Lavoro 20 Giugno 2019

L’Ordine nazionale degli psicologi compie 30 anni. Giardina: «Il 40% dei giovani non trova un impiego adeguato, serve accesso controllato»

Le celebrazioni del trentennale della Legge 56 sono cominciate ieri al Quirinale dove il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto una delegazione del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Oggi, a Roma, una giornata di confronto tra professionisti ed Istituzioni. Tra i relatori internazionali Irving Kirsch della Harvard Medical School

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Era il 1989 quando con la Legge 56 del 18 febbraio, intitolata al Partigiano ed eroe della Resistenza recentemente scomparso Adriano Ossicini, gli psicologi ottenevano una norma propria.  «E soltanto lo scorso anno – dice Fulvio Giardina, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) – si è raggiunto un secondo importante traguardo: quella dello psicologo è diventata una professione sanitaria a tutti gli effetti, passando sotto la piena vigilanza del ministero della Salute. Ci sono voluti tre decenni – sottolinea Giardina – affinché il Paese si rendesse conto del contributo che gli psicologi possono offrire per la salute pubblica».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGIA DELLA CRONICITA’, LASTRETTI (PSICOTERAPEUTA): «ESISTE UNA VITA PRIMA ED UN’ALTRA DOPO LA DIAGNOSI»

Eppure, nonostante gli importanti riconoscimenti ottenuti, le difficoltà per chi si affaccia a questa professione permangono: «In Italia – sottolinea Giardina – siamo circa 110mila psicologi. Tanti o pochi è difficile dirlo, poiché questo numero è governato dal mondo accademico e della formazione. Di certo, il 40% dei giovani colleghi non riesce a trovare un’adeguata collocazione professionale. Per questo, vorremmo un accesso controllato alla professione».

Le celebrazioni per il trentennale della Legge 56 sono cominciate ieri, quando una delegazione del CNOP è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «Un evento importante che dà significato al nostro impegno», sottolinea Giardina. Oggi, invece, un’intera giornata è stata dedicata alla ricorrenza, attraverso momenti di confronto tra professionisti e Istituzioni.

LEGGI ANCHE: PSICOLOGIA, NASCE LA CONSULTA DEGLI STUDENTI: «ELIMINARE IL 3+2 E REGOLAMENTARE LA RETRIBUZIONE DEI TIROCINI»

«Abbiamo chiesto al Governo, che ci ha ascoltato – aggiunge Giardina – di trasformare tante esigenze sociali in opportunità. Mi riferisco in particolare al mondo della scuola dove siamo assenti, nonostante, in tutta Europa, lo psicologo abbia già ottenuto un ruolo importante. Oggi, infatti – commenta il presidente CNOP – parlare di una sola psicologia è sbagliato: la nostra è una professione che si estrinseca in moltissimi ambiti, non solo quello della salute, ma anche nel mondo dell’istruzione, della giustizia e del lavoro».

È Irving Kirsch lo speaker internazionale d’eccezione, l’esperto che attualmente dirige un programma di studi sull’effetto psicologico alternativo all’uso dei farmaci antidepressivi alla Harvard Medical School. « Kirsch – sottolinea il presidente CNOP – illustrerà come la depressione, un male sociale ed universale, non sia ormai gestita in maniera esclusiva dai farmaci. Presenterà, infatti,  nuovi dati sulla loro scarsa efficacia e le più recenti scoperte dell’effetto psicologico, che confermano la validità della psicoterapia come trattamento per la depressione, e più in generale il valore terapeutico di una buona relazione medico paziente».

Presente anche il regista Paolo Ruffini per descrivere un altro volto dello psicologo, attraverso  il suo progetto “up and down”, nel complicato mondo delle disabilità mentali. In serata, le celebrazioni del trentennale si concluderanno con un sfida calcistica che vedrà la Nazionale Deputati scendere in campo contro quella degli psicologi.

Articoli correlati
Psicologo di famiglia, MMG scettici. Onotri (SMI): «Fondi esigui, si rischia inutile duplicazione. Temiamo per ACN»
Il segretario del Sindacato Medici Italiani commenta la norma approvata con il Decreto Calabria: «Lo psicologo è necessario nelle reti integrate di assistenza socio-sanitaria, non negli studi medici dove sarebbe più utile avere degli infermieri o degli amministrativi che ci coadiuvino nel lavoro»
Scandalo affidi illeciti, Baroni (M5S) si autosospende da Ordine psicologi: «Professionisti coinvolti siano sospesi, evitare tentennamenti»
Dopo lo scandalo che ha portato all’arresto, tra gli altri, del sindaco di Bibbiano Andrea Carletti e di politici, medici, assistenti sociali il deputato e psicologo Cinque Stelle chiede un intervento netto: «Bisogna evitare ulteriori danni all'immagine della nostra categoria professionale, da personaggi che, a mio modesto avviso, nulla hanno a che spartire con la comunità scientifica per la cura dei bambini più fragili in età evolutiva»
Psicologi negli studi dei medici di famiglia, Magi (Sumai): «No. La Fimmg ha ragione»
«Siamo perfettamente in sintonia con quanto dichiarato da Silvestro Scotti, Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, il quale, in merito all’ipotesi prevista da Dl Calabria di introdurre gli Psicologi negli studi dei medici di base ha espresso tutta la sua contrarietà. Al contrario, la figura del medico di base dovrebbe essere affiancata da […]
Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG
La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta»
di Isabella Faggiano
Consiglio di Stato, psicologi potranno accedere alla direzione delle strutture di salute mentale
Lazzari (CNOP): «La sentenza difende il principio della multiprofessionalità già ribadito nei nuovi Lea». Tuttavia, l’emergenza è un’altra: «l’Italia investe troppo poco per la cura della salute mentale e la presenza di psicologi all’interno di queste strutture è inadeguata»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...