Salute 1 Ottobre 2021 16:06

Otorinolaringoiatria, i campanelli d’allarme per diagnosticare precocemente l’Osas

Casale (Campus Biomedico di Roma): «La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è frequente e ancora troppo sottostimata. La diagnosi deve essere il più precoce possibile perché può comportare delle conseguenze a breve e lungo termine»

Otorinolaringoiatria, i campanelli d’allarme per diagnosticare precocemente l’Osas

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (Osas) è caratterizzata da un riposo disturbato perché il paziente, nel corso della notte, respira male a tal punto da poter avere delle cessazioni del respiro. Si parla di apnee notturne o ipoapnee; entrambe, sono spesso associate al russamento. In genere, ne soffrono i pazienti in sovrappeso e che respirano male anche durante il giorno. Spesso, non risparmia chi soffre di ipertensione e disturbi cardiocircolatori.

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno: le conseguenze a breve e lungo termine

Abbiamo approfondito la patologia con Emanuele Casale, professore ordinario di otorinolaringoiatria e responsabile dell’Unità operativa di terapie integrate in otorinolaringoiatria presso il Policlinico Campus Biomedico di Roma.

«La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è una condizione molto frequente e purtroppo ancora troppo sottostimata – precisa il professor Casale -. Bisogna incentivare la diagnosi, che deve essere il più precoce possibile».

La patologia, infatti, specialmente se di entità moderata o severa – quindi quando ci sono diversi eventi respiratori notturni – può comportare delle conseguenze a breve e lungo termine tipiche della persona che dorme male. «L’Osas provoca astenia soprattutto mattutina – evidenzia il professor Casale -, facile affaticabilità, difficoltà nella concentrazione e poi a lungo andare, se non trattata, può comportare danni praticamente a tutti gli organi, soprattutto quello cardiovascolare».

La diagnosi di Osas: il ruolo dell’otorinolaringoiatra

Ma come si riconosce o esclude la malattia? «La diagnosi spesso nasce dal sospetto da parte del paziente o del partner di dormire male, di avere una respirazione alterata durante il sonno. Il paziente si reca dall’otorinolaringoiatra che, dopo una visita scrupolosa e un’anamnesi accurata, prescrive di effettuare la polisonnografia. Una metodica – prosegue il professor Casale – che rappresenta il gold standard della diagnosi delle apnee notturne. Consiste nel dormire con un dispositivo che consenta di valutare: il numero di apnee – quindi di cessazione del respiro -, il numero di alterazioni del respiro in termini di ipoapnee ed eventuali cali di ossigenazione del sangue. Ma anche in che posizione il paziente ha apnee o ipoapnee, se russa, quanto russa, in che posizione russa. Tutta una serie di informazioni che poi ci consentono di intraprendere un trattamento che può essere, a seconda dei casi, medico riabilitativo o chirurgico».

I polisonnigrafi di ultima generazione

I dispositivi più moderni e di ultima generazione permettono di effettuare la polisonnografia a domicilio, con il monitoraggio dei parametri vitali notturni del paziente attraverso un orologio e due sensori, uno al dito e uno al petto.

«È un esame semplice, è sufficiente dormire una notte per avere un’idea del grado di compromissione della respirazione notturna. Poi si torna dallo specialista per discutere i risultati. Con i risultati della polisonnografia si riesce ad inquadrare bene il paziente ed instradarlo ad un trattamento adeguato e multidisciplinare» conclude il professore.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Osas, attivato al Campus Bio-Medico di Roma il servizio di polisonnografia domiciliare
Con la polisonnografia digitale il paziente può effettuare l’esame a casa e ricevere il referto entro tre giorni dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?