Formazione 20 Maggio 2019

Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»

Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Eliminare il 3+2, a favore di una laurea quinquennale e regolamentare i tirocini, prevedendo un rimborso spese adeguato ed un’offerta formativa omogenea su tutto il territorio nazionale. Sono questi i primi due impegni di cui si farà promotrice la neonata Consulta degli Studenti di Psicologia, un organismo voluto dall’Ordine per favorire la sinergia tra mondo della formazione e mondo della professione.

«È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli psicologi», spiega Leopoldo Pizzetti, studente della facoltà di psicologia di Firenze e promotore della Consulta. «Il nostro primo obiettivo sarà puntare all’eliminazione del 3+2. Il percorso di formazione degli psicologi è uno dei più lunghi in assoluto. Prima tre anni ed una tesi finale da preparare ed esporre. Poi, altri due per completare un percorso di studi che, altrimenti, non avrebbe alcuno sbocco professionale. Ancora due tirocini di sei mesi ciascuno e l’esame di Stato per ottenere l’abilitazione professionale. E chi vuole diventare psicoterapeuta ha altri 4 anni di scuola di psicoterapia davanti a sé». Calcolatrice alla mano, gli studenti più brillanti completeranno la loro formazione in 10 anni, gli altri dovranno attendere almeno 12 anni prima di avere una vera esperienza lavorativa.

Sì perché nemmeno l’esperienza post-laurea del tirocinio assomiglia in tutto e per tutto ad un impegno professionale. «Non sono retribuiti – sottolinea il promotore della Consulta – né tantomeno regolamentati. Questo si traduce in un’offerta formativa diversa da territorio a territorio. Per questo, il secondo obiettivo su cui ci impegneremo sarà proprio quello di promuovere la retribuzione e la regolamentazione dei tirocini post-laurea». La Consulta è stata inaugurata nel mese di marzo da un primo nucleo di sedici studenti, rappresentanti di diversi atenei italiani: «L’obiettivo ora – aggiunge Pizzetti – è allargarne la composizione, prevedendo un portavoce per ogni Facoltà di psicologia presente in Italia, in tutto poco più di trenta».

Ogni ateneo avrà dunque il suo diretto delegato: «Come rappresentante degli studenti di psicologia dell’università di Firenze – commenta Pizzetti – sono impegnato ogni mercoledì in un incontro con il mio gruppo studentesco, durante il quale vengono discussi tutti i problemi della facoltà, relativi sia alla formazione che al successivo accesso al mondo del lavoro».

Trovare uno sbocco professionale adeguato è, infatti, uno dei problemi più sentiti tra i neolaureati. Il divario tra domanda e offerta nel mercato del lavoro è enorme: in Italia ci sono 110 mila psicologi e 60 mila studenti, mentre in tutta Europa gli psicologi sono 300 mila. Numeri che rendono difficile la realizzazione dei sogni di molti studenti, nonostante abbiano affrontato un lungo percorso formativo ed accettato tirocini non retribuiti.

Articoli correlati
Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice
A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»
di Chiara Stella Scarano
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...