Salute 7 Marzo 2019

LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»

Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»

di Isabella Faggiano

È dal peggiore dei giorni della sua vita che Maurizio ha trovato la forza di ricominciare. Il 7 agosto del 2015 un suv gli ha tagliato la strada mentre era bordo della sua moto. L’incidente gli è costato l’amputazione dell’avambraccio sinistro. Poco dopo, Maurizio era già in piedi e, grazie ad una protesi, si è rimesso pure in sella alla sua moto, questa volta da pilota professionista.

Campione per due anni consecutivi alla OCTO Bridgestone Cup, il campionato riservato a piloti con disabilità, e primo classificato, nel 2017, all’International Bridgestone Handy Race, la manifestazione di moto paralimpico dedicata a piloti disabili provenienti da tutto il mondo. Maurizio Castelli, 26 anni, membro del consiglio direttivo dell’Associazione Diversamente Disabili – l’unica onlus a livello nazionale che provveda al recupero della patente speciale per piloti disabili – racconta la sua storia ai microfoni di Sanità Informazione e, soprattutto, il segreto dei suoi successi.

«Dopo l’amputazione dell’avambraccio, cominciando l’attività agonistica – ha commentato il motociclista professionista – ho dovuto fare i conti con la necessità di una preparazione atletica che fosse più avanzata e, soprattutto, adeguata alla mia disabilità. Così, per l’allenamento fuori pista – ha svelato Maurizio – ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana».

LEGGI ANCHE: «MA CHI ME LO FA FARE?». ECCO PERCHÈ LO SPORT ALL’ARIA APERTA FA BENE… SOPRATTUTTO IN INVERNO

I benefici dell’elettromiostimolazione (Ems) per un motociclista professionista possono essere molteplici. «L’Ems – ha spiegato Gherardo Bertocchi, chinesiologo compensativo adattivo e responsabile tecnico-scientifico nazionale Fit and Go – permette di lavorare su tutte le esigenze specifiche di ogni singolo sport. Nel caso del motociclismo, ad esempio, si punta al rinforzo della parte addominale o si simulano i movimenti che si eseguono in sella. Gli elettrodi sul corpo agiscono attraverso una fase di impulso ed una di non-impulso. Nella prima, si rinforzano i muscoli e nella seconda si allena la componente neuromuscolare, ovvero l’apprendimento o l’affinamento del movimento».

L’Ems può essere utilizzata anche durante la fase della riabilitazione: «La più conosciuta – ha continuato Bertocchi – è la tens fisioterapica, un allenamento di tipo passivo, molto utile in riabilitazione. Nella fase successiva, quella rieducativa, è consigliato, invece, l’Ems full body, che permette il recupero delle funzioni avanzate di un soggetto».

Ma a migliorare non è solo la tonicità muscolare: «L’allenamento con elettromiostimolazione – ha raccontato Maurizio Castelli – essendo molto più faticoso di qualsiasi altro esercizio classico, aumenta le prestazioni in moto, il livello di resistenza, le capacità respiratorie e agevola il recupero muscolare».

E, intanto, Maurizio è già pronto per riconquistare il podio per il terzo anno consecutivo. E non solo. «Scenderò in pista il 14 aprile a Cervesina sul circuito del Tazio nuvolari. Ma quest’anno – ha concluso – vorrei partecipare almeno ad una delle gare della Coppa Italia per normodotati».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, LA NAZIONALE BASKET ARTISTI SFIDA IN CARROZZINA GLI ATLETI GIOVANI E TENACI

Articoli correlati
Dl Rilancio, FAVO-FISH-AIL-UNIAMO: «Approvare emendamenti per lavoratori con disabilità»
Secondo le quattro associazioni ci sono modifiche da apportare su sorveglianza sanitaria (art.83) e sostegni economici per autonomi (art. 75 e 86) 
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
Covid-19 e disabilità, il presidente Fand e Anmic: «Fase 1 è stata drammatica, delusi da mancata attenzione ai caregiver»
L'appello di Nazaro Pagano per il rifornimento di dispositivi di sicurezza adatti e per condizioni di lavoro sicure per persone con disabilità. Bene i fondi riservati nei decreti, ma «essenziale che a settembre gli alunni con disabilità non siano esclusi da quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto»
Centri estivi, da giugno si riparte: ingressi scaglionati, meno bambini e priorità a disabili e soggetti fragili
Chiarla, direttore di CasaOz per bambini malati: «Stiamo progettando attività compatibili con il distanziamento sociale, preferibilmente all'aperto, e insegneremo le regole con giochi e segnaletica. I nostri bambini, essendo soggetti a rischio, finora non sono mai usciti di casa e in molti casi l'isolamento ha peggiorato la loro situazione». E per chi non potrà iscriversi c'è "Casa Smart"
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, Nocerino (M5S): «150 mln per fondi dedicati a disabili»
«Il decreto prevede un aumento di 90 milioni di euro della dotazione del Fondo per le non autosufficienze; di 20 mln per il Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, e di 40 mln per il Fondo di sostegno alle strutture semiresidenziali» sottolinea la senatrice Cinque Stelle
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...