Salute 1 Ottobre 2021 16:06

Otorinolaringoiatria, i campanelli d’allarme per diagnosticare precocemente l’Osas

Casale (Campus Biomedico di Roma): «La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è frequente e ancora troppo sottostimata. La diagnosi deve essere il più precoce possibile perché può comportare delle conseguenze a breve e lungo termine»

Otorinolaringoiatria, i campanelli d’allarme per diagnosticare precocemente l’Osas

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (Osas) è caratterizzata da un riposo disturbato perché il paziente, nel corso della notte, respira male a tal punto da poter avere delle cessazioni del respiro. Si parla di apnee notturne o ipoapnee; entrambe, sono spesso associate al russamento. In genere, ne soffrono i pazienti in sovrappeso e che respirano male anche durante il giorno. Spesso, non risparmia chi soffre di ipertensione e disturbi cardiocircolatori.

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno: le conseguenze a breve e lungo termine

Abbiamo approfondito la patologia con Emanuele Casale, professore ordinario di otorinolaringoiatria e responsabile dell’Unità operativa di terapie integrate in otorinolaringoiatria presso il Policlinico Campus Biomedico di Roma.

«La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è una condizione molto frequente e purtroppo ancora troppo sottostimata – precisa il professor Casale -. Bisogna incentivare la diagnosi, che deve essere il più precoce possibile».

La patologia, infatti, specialmente se di entità moderata o severa – quindi quando ci sono diversi eventi respiratori notturni – può comportare delle conseguenze a breve e lungo termine tipiche della persona che dorme male. «L’Osas provoca astenia soprattutto mattutina – evidenzia il professor Casale -, facile affaticabilità, difficoltà nella concentrazione e poi a lungo andare, se non trattata, può comportare danni praticamente a tutti gli organi, soprattutto quello cardiovascolare».

La diagnosi di Osas: il ruolo dell’otorinolaringoiatra

Ma come si riconosce o esclude la malattia? «La diagnosi spesso nasce dal sospetto da parte del paziente o del partner di dormire male, di avere una respirazione alterata durante il sonno. Il paziente si reca dall’otorinolaringoiatra che, dopo una visita scrupolosa e un’anamnesi accurata, prescrive di effettuare la polisonnografia. Una metodica – prosegue il professor Casale – che rappresenta il gold standard della diagnosi delle apnee notturne. Consiste nel dormire con un dispositivo che consenta di valutare: il numero di apnee – quindi di cessazione del respiro -, il numero di alterazioni del respiro in termini di ipoapnee ed eventuali cali di ossigenazione del sangue. Ma anche in che posizione il paziente ha apnee o ipoapnee, se russa, quanto russa, in che posizione russa. Tutta una serie di informazioni che poi ci consentono di intraprendere un trattamento che può essere, a seconda dei casi, medico riabilitativo o chirurgico».

I polisonnigrafi di ultima generazione

I dispositivi più moderni e di ultima generazione permettono di effettuare la polisonnografia a domicilio, con il monitoraggio dei parametri vitali notturni del paziente attraverso un orologio e due sensori, uno al dito e uno al petto.

«È un esame semplice, è sufficiente dormire una notte per avere un’idea del grado di compromissione della respirazione notturna. Poi si torna dallo specialista per discutere i risultati. Con i risultati della polisonnografia si riesce ad inquadrare bene il paziente ed instradarlo ad un trattamento adeguato e multidisciplinare» conclude il professore.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
OSAS: cos’è, diagnosi e cura. Ne parliamo con lo pneumologo
La sindrome da apnee ostruttive del sonno (OSAS) tormenta più persone di quante si possa pensare. Diagnosticarla non è sempre semplice, nemmeno per professionisti esperti e comporta una serie di rischi spesso sconosciuti. I chiarimenti dell'esperto, dott. Drigo (Ospedale Montebelluna)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...