Lavoro 8 Agosto 2019

LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»

Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Ansia e depressione sono due delle patologie più diffuse tra le persone con disabilità». Lo sa bene Katia Caravello, psicologa e psicoterapeuta, che da quando aveva vent’anni ha dovuto imparare a convivere con il buio. «Ero al primo anno di Giurisprudenza –  racconta – e, nel giro di pochi mesi, alcuni disturbi alla vista si sono trasformati in luci ed ombre».

LEGGI ANCHE: GUARIRE DALLA BALBUZIE SI PUO’: CHIARA COMASTRI, PSICOLOGA ED EX BALBUZIENTE, CI SPIEGA COME AGISCE IL METODO PSICODIZIONE

In quel momento Katia ha deciso di abbandonare tutto, università compresa. Ma dopo un periodo di pausa, è tornata a studiare e si è laureata in Psicologia, diventando, poi, anche membro della direzione nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

E la scelta di questa facoltà non è stata casuale: «Ho capito che dovevo mettere la mia forza al servizio degli altri – dice – aiutandoli ad affrontare il mio stesso percorso. Spesso – continua la psicoterapeuta – chi ha una disabilità non si sente all’altezza di affrontare i problemi quotidiani, ha difficoltà di autonomia, di relazione. Può avere paura di fare qualunque cosa, di incorrere in un pericolo improvviso, di non essere accettato per ciò che è, ma di essere visto solo per la propria disabilità».

«Per questo – continua Katia Caravello -, uno psicologo accanto ad una persona con disabilità ha il compito di aiutarla ad accettare la propria condizione, che si tratti di una disabilità congenita o, come nel mio caso, acquisita. È necessario che si lavori sul senso di autostima e di auto-efficacia, due aspetti della vita dai quali dipende molto il benessere individuale di un disabile».

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, PARLA IL SOTTOSEGRETARIO ZOCCANO: «INVESTIRE SULLE ABILITÀ RESIDUE. RISORSE CI SONO, VANNO OTTIMIZZATE»

Anche il contesto in cui vive il paziente può influire negativamente sulla sua condizione, famiglia compresa: «I genitori o più in generale le persone care – dice Caravello – possono intralciare l’autonomia. Per questo lavorare con la famiglia è fondamentale: un atteggiamento iperprotettivo può limitare molto l’agire della persona e spesso anche il suo potere decisionale e la sua autodeterminazione».

Qualità che Katia Caravello non ha mai smesso di mostrare, andando avanti per la sua strada che l’ha condotta ad essere una psicoterapeuta attiva nel suo lavoro ed anche nel sociale. Una scelta che, con il tempo, si è rilevata un’arma a doppio taglio: «Essere una psicologa con disabilità può avere un valore aggiunto, ma nello stesso tempo – racconta – far emergere anche delle criticità. È un valore aggiunto nella misura in cui ti consente di comprendere meglio il vissuto dell’altra persona. Lo psicologo con disabilità può essere un buon esempio per il suo cliente, portando una testimonianza positiva di chi ha affrontato con successo questo percorso di accettazione. Però è anche un lavoro rischioso, soprattutto quando ci si trova di fronte ad una persona con la nostra stessa disabilità: è possibile che qualcosa della sua storia o della sua condizione risuoni in noi, riattivando qualche ferita ancora aperta»

Ma dopo dieci anni di esperienza sul campo, Katia Caravello ha imparato a gestire anche questa eventualità: «Bisogna stare molto attenti, ascoltando se stessi per comprendere quali sono i propri vissuti, distinguendoli da quelli dell’altra persona. Bisogna essere molto cauti anche quando si utilizzano quelli che lo psicoterapeuta americano Carl Rogers chiama “atti di trasparenza”, cioè il racconto di un pezzo della propria vita personale per l’altro. È necessario chiedersi se è davvero funzionale per il cliente, altrimenti gli si ruberebbe solo spazio e, soprattutto – conclude – se la cosa di cui si sta parlando è per il terapeuta una faccenda elaborata e chiusa, non più una ferita aperta».

Articoli correlati
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
Ogni anno in Giappone 100mila persone decidono di sparire. Sono gli “evaporati”
Cuzzocrea (psicologa e psicoterapeuta): «Si tratta di individui che, a causa di una profonda vergogna, scaturita da un fallimento lavorativo o personale, decidono di cambiare identità. In Italia, almeno per il momento, non ci sono studi sul fenomeno, solo i dati dell’agenzia del ministero dell’Interno che censisce le persone scomparse, compresi gli allontanamenti volontari»
di Isabella Faggiano
Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione»
Dopo l'approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell'Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»
di Isabella Faggiano
Fondazione TIM: con “TIMPEOPLE for Good” dona 200 mila euro a sostegno dei migliori progetti per il sociale
È BOT-TOM il vincitore dell’edizione 2019 di TIMPEOPLE for Good, l’iniziativa di Fondazione TIM finalizzata a dare spazio all’impegno delle persone del Gruppo TIM nel campo del sociale e alle loro esperienze di solidarietà. Il premio del valore di 100 mila euro, è stato consegnato a Roma dal Presidente TIM Fulvio Conti. Il progetto, nato […]
Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice
A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»
di Chiara Stella Scarano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone