Salute 7 Marzo 2019 09:00

LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»

Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»

di Isabella Faggiano

È dal peggiore dei giorni della sua vita che Maurizio ha trovato la forza di ricominciare. Il 7 agosto del 2015 un suv gli ha tagliato la strada mentre era bordo della sua moto. L’incidente gli è costato l’amputazione dell’avambraccio sinistro. Poco dopo, Maurizio era già in piedi e, grazie ad una protesi, si è rimesso pure in sella alla sua moto, questa volta da pilota professionista.

Campione per due anni consecutivi alla OCTO Bridgestone Cup, il campionato riservato a piloti con disabilità, e primo classificato, nel 2017, all’International Bridgestone Handy Race, la manifestazione di moto paralimpico dedicata a piloti disabili provenienti da tutto il mondo. Maurizio Castelli, 26 anni, membro del consiglio direttivo dell’Associazione Diversamente Disabili – l’unica onlus a livello nazionale che provveda al recupero della patente speciale per piloti disabili – racconta la sua storia ai microfoni di Sanità Informazione e, soprattutto, il segreto dei suoi successi.

«Dopo l’amputazione dell’avambraccio, cominciando l’attività agonistica – ha commentato il motociclista professionista – ho dovuto fare i conti con la necessità di una preparazione atletica che fosse più avanzata e, soprattutto, adeguata alla mia disabilità. Così, per l’allenamento fuori pista – ha svelato Maurizio – ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana».

LEGGI ANCHE: «MA CHI ME LO FA FARE?». ECCO PERCHÈ LO SPORT ALL’ARIA APERTA FA BENE… SOPRATTUTTO IN INVERNO

I benefici dell’elettromiostimolazione (Ems) per un motociclista professionista possono essere molteplici. «L’Ems – ha spiegato Gherardo Bertocchi, chinesiologo compensativo adattivo e responsabile tecnico-scientifico nazionale Fit and Go – permette di lavorare su tutte le esigenze specifiche di ogni singolo sport. Nel caso del motociclismo, ad esempio, si punta al rinforzo della parte addominale o si simulano i movimenti che si eseguono in sella. Gli elettrodi sul corpo agiscono attraverso una fase di impulso ed una di non-impulso. Nella prima, si rinforzano i muscoli e nella seconda si allena la componente neuromuscolare, ovvero l’apprendimento o l’affinamento del movimento».

L’Ems può essere utilizzata anche durante la fase della riabilitazione: «La più conosciuta – ha continuato Bertocchi – è la tens fisioterapica, un allenamento di tipo passivo, molto utile in riabilitazione. Nella fase successiva, quella rieducativa, è consigliato, invece, l’Ems full body, che permette il recupero delle funzioni avanzate di un soggetto».

Ma a migliorare non è solo la tonicità muscolare: «L’allenamento con elettromiostimolazione – ha raccontato Maurizio Castelli – essendo molto più faticoso di qualsiasi altro esercizio classico, aumenta le prestazioni in moto, il livello di resistenza, le capacità respiratorie e agevola il recupero muscolare».

E, intanto, Maurizio è già pronto per riconquistare il podio per il terzo anno consecutivo. E non solo. «Scenderò in pista il 14 aprile a Cervesina sul circuito del Tazio nuvolari. Ma quest’anno – ha concluso – vorrei partecipare almeno ad una delle gare della Coppa Italia per normodotati».

LEGGI ANCHE: DISABILITA’, LA NAZIONALE BASKET ARTISTI SFIDA IN CARROZZINA GLI ATLETI GIOVANI E TENACI

Articoli correlati
Disabilità, Falabella (FISH): «Serve Fondo unico per dare concretezza a riforme»
Parla il Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che plaude al Decreto LEA ma chiede un aggiornamento del nomenclatore tariffario. Sulla Disability card chiarisce: «Strumento utile ma al momento è una semplice sostituzione della certificazione di invalidità della legge 104. Dobbiamo inserire più servizi»
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...