Salute 18 Luglio 2019

Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)

Immagine articolo

Siamo ancora lontani dallo sconfiggere la dipendenza da tabacco. Sono 12 milioni i fumatori nel Bel Paese, più di un italiano su cinque. Una lotta impari secondo il dottor Vincenzo Zagà, presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB), il quale ha denunciato l’assenza di una preparazione specifica degli operatori sanitari sulla materia.

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile – ha spiegato Zagà ai microfoni di Sanità Informazione – e questo non è accettabile. Ormai non si può andare avanti più in questo modo. Per questo motivo noi proponiamo insieme all’Istituto Superiore di Sanità di fare un passo ufficiale, se possibile anche insieme al Ministero della Salute, presso il Ministero della pubblica istruzione affinché si cambino i programmi universitari e si inserisca la tabaccologia a pieno diritto. E non affidarla solamente al buon cuore di qualche clinico che capisce il problema e che la inserisce nel suo piano di studio».

LEGGI: GIORNATA SENZA TABACCO, È EMERGENZA: UN RAGAZZO SU CINQUE FUMA, TRA LE SIGNORE AUMENTANO TUMORI AL POLMONE

«I medici di famiglia dovrebbero avere un ruolo molto importante – continua il professore -. Purtroppo il 15% appena dei medici di famiglia consiglia al fumatore di smettere di fumare e quindi bisogna sicuramente alzare un po’ il livello di attenzione e ovviamente come dicevo prima anche di cultura sulla tabaccologia. Come ho detto nel mio intervento: in un’efficace strategia militare devi conoscere perfettamente il nemico altrimenti non lo puoi sconfiggere».

«La prevenzione è il tallone d’Achille di noi tabaccologi, – conclude Vincenzo Zagà – ma un po’ di tutti i clinici. Ci sono programmi che assorbono risorse però con efficacia piuttosto bassa. Sicuramente questo modello inglese e francese dello stop october, sembra abbastanza interessante da percorrere. Speriamo che il nostro ministero e l’Istituto Superiore di Sanità si facciano promotori di programmi e progetti, anche se non ci sono risorse ma in una programmazione un pochino più organica forse questo lo si può fare».

Articoli correlati
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
«Ddl Antiviolenza senza fondi», la denuncia della senatrice Boldrini (PD). Ecco cosa non è stato fatto
Dalle modifiche al domicilio alla formazione professionale, la senatrice del Partito Democratico, Paola Boldrini spiega in un’intervista le ragioni che in XII Commissione Igiene e Sanità hanno portato l’opposizione ad astenersi dal votare il provvedimento
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone