Politica 4 Luglio 2019

Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»

Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»

Immagine articolo

Sulla disabilità c’è ancora tanto da fare in Italia. Un aiuto concreto può arrivare dagli Ordini professionali che possono fornire alle persone diversamente abili un supporto fondamentale. Una collaborazione virtuosa sta nascendo tra il sottosegretario alla Famiglia e alla Disabilità Vincenzo Zoccano e l’Ordine degli Psicologi.

LEGGI ANCHE: L’ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI COMPIE 30 ANNI. GIARDINA: «IL 40% DEI GIOVANI NON TROVA UN IMPIEGO ADEGUATO, SERVE ACCESSO CONTROLLATO»

Nelle settimane scorse il presidente CNOP (Consiglio Nazionale Ordini Psicologi) Fulvio Giardina e il componente dell’esecutivo David Lazzari hanno incontrato Zoccano: l’obiettivo è coinvolgere gli psicologi nella valutazione delle abilità residue dei cittadini disabili e al loro orientamento verso una coerente prospettiva lavorativa.

Zoccano, non vedente dall’età di 18 anni e un passato nel mondo associativo, è molto attivo sulle tematiche del suo dicastero: dal ‘Decreto inclusione’ con misure per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità alla riattivazione del Tavolo di confronto sulla non autosufficienza, tante le tematiche affrontate dal Sottosegretario nel primo anno di governo. «L’Europa deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive, ma se continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso», sottolinea il Sottosegretario a Sanità Informazione.

Sottosegretario, psicologia e disabilità. Perché è importante questo connubio?

«È importante perché secondo me gli psicologi insieme agli altri Ordini professionali possono darci una mano concreta per esempio per applicare l’ICF che è il sistema internazionale di classificazione del funzionamento (un sistema di classificazione della disabilità sviluppato dall’Organizzazione mondiale della sanità, ndr). Penso agli psicologi così come agli assistenti sociali: credo che questo connubio sicuramente ci darà una mano più efficace per inquadrare le abilità residue, perché il problema oggi non è quello che la persona con disabilità non può fare. Dobbiamo piuttosto assolutamente investire, non spendere, sulle abilità residue, cioè su tutte le innumerevoli abilità che la persona con disabilità conserva per darle dignità lavorativa e dignità formativa. È importante questo aspetto, fare sistema, il governo lavorerà proprio a questo. Insieme all’Ordine degli Psicologi vedremo di trovare modo di fare rete, di mettere a sistema saperi e conoscenze nell’interesse della collettività».

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

A proposito di investimento, si dice sempre che gli investimenti non siano mai sufficienti per la disabilità. Quello che avete fatto al governo è sufficiente o si aspetta di più?

«Continuerò a chiedere al ministero dell’Economia e delle Finanze maggiore sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza, sui caregiver familiari, ci sono tanti aspetti su cui la politica non ha fatto abbastanza, non si è curata come si deve dell’ottimizzazione delle risorse economiche. Non è vero che i soldi non ci sono, i soldi vanno ottimizzati. I calcoli di una Europa che è sempre più lontana evidentemente dalle nostre politiche di crescita deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive ma se noi continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso, noi non vogliamo che restino indietro, vogliamo che siano produttivi, cittadini tra i cittadini e non cittadini di serie B».

Articoli correlati
Coronavirus, Noja (Iv): «Misure immediate per le persone con disabilità»
La richiesta della componente della commissione Affari Sociali della
Morte Anastasi, AISLA Firenze fa chiarezza sulla SLA e ricorda l’importanza delle cure palliative
Dopo la morte di Pietro Anastasi, AISLA Firenze, sezione fiorentina di AISLA Onlus, intende diffondere informazioni corrette sulla malattia. In occasione di eventi tragici come questo purtroppo si susseguono notizie sensazionalistiche, prive nella maggior parte dei casi di una adeguata conoscenza della malattia. Si ricorda che l’età media di insorgenza della SLA sporadica è di […]
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
Dalla Mesopotamia ad oggi, Gian Antonio Stella racconta “La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia”
Nel suo ultimo libro la firma del Corriere della Sera racconta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi. Poi sottolinea: «Presto avremo oltre 6 milioni di non autosufficienti, cosa stiamo facendo per loro?»
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...