Formazione 18 Luglio 2019 15:35

Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)

Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»

Siamo ancora lontani dallo sconfiggere la dipendenza da tabacco. Sono 12 milioni i fumatori nel Bel Paese, più di un italiano su cinque. Una lotta impari secondo il dottor Vincenzo Zagà, presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB), il quale ha denunciato l’assenza di una preparazione specifica degli operatori sanitari sulla materia.

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile – ha spiegato Zagà ai microfoni di Sanità Informazione – e questo non è accettabile. Ormai non si può andare avanti più in questo modo. Per questo motivo noi proponiamo insieme all’Istituto Superiore di Sanità di fare un passo ufficiale, se possibile anche insieme al Ministero della Salute, presso il Ministero della pubblica istruzione affinché si cambino i programmi universitari e si inserisca la tabaccologia a pieno diritto. E non affidarla solamente al buon cuore di qualche clinico che capisce il problema e che la inserisce nel suo piano di studio».

LEGGI: GIORNATA SENZA TABACCO, È EMERGENZA: UN RAGAZZO SU CINQUE FUMA, TRA LE SIGNORE AUMENTANO TUMORI AL POLMONE

«I medici di famiglia dovrebbero avere un ruolo molto importante – continua il professore -. Purtroppo il 15% appena dei medici di famiglia consiglia al fumatore di smettere di fumare e quindi bisogna sicuramente alzare un po’ il livello di attenzione e ovviamente come dicevo prima anche di cultura sulla tabaccologia. Come ho detto nel mio intervento: in un’efficace strategia militare devi conoscere perfettamente il nemico altrimenti non lo puoi sconfiggere».

«La prevenzione è il tallone d’Achille di noi tabaccologi, – conclude Vincenzo Zagà – ma un po’ di tutti i clinici. Ci sono programmi che assorbono risorse però con efficacia piuttosto bassa. Sicuramente questo modello inglese e francese dello stop october, sembra abbastanza interessante da percorrere. Speriamo che il nostro ministero e l’Istituto Superiore di Sanità si facciano promotori di programmi e progetti, anche se non ci sono risorse ma in una programmazione un pochino più organica forse questo lo si può fare».

Articoli correlati
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Dislipidemie, Papa (cardiologo): «Un trattamento intensivo può ridurre il colesterolo LDL in sole 24 ore»
«Laddove il target terapeutico non fosse raggiunto con le statine è ragionevole ricorrere ad una terapia combinata con vari farmaci» spiega il medico a Sanità informazione
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?
Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...