Salute 4 Agosto 2022 14:05

Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto

Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»

Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto

Si può chiamare: citofobia, sitofobia o cibofobia, diversi nomi per indicare la paura verso il cibo.  Si tratta di un disturbo che, se trascurato, può diventare un completo rifiuto ad ingerire un prodotto tanto da richiedere un percorso di cura con un supporto psicologico in un centro specializzato. «In particolare, sono i bambini ad essere vittime di questa fobia – spiega Gianluca Castelnuovo, psicologo dell’istituto Auxologico di Milano –. Le percentuali sono basse e questo potrebbe rassicurare, ma con il lockdown e il Covid sono aumentate e destinate a crescere ancora».

Età media di chi soffre di citofobia è 12,9 anni

La paura del cibo in alcuni casi si traduce in un completo rifiuto ad ingerire un determinato prodotto a causa di una reazione allergica o a ricordi negativi in molti casi viene confuso con l’anoressia: «Spesso non viene diagnosticato o viene classificato sotto un altro termine – fa notare lo psicologo -. Di sicuro colpisce soggetti più giovani, addirittura bambini. La paura del cibo subentra in chi ha avuto una esperienza negativa con un alimento che è stato ingerito male o non è stato ben tollerato dal corpo. Uno degli ultimi studi fatti, nel 2020, ha evidenziato che l’età media di chi soffre di citofobia è 12,9 anni e con una durata di malattia di circa 3 anni. È un problema che non scompare da solo con il tempo, anzi è bene intercettarlo subito e richiede un trattamento anche perché spesso è abbinata ad altre problematiche come ansia e perdita di peso».

Origine traumatica

L’origine può essere di diversa natura, spesso è traumatica. «Può capitare un soffocamento, un blocco, una mal digestione che crea una situazione di disagio forte che porta ad un rifiuto verso un determinato prodotto. Il problema non è la reazione di disagio al momento, che è sana – prosegue Castelnuovo – perché significa che il corpo ha attivato delle difese e si sta proteggendo, ma diventa patologica quando si tende a generalizzare e da meccanismo di protezione diventa fobia verso tutti i cibi che hanno quelle caratteristiche, ad esempio sono solidi o non si piegano al tatto con la forchetta».

La casa: ogni luogo un campanello d’allarme

I genitori si accorgono del problema quando i bambini smettono di mangiare oppure si evidenzia una perdita di peso importante. In tal caso è bene scongiurare con esami altre patologie per poi concentrarsi sulla citofobia. Ma non sempre il problema è così evidente. Riconoscere una fobia del cibo non è facile: «Non è così automatico che si passi dall’esperienza negativa alla cronicizzazione del problema – aggiunge lo psicologo dell’Auxologico – spesso è l’evitare un prodotto che porta a strutturare la patologia e si genera una perdita di peso che non è associabile all’anoressia perché non si evidenza un problema di fisicità, ma di rifiuto del cibo per paura. In quei casi però la diagnosi viene confusa ed è il motivo per cui non esiste un registro di chi soffre di citofobia». È fondamentale, dunque, che i genitori siano vigili e riescano a percepire ogni piccolo segnale che potrebbe rivelare un problema profondo. «Io uso spesso la metafora della casa – riprende -, dove ogni ambiente può essere rivelatore: la cucina quando il bambino inizia a consumare i pasti in orari differenti, oppure a nascondere il cibo che non mangia; in bagno quando si protrae troppo la permanenza, la camera da letto quando si isola con i social. Ogni comportamento di compensazione è un segnale d’allarme».

Cosa fare

Nel momento in cui si identifica la fobia è importante rielaborare subito quanto accaduto, se ciò non accade occorre intervenire con un professionista. «Innanzitutto, si genera una ipersensibilità verso un determinato cibo, quindi è necessario desensibilizzare e far ripercorrere al paziente dei comportamenti che prima stavano nella norma. Ovviamente si fa in maniera graduale, con protocolli seguiti da psicologi e psicoterapeuti in collaborazione con pediatra e nutrizionista per riequilibrare l’apporto calorico».

Perché rivolgersi ad un centro specializzato

Per affrontare al meglio la citofobia è bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti. «All’Auxologico abbiamo una équipe che stabilisce la strada migliore da percorrere insieme. Esiste il servizio di psicologia clinica che prende in carico il paziente e viene stabilito se è necessario un ricovero per ripristinare i valori di sicurezza del corpo, oppure se è sufficiente un lavoro ambulatoriale o in day hospital. Il numero degli incontri varia a seconda dalla gravità della fobia – aggiunge -, se viene presa all’esordio o se è già generalizzata. Anche con un percorso di pochi mesi si può fare un buon lavoro. Nel caso in cui la fobia sia radicata con deliri che distorcono la realtà, si valuta anche l’impiego di farmaci».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale