Salute 7 Marzo 2019

LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»

Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»

di Isabella Faggiano

È dal peggiore dei giorni della sua vita che Maurizio ha trovato la forza di ricominciare. Il 7 agosto del 2015 un suv gli ha tagliato la strada mentre era bordo della sua moto. L’incidente gli è costato l’amputazione dell’avambraccio sinistro. Poco dopo, Maurizio era già in piedi e, grazie ad una protesi, si è rimesso pure in sella alla sua moto, questa volta da pilota professionista.

Campione per due anni consecutivi alla OCTO Bridgestone Cup, il campionato riservato a piloti con disabilità, e primo classificato, nel 2017, all’International Bridgestone Handy Race, la manifestazione di moto paralimpico dedicata a piloti disabili provenienti da tutto il mondo. Maurizio Castelli, 26 anni, membro del consiglio direttivo dell’Associazione Diversamente Disabili – l’unica onlus a livello nazionale che provveda al recupero della patente speciale per piloti disabili – racconta la sua storia ai microfoni di Sanità Informazione e, soprattutto, il segreto dei suoi successi.

«Dopo l’amputazione dell’avambraccio, cominciando l’attività agonistica – ha commentato il motociclista professionista – ho dovuto fare i conti con la necessità di una preparazione atletica che fosse più avanzata e, soprattutto, adeguata alla mia disabilità. Così, per l’allenamento fuori pista – ha svelato Maurizio – ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana».

LEGGI ANCHE: «MA CHI ME LO FA FARE?». ECCO PERCHÈ LO SPORT ALL’ARIA APERTA FA BENE… SOPRATTUTTO IN INVERNO

I benefici dell’elettromiostimolazione (Ems) per un motociclista professionista possono essere molteplici. «L’Ems – ha spiegato Gherardo Bertocchi, chinesiologo compensativo adattivo e responsabile tecnico-scientifico nazionale Fit and Go – permette di lavorare su tutte le esigenze specifiche di ogni singolo sport. Nel caso del motociclismo, ad esempio, si punta al rinforzo della parte addominale o si simulano i movimenti che si eseguono in sella. Gli elettrodi sul corpo agiscono attraverso una fase di impulso ed una di non-impulso. Nella prima, si rinforzano i muscoli e nella seconda si allena la componente neuromuscolare, ovvero l’apprendimento o l’affinamento del movimento».

L’Ems può essere utilizzata anche durante la fase della riabilitazione: «La più conosciuta – ha continuato Bertocchi – è la tens fisioterapica, un allenamento di tipo passivo, molto utile in riabilitazione. Nella fase successiva, quella rieducativa, è consigliato, invece, l’Ems full body, che permette il recupero delle funzioni avanzate di un soggetto».

Ma a migliorare non è solo la tonicità muscolare: «L’allenamento con elettromiostimolazione – ha raccontato Maurizio Castelli – essendo molto più faticoso di qualsiasi altro esercizio classico, aumenta le prestazioni in moto, il livello di resistenza, le capacità respiratorie e agevola il recupero muscolare».

E, intanto, Maurizio è già pronto per riconquistare il podio per il terzo anno consecutivo. E non solo. «Scenderò in pista il 14 aprile a Cervesina sul circuito del Tazio nuvolari. Ma quest’anno – ha concluso – vorrei partecipare almeno ad una delle gare della Coppa Italia per normodotati».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, LA NAZIONALE BASKET ARTISTI SFIDA IN CARROZZINA GLI ATLETI GIOVANI E TENACI

Articoli correlati
Calcio, gli infortuni sono scritti nella genetica. Giordano (Sbarro Institute): «Allenamenti personalizzati per limitarli»
Il direttore del centro di ricerca di Philadelphia: «Abbiamo dato vita al primo test diagnostico e preventivo sullo sviluppo degli infortuni dei calciatori e osservato che la comparsa dell’infortunio viene indicata da anomalie di cinque geni». Lo studio è stato condotto con il Napoli, ma è pronto a sbarcare Oltreoceano
Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità
Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Fondazione TIM: con “TIMPEOPLE for Good” dona 200 mila euro a sostegno dei migliori progetti per il sociale
È BOT-TOM il vincitore dell’edizione 2019 di TIMPEOPLE for Good, l’iniziativa di Fondazione TIM finalizzata a dare spazio all’impegno delle persone del Gruppo TIM nel campo del sociale e alle loro esperienze di solidarietà. Il premio del valore di 100 mila euro, è stato consegnato a Roma dal Presidente TIM Fulvio Conti. Il progetto, nato […]
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali