Giovani 20 Giugno 2019 11:15

Mukbang, la nuova tendenza social che arriva dalla Corea: abbuffarsi in diretta web

Perché tanto successo? Medde (psicoterapeuta): «È sempre più diffusa la ricerca di esperienze amplificate ed il Mukbang è una di queste: mangiare voracemente emettendo rumori forti e fastidiosi»

di Isabella Faggiano
Mukbang, la nuova tendenza social che arriva dalla Corea: abbuffarsi in diretta web

«Una sorta di bulimia digitale». È così che Paola Medde, psicologa e psicoterapeuta, coordinatrice del gruppo di lavoro psicologia e alimentazione dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, definisce il Mukbang, una delle ultima mode esplose sui social.

«Una tendenza – aggiunge l’esperta – che vede persone di ogni genere ed età piazzarsi di fronte ad una telecamera, mangiare quantità spropositate di cibo e caricare il video della “performance” appena terminata su Youtube». Il fenomeno è nato in Corea del Sud nel 2009, ma soltanto di recente si è diffuso nel resto del mondo, Italia compresa.

Ma se in estremo Oriente ci si ingozza per guadagnare, in Occidente lo si fa per il solo gusto di mettersi in mostra. «Il cibo diventa uno strumento per apparire, per essere sempre più social», commenta Medde. Anche se per essere protagonisti di un vero Mukbang non è sufficiente semplicemente abbuffarsi: «Bisogna mangiare voracemente – dice la psicoterapeuta – emettendo rumori forti e fastidiosi».

LEGGI ANCHE: BINGE DRINKING, UN GIOVANE SU TRE TRASCORRE IL WEEKEND ALL’INSEGNA DELL'”ABBUFFATA ALCOLICA”

E sarebbe proprio questa amplificazione sensoriale ad attirare la maggior parte dei followers: «Oggi assistiamo ad un fenomeno molto particolare – dice Medde -: la necessità di vivere esperienze amplificate, quella che lo psicologo Spencer ha definito la sense exploration. E il Mukbang rappresenta appieno il suo significato: da un lato ci si abbuffa, estremizzando ogni rumore, dall’altro ci si sente appagati nel vedere altre persone che provano una forte emozione mangiando».

E se il fenomeno dovesse prendere ulteriormente piede, la salute di interpreti e fruitori potrebbe essere in pericolo? «I rischi sono soprattutto di tipo imitativo – risponde la psicologa -. Questi video sono a disposizione di bambini ed adolescenti, giovani che hanno già un rapporto problematico con il cibo e che, quindi, tramite il meccanismo dell’identificazione, potrebbero scoprire ed emulare condotte alimentari tutt’altro che equilibrate».

Ma la dottoressa Medde esclude che i protagonisti di questi video possano avere un disturbo del comportamento alimentare, poiché «la caratteristica che accomuna chi soffre di anoressia o bulimia è la tendenza a nascondere il problema agli altri ed anche a se stessi. Allo stesso tempo – assicura – è da scartare pure l’ipotesi che possano diventare degli assidui spettatori. Chi è affetto da disturbi del comportamento alimentare guardando delle persone che mangiano, e che soprattutto lo fanno in questo modo estremo, – conclude la psicologa –  proverebbe disgusto e non interesse».

LEGGI ANCHE: DISTURBI ALIMENTARE, LA RETE ANANKE CURA LA FAMIGLIA PER GUARIRE IL PAZIENTE. ZAFFIRO (PSICOTERAPEUTA): «MALATTIA CHE SI NUTRE DELL’ANGOSCIA ALTRUI»

Articoli correlati
La storia di Micaela: «Dalla morte delle mie gemelline aiuto i genitori che affrontano un lutto perinatale»
CiaoLapo Onlus è un’associazione fondata da una mamma ed un papà che hanno perso il proprio figlio, Lapo, al termine della gravidanza. La psicoterapeuta: «Accogliamo chiunque affronti la perdita di un figlio in epoca perinatale, dai primi mesi di gravidanza al periodo successivo al parto»
di Isabella Faggiano
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»
Il presidente Marenco: «La sofferenza psicologica non si urla in piazza, ecco perché è fondamentale che la psicologia sia prevenzione prima ancora che cura»
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre