggi, dimostrano che ha ridotto ricoveri o decessi nei pazienti con almeno una patologia pre-esistente.

Quando va usato e per chi è raccomandato: i risultati dello studio sul Paxlovid

L’Ema raccomanda l’utilizzo del farmaco nel trattamento di adulti con infezione di Sars-CoV-2, che non necessitano di ossigeno supplementare e sono ad alto rischio di sviluppare la malattia in forma grave. Le persone arruolate nello studio hanno ricevuto Paxlovid o un placebo entro 5 giorni dai primi sintomi Covid. Nel mese successivo al trattamento, lo 0,8% (8 su 1.039) è stato ricoverato in ospedale per più di 24 ore contro il 6,3% (66 su 1.046) che ha ricevuto il placebo. Non ci sono stati decessi nel gruppo Paxlovid, mentre ce ne sono stati 9 nel gruppo placebo.

«Efficace contro Omicron e altre varianti, benefici superiori ai rischi»

La maggior parte dei pazienti coinvolti aveva la variante Delta ma «si prevede che Paxlovid sia attivo anche contro Omicron e altre varianti» sottolinea l’Ema. Il profilo di sicurezza del farmaco è stato favorevole e gli effetti collaterali lievi. «Tuttavia – aggiunge l’agenzia Ue – è noto che ritonavir influenzi l’azione di altri medicinali. Verrà inviata una lettera alle organizzazioni degli operatori sanitari competenti per far presente il problema». L’Ema ha dunque concluso che i benefici del medicinale sono maggiori dei rischi. La Commissione europea invierà le raccomandazioni per una decisione rapida applicabile in tutti gli Stati membri dell’Ue.

Ceo Pfizer: «120 milioni di cicli di Paxlovid nel mondo»

«Un’espressione di fiducia, arriva in un momento critico in cui l’Europa affronta le sfide attuali della pandemia – commenta Albert Bourla, Ceo di Pfizer – . E in cui i tassi di infezione sono in aumento in molti Paesi del mondo. Siamo orgogliosi di avere una forte presenza manifatturiera in Europa – aggiunge -. Ci aiuterà a produrre fino a 120 milioni di cicli di Paxlovid a livello globale entro la fine del 2022». Il manager assicura: «Continueremo a lavorare in stretto contatto con i governi degli Stati membri dell’Ue per garantire che il trattamento possa essere reso disponibile ai pazienti in tutta Europa il più rapidamente possibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa