Politica 4 Luglio 2019

Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»

Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»

Immagine articolo

Sulla disabilità c’è ancora tanto da fare in Italia. Un aiuto concreto può arrivare dagli Ordini professionali che possono fornire alle persone diversamente abili un supporto fondamentale. Una collaborazione virtuosa sta nascendo tra il sottosegretario alla Famiglia e alla Disabilità Vincenzo Zoccano e l’Ordine degli Psicologi.

LEGGI ANCHE: L’ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI COMPIE 30 ANNI. GIARDINA: «IL 40% DEI GIOVANI NON TROVA UN IMPIEGO ADEGUATO, SERVE ACCESSO CONTROLLATO»

Nelle settimane scorse il presidente CNOP (Consiglio Nazionale Ordini Psicologi) Fulvio Giardina e il componente dell’esecutivo David Lazzari hanno incontrato Zoccano: l’obiettivo è coinvolgere gli psicologi nella valutazione delle abilità residue dei cittadini disabili e al loro orientamento verso una coerente prospettiva lavorativa.

Zoccano, non vedente dall’età di 18 anni e un passato nel mondo associativo, è molto attivo sulle tematiche del suo dicastero: dal ‘Decreto inclusione’ con misure per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità alla riattivazione del Tavolo di confronto sulla non autosufficienza, tante le tematiche affrontate dal Sottosegretario nel primo anno di governo. «L’Europa deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive, ma se continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso», sottolinea il Sottosegretario a Sanità Informazione.

Sottosegretario, psicologia e disabilità. Perché è importante questo connubio?

«È importante perché secondo me gli psicologi insieme agli altri Ordini professionali possono darci una mano concreta per esempio per applicare l’ICF che è il sistema internazionale di classificazione del funzionamento (un sistema di classificazione della disabilità sviluppato dall’Organizzazione mondiale della sanità, ndr). Penso agli psicologi così come agli assistenti sociali: credo che questo connubio sicuramente ci darà una mano più efficace per inquadrare le abilità residue, perché il problema oggi non è quello che la persona con disabilità non può fare. Dobbiamo piuttosto assolutamente investire, non spendere, sulle abilità residue, cioè su tutte le innumerevoli abilità che la persona con disabilità conserva per darle dignità lavorativa e dignità formativa. È importante questo aspetto, fare sistema, il governo lavorerà proprio a questo. Insieme all’Ordine degli Psicologi vedremo di trovare modo di fare rete, di mettere a sistema saperi e conoscenze nell’interesse della collettività».

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

A proposito di investimento, si dice sempre che gli investimenti non siano mai sufficienti per la disabilità. Quello che avete fatto al governo è sufficiente o si aspetta di più?

«Continuerò a chiedere al ministero dell’Economia e delle Finanze maggiore sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza, sui caregiver familiari, ci sono tanti aspetti su cui la politica non ha fatto abbastanza, non si è curata come si deve dell’ottimizzazione delle risorse economiche. Non è vero che i soldi non ci sono, i soldi vanno ottimizzati. I calcoli di una Europa che è sempre più lontana evidentemente dalle nostre politiche di crescita deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive ma se noi continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso, noi non vogliamo che restino indietro, vogliamo che siano produttivi, cittadini tra i cittadini e non cittadini di serie B».

Articoli correlati
Le Supposte Di Carmelo, la prima “Sit down comedy” italiana per raccontare la quarantena di un disabile
Carmelo Comisi a 14 anni è stato vittima di un incidente stradale che gli ha causato una gravissima disabilità. Già ideatore del Disability Pride Italia, durante l’emergenza Covid ha realizzato una web-serie: «I normodotati ci presentano come un caso umano o come un supereroe sportivo. E invece noi non siamo nulla di tutto questo»
di Isabella Faggiano
Inps, presentato Osservatorio per la disabilità psichiatrica e psicosociale
Lo scopo è valutare e monitorare l’impatto che tali patologie generano sul “sistema Paese” e coinvolgere Centri di ricerca universitari, Istituzioni del settore sanitario e sociale e i principali stakeholder nazionali
Dl Rilancio, FAVO-FISH-AIL-UNIAMO: «Approvare emendamenti per lavoratori con disabilità»
Secondo le quattro associazioni ci sono modifiche da apportare su sorveglianza sanitaria (art.83) e sostegni economici per autonomi (art. 75 e 86) 
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
Covid-19 e disabilità, il presidente Fand e Anmic: «Fase 1 è stata drammatica, delusi da mancata attenzione ai caregiver»
L'appello di Nazaro Pagano per il rifornimento di dispositivi di sicurezza adatti e per condizioni di lavoro sicure per persone con disabilità. Bene i fondi riservati nei decreti, ma «essenziale che a settembre gli alunni con disabilità non siano esclusi da quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»