Salute 11 Luglio 2022 14:40

Baciare sulle labbra i bambini, giusto o sbagliato? «Puntiamo su manifestazioni più soft ma più efficaci»

Cosmi (componente Ordine Psicologi Lazio): «Il rischio non è erotizzare il rapporto, ma svuotare di significato l’affettività e confondere i ruoli»

Baciare sulle labbra i bambini, giusto o sbagliato? «Puntiamo su manifestazioni più soft ma più efficaci»

La mattina al risveglio, la sera prima di addormentarsi dopo la favola della buonanotte. Al ritorno da scuola, al ritorno dal lavoro. Ogni occasione è quella giusta, per un genitore, per coccolare il proprio bambino con un bacio. Sulle guance o sulla fronte? No, sempre più spesso, sulle labbra. Una pratica comunissima, soprattutto ai giorni nostri, sulla quale però si è recentemente acceso un dibattito social scaturito da un post dello psicologo Alberto Pellai, schieratosi apertamente contro questo tipo di manifestazione d’affetto tra genitori e figli. Il motivo? In estrema sintesi, una linea di demarcazione da non oltrepassare tra le effusioni affettive e quelle amorose, che potrebbero, queste ultime, destabilizzare e confondere i bambini. I follower dello specialista si sono, come era prevedibile, divisi tra chi continua a non vedere alcuna malizia nel gesto e tra chi invece concorda sulla non opportunità di un atteggiamento così intimo. Una cosa è certa: molte mamme e molti papà si stanno chiedendo se un gesto così spontaneo e innocente non rischi davvero di creare danni e turbamenti psichici ai loro figli. Sanità Informazione, a sua volta, ha chiesto un parere sulla questione alla dottoressa Valentina Cosmi, psicologa e sessuologa, componente Ordine Psicologi Lazio.

Dottoressa, condivide la levata di scudi del suo collega contro il bacio sulle labbra tra genitori e figli?

«Credo che prima di dare qualsiasi giudizio tranchant su questo tipo di manifestazione affettiva sia opportuno soffermarsi su una serie di variabili e di fattori legati al contesto di riferimento, come l’età del bambino, l’epoca storica e l’appartenenza geografica. Mi spiego: intanto il bacio sulle labbra da genitore a figlio è, almeno nella nostra società, una modalità molto recente, figlia di un’epoca in cui in generale l’agito tende a predomina sulle altre manifestazioni affettive (verbali e paraverbali). Così come dobbiamo distinguere tra il bacio sulle labbra ad un bambino molto piccolo e quello ad un bambino che ha magari già 5 o 6 anni: sono situazioni profondamente diverse».

Si rischia davvero di caricare di significati erotici un rapporto che dovrebbe esserne scevro?

«No, il punto non credo sia questo e se parliamo di un presunto rischio di “erotizzazione” del rapporto genitore figlio incappiamo in un grave fraintendimento di fondo. Questo rapporto nasce, in un certo senso, già intriso da alcune componenti che rimandano all’erotismo: basti pensare al fatto che il latte viene succhiato dal capezzolo materno o al momento del cambio del pannolino in cui per forza di cose i genitori puliscono i genitali dei figli. Questo per dire che non è il bacio sulle labbra in sé a inserire un elemento di “eros”, nel senso più profondo del termine, nel rapporto genitore-figlio».

Quindi qual è la vera questione?

«Più che chiederci se questa modalità sia giusta o sbagliata dovremmo chiederci: qual è il senso che diamo a questa modalità? Il bacio sulle labbra ci sembra maggiormente esprimere amore rispetto ad una carezza o a un abbraccio? Ci sembra che sia una manifestazione maggiormente decodificabile per il bambino? Io credo che questa pratica assolva ad un bisogno che è più dell’adulto che del bambino e a cui noi adulti attribuiamo un determinato significato. Anche perché il bisogno di contatto fisico non è assolutamente uguale per tutti i bambini, alcuni ne sono addirittura infastiditi».

Quali possono essere le ripercussioni negative sulla psiche dei bambini?

«Sicuramente può essere una modalità confondente, tant’è vero che tra genitori e figli adulti questa pratica decade. I bambini poi vedono che il bacio sulle labbra è una modalità che appartiene (anche) al rapporto tra mamma e al papà: è importante tenere ben separati i ruoli, o il rischio è che per il bambino possa diventare più difficile, una volta adulto, staccarsi dal guscio materno. Per un sano sviluppo psichico del bambino è fondamentale lasciare messaggi coerenti e lineari. Lo stesso concetto può applicarsi alle manifestazioni verbali di affetto: nella lingua italiana, dire “ti amo” e dire “ti voglio bene” esprimono due concetti profondamente diversi. Dire al proprio figlio “ti amo” invece di “ti voglio bene” può parimenti lasciar passare un messaggio confondente».

Su quali atteggiamenti conviene puntare allora, per far sentire il bambino amato e non “confuso”?

«Manifestazioni così eccessive spesso nascondono l’incapacità di esprimere lo stesso sentimento in altro modo, se manca la capacità di verbalizzare correttamente le emozioni, di ascoltare, di entrare in empatia. Questi sono tutti modi alternativi ed efficaci per far sentire un bambino amato. Allo stesso modo un abbraccio, che ha una forte valenza affettiva, regala la percezione di contenimento e di protezione, spesso necessaria a un bambino impaurito o agitato. Così come un bacio sulla fronte infonde al bambino una sensazione di sicurezza e sostegno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia
Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi
Viaggiare in sicurezza. Ad ogni bambino il suo seggiolino: come scegliere quello giusto
Altroconsumo ne ha testati 165, l’esperta: «Li abbiamo messi a dura prova, a velocità e decelerazioni più severe di quelle utilizzare durante i comuni test che verificano la presenza dei requisiti minimi di legge necessari all’omologazione». Ecco chi ha vinto la medaglia d’oro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale