Salute 1 Agosto 2022 16:46

Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia

Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi

Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia

Il nostro cervello è più sensibile agli insulti che ai complimenti, tanto che la reazione ad un’offesa sarebbe simile a quella innescata da uno schiaffo in faccia. È questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell’Università di Utrecht. Lo studio, recentemente pubblicato su Frontiers in Communication, ha analizzato le reazioni di 79 donne ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive che rispecchiano la realtà dei fatti (luogo di nascita, lingua madre, etc..), utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea, che si basa sulla variazione della resistenza elettrica della pelle provocata dai diversi stimoli emozionali.

Perché un’offesa è come uno schiaffo in faccia

«Non è la prima volta che gli studiosi si dedicano all’analisi delle reazioni neurofisiologiche che un individuo ha ascoltando affermazioni, più o meno offensive – dice Paola Biondi psicologa e psicoterapeuta, referente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio per il progetto Pari Opportunità -. A seconda della tipologia di parole pronunciate, positive o negative, si attivano specifiche aree del cervello. E nel caso degli insulti si tratta delle stesse che intervengono anche quando si riceve uno schiaffo in faccia», sottolinea l’esperta.

La complicità dei ricordi

Ma non è tutto. Come dimostrato anche dagli stessi ricercatori dell’università di Utrech, l’insulto cattura più velocemente e intensamente la nostra attenzione, poiché il nostro cervello “pesca” il significato emotivo dell’offesa ricevuta nella memoria a lungo termine. «Non è un caso che alcuni studi si siano concentrati sugli effetti che scaturiscono dal “no” e, soprattutto, sulle conseguenze che i continui dinieghi possono avere sulla formazione della propria autostima – aggiunge la psicologa -. In chiunque ascolti un “no” si verifica un aumento di cortisolo, comunemente definito l’ormone dello stress che, a sua volta, influenza alcune aree cerebrali come l’ippocampo, implicato nei processi mnemonici e la corteccia frontale, parietale e temporale, ritenute fondamentali per la comunicazione, l’elaborazione delle informazioni, la programmazione e la pianificazione dei comportamenti. Le parole positive, al contrario, coinvolgono le funzioni del lobo parietale cambiando la percezione di sé e degli altri e a lungo andare anche il talamo, cambiando la percezione della realtà».

Gli insulti non sono sempre universali

Gli insulti non scatenano un’analoga reazione in tutti gli individui. La percezione può variare a seconda del soggetto offeso, di chi pronuncia l’espressione negativa e del contesto socio-culturale. «Innanzitutto, se chi riceve l’offesa è un bambino o un soggetto neuroatipico potrebbe percepire l’insulto più grave di quanto realmente sia o, addirittura, confondere l’ironia con l’insulto perché non sempre si percepiscono le sfumature del linguaggio – commenta Biondi -. Ancora, anche le persone dotate di scarsa autostima potrebbero subire conseguenze peggiori di quelle percepite da chi invece è sicuro di sé. Allo stesso modo, la percezione dell’entità dell’offesa può variare ed aumentare se a pronunciarla è una persona cara. In più, ci sono degli insulti che sono considerati tali solo in determinate culture, mentre in altre sono considerate espressioni totalmente innocue. Accade soprattutto per considerazioni a sfondo razziale o omofobiche: laddove le minoranze razziali e sessuali siano totalmente integrate, frasi che ne mettano in evidenza eventuali differenze generalmente sono universalmente accettate e considerate scherzose e mai offensive».

Consigli pratici per scansare le offese

Se il soggetto con scarsa autostima è tra i più vulnerabili alle offese, allora sarà meglio che segua alcuni consigli pratici per evitare che una battutaccia possa rovinargli la giornata. «Innanzitutto – dice Biondi – se un individuo è consapevole di avere poca stima di sé, potrebbe lavorare per migliorare tale percezione individuale. Altra tecnica efficace è sminuire l’avversario, ovvero concentrarsi su un’immagine che lo ritrae a compiere azioni che ne offuschino l’austerità e il potere o in situazioni imbarazzanti, come nell’intimità del bagno di casa propria. Infine – conclude la psicologa – ognuno di noi, a prescindere dal suo grado di autostima, può individuare il proprio tallone di Achille ed allenarsi a parare i colpi che potenzialmente potrebbero essergli inflitti proprio sui punti di maggiore vulnerabilità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale