Politica 4 Luglio 2019 10:56

Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»

Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»

Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»

Sulla disabilità c’è ancora tanto da fare in Italia. Un aiuto concreto può arrivare dagli Ordini professionali che possono fornire alle persone diversamente abili un supporto fondamentale. Una collaborazione virtuosa sta nascendo tra il sottosegretario alla Famiglia e alla Disabilità Vincenzo Zoccano e l’Ordine degli Psicologi.

LEGGI ANCHE: L’ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI COMPIE 30 ANNI. GIARDINA: «IL 40% DEI GIOVANI NON TROVA UN IMPIEGO ADEGUATO, SERVE ACCESSO CONTROLLATO»

Nelle settimane scorse il presidente CNOP (Consiglio Nazionale Ordini Psicologi) Fulvio Giardina e il componente dell’esecutivo David Lazzari hanno incontrato Zoccano: l’obiettivo è coinvolgere gli psicologi nella valutazione delle abilità residue dei cittadini disabili e al loro orientamento verso una coerente prospettiva lavorativa.

Zoccano, non vedente dall’età di 18 anni e un passato nel mondo associativo, è molto attivo sulle tematiche del suo dicastero: dal ‘Decreto inclusione’ con misure per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità alla riattivazione del Tavolo di confronto sulla non autosufficienza, tante le tematiche affrontate dal Sottosegretario nel primo anno di governo. «L’Europa deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive, ma se continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso», sottolinea il Sottosegretario a Sanità Informazione.

Sottosegretario, psicologia e disabilità. Perché è importante questo connubio?

«È importante perché secondo me gli psicologi insieme agli altri Ordini professionali possono darci una mano concreta per esempio per applicare l’ICF che è il sistema internazionale di classificazione del funzionamento (un sistema di classificazione della disabilità sviluppato dall’Organizzazione mondiale della sanità, ndr). Penso agli psicologi così come agli assistenti sociali: credo che questo connubio sicuramente ci darà una mano più efficace per inquadrare le abilità residue, perché il problema oggi non è quello che la persona con disabilità non può fare. Dobbiamo piuttosto assolutamente investire, non spendere, sulle abilità residue, cioè su tutte le innumerevoli abilità che la persona con disabilità conserva per darle dignità lavorativa e dignità formativa. È importante questo aspetto, fare sistema, il governo lavorerà proprio a questo. Insieme all’Ordine degli Psicologi vedremo di trovare modo di fare rete, di mettere a sistema saperi e conoscenze nell’interesse della collettività».

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

A proposito di investimento, si dice sempre che gli investimenti non siano mai sufficienti per la disabilità. Quello che avete fatto al governo è sufficiente o si aspetta di più?

«Continuerò a chiedere al ministero dell’Economia e delle Finanze maggiore sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza, sui caregiver familiari, ci sono tanti aspetti su cui la politica non ha fatto abbastanza, non si è curata come si deve dell’ottimizzazione delle risorse economiche. Non è vero che i soldi non ci sono, i soldi vanno ottimizzati. I calcoli di una Europa che è sempre più lontana evidentemente dalle nostre politiche di crescita deve tenere conto che la crescita passa anche attraverso le persone più deboli che non possono restare indietro, vogliono essere produttive ma se noi continuiamo con una politica assistenzialistica ovviamente finiscono per essere un peso, noi non vogliamo che restino indietro, vogliamo che siano produttivi, cittadini tra i cittadini e non cittadini di serie B».

Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
Vaccini, revisione del ‘Dopo di noi’, lavoro e Osservatorio: così la ministra Stefani rilancerà le politiche sulla disabilità
In audizione in Commissione Affari Sociali, Stefani ha sottolineato: «Favoriremo un approccio alle disabilità centrato sul progetto individuale della persona». Tanti progetti importanti anche nel Recovery Plan: «Obiettivo è rafforzare le infrastrutture sociali per migliorare la qualità della vita e aumentare l’autonomia». Poi l’annuncio: «A breve le prime Disability Card»
Disabilità, associazioni e professionisti sanitari a confronto. Perciballi (FNO TSRM PSTRP): «Persona sia al centro di patto reciproco di sostegno»
L’avvocato Laila Perciballi, Referente per la FNO TSRM PSTRP per i rapporti con la cittadinanza, ha moderato l’incontro con le associazioni delle famiglie con persone con disabilità organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Roma e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...