Salute 15 Settembre 2021 13:27

Osas, attivato al Campus Bio-Medico di Roma il servizio di polisonnografia domiciliare

Con la polisonnografia digitale il paziente può effettuare l’esame a casa e ricevere il referto entro tre giorni dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico

Osas, attivato al Campus Bio-Medico di Roma il servizio di polisonnografia domiciliare

Coinvolge il 3-5% della popolazione, ma solo 40mila persone la curano. È la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (Osas), una patologia frequente e fortemente sottostimata caratterizzata da sonnolenza diurna e russamento notturno.

L’Osas e i rischi per la salute

A provocare le apnee notturne è il rilassamento dei muscoli durante il sonno che causa il collasso delle vie aree e blocca parzialmente il passaggio dell’aria. L’Osas, se non viene curata correttamente, può determinare malattie coronariche, aritmie, ipertensione, ictus, infarto e diabete di tipo 2. Anche la stanchezza e la sonnolenza diurna possono comportare pericolose conseguenze: il rischio di incidenti stradali è tredici volte superiore per chi soffre di Osas.

La correlazione tra le apnee ostruttive del sonno e le malattie cardiovascolari è ormai nota. Ecco perché è fondamentale riconoscere l’Osas con una diagnosi precoce e corretta. Uno degli esami diagnostici volti ad individuare o escludere la patologia è la polisonnografia. I dispositivi più moderni e tecnologici permettono di effettuare il monitoraggio dei parametri vitali notturni del paziente a domicilio attraverso un orologio e due sensori, uno al dito e uno al petto.

La polisonnografia domiciliare: i vantaggi

All’Università Campus Bio-Medico è possibile effettuare la polisonnografia domiciliare in modo semplice. «Il paziente non deve far altro che richiedere la prestazione – spiega a Sanità Informazione Gianluca Basso, responsabile dell’area privati della struttura –. Noi, insieme a Vedise, spediamo il device direttamente a casa, già preconfigurato con le informazioni necessarie affinché sia possibile effettuare l’esame. Il paziente non deve fare altro che collegare l’apparecchio».

Una volta effettuato l’esame, basterà trasferire tutte le informazioni su una piattaforma cloud «che consentirà l’accesso alla prestazione da parte del medico del Campus – specifica Basso – per una diagnosi finale che avverrà tra i 3 e i 5 giorni lavorativi. Il servizio prevede quindi un colloquio telefonico o una video visita con il paziente per un indirizzo terapeutico».

I vantaggi dei nuovi dispositivi sono tanti, uno su tutti la spedizione del device a domicilio. «Il paziente non deve più venire in struttura come succedeva precedentemente con altre tipologie di devices. Doveva fare la visita, farsi prescrivere la polisonnografia, montare il polisonnigrafo, tornare a casa sua e successivamente tornare a togliere il polisonnigrafo e attendere l’analisi dei dati e il referto. In questo caso, il paziente non si deve muovere, lo riceve comodamente a casa sua, effettua l’esame in totale serenità e comodità e poi lo butta. Questo device è usa e getta, non c’è obbligo di restituzione» precisa Basso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Farmaci pericolosi, da SIFO un vademecum per gli operatori sanitari
De Plato (SIFO): «La pubblicazione si propone di migliorare la gestione dei farmaci pericolosi, identificando i momenti di rischio e fornendo degli alert per la sicurezza dei sanitari»
di Isabella Faggiano
Vaccini anti-Covid in adolescenza: più rischi o benefici?
A Sanità Informazione il parere di Gabriella Pozzobon, presidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima): «Come per gli adulti, la vaccinazione è consigliata soprattutto agli adolescenti fragili con comorbidità. Ad oggi, i dati a nostra disposizione sui vaccini anti-Covid negli adolescenti sono pochi e la possibilità di trarre conclusioni definitive risulta limitata»
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari, Megna (cardiologo): «Ridurre del 50% il valore del colesterolo LDL»
«I pazienti ad alto rischio devono stare sotto a 70 mg/dl – dichiara a Sanità Informazione - quelli ad altissimo rischio sotto a 55 mg/dl»
Covid-19, cani addestrati per riconoscere i malati. Al via primo progetto di ricerca: mille pazienti coinvolti
Il progetto di ricerca è stato avviato a Roma presso il Drive-in Campus test del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e verrà realizzato per la prima volta al mondo su un campione statistico rilevante di oltre mille pazienti dell’Università Campus Bio-Medico di Roma
Termoablazione dei noduli tiroidei: uno studio italiano valuta la tecnica più efficace
La radiofrequenza più efficace del laser dopo un anno dal trattamento. Università Campus Bio-Medico di Roma ha collaborato con l’ospedale Santa Maria Goretti di Latina allo studio LARA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco