Salute 18 Luglio 2019

Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)

Immagine articolo

Siamo ancora lontani dallo sconfiggere la dipendenza da tabacco. Sono 12 milioni i fumatori nel Bel Paese, più di un italiano su cinque. Una lotta impari secondo il dottor Vincenzo Zagà, presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB), il quale ha denunciato l’assenza di una preparazione specifica degli operatori sanitari sulla materia.

«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile – ha spiegato Zagà ai microfoni di Sanità Informazione – e questo non è accettabile. Ormai non si può andare avanti più in questo modo. Per questo motivo noi proponiamo insieme all’Istituto Superiore di Sanità di fare un passo ufficiale, se possibile anche insieme al Ministero della Salute, presso il Ministero della pubblica istruzione affinché si cambino i programmi universitari e si inserisca la tabaccologia a pieno diritto. E non affidarla solamente al buon cuore di qualche clinico che capisce il problema e che la inserisce nel suo piano di studio».

LEGGI: GIORNATA SENZA TABACCO, È EMERGENZA: UN RAGAZZO SU CINQUE FUMA, TRA LE SIGNORE AUMENTANO TUMORI AL POLMONE

«I medici di famiglia dovrebbero avere un ruolo molto importante – continua il professore -. Purtroppo il 15% appena dei medici di famiglia consiglia al fumatore di smettere di fumare e quindi bisogna sicuramente alzare un po’ il livello di attenzione e ovviamente come dicevo prima anche di cultura sulla tabaccologia. Come ho detto nel mio intervento: in un’efficace strategia militare devi conoscere perfettamente il nemico altrimenti non lo puoi sconfiggere».

«La prevenzione è il tallone d’Achille di noi tabaccologi, – conclude Vincenzo Zagà – ma un po’ di tutti i clinici. Ci sono programmi che assorbono risorse però con efficacia piuttosto bassa. Sicuramente questo modello inglese e francese dello stop october, sembra abbastanza interessante da percorrere. Speriamo che il nostro ministero e l’Istituto Superiore di Sanità si facciano promotori di programmi e progetti, anche se non ci sono risorse ma in una programmazione un pochino più organica forse questo lo si può fare».

Articoli correlati
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
Covid-19, come è stata affrontata la pandemia in Cina? I manuali di Wuhan diventano un corso di formazione
Online il corso ECM “Covid-19, l’esperienza cinese: prevenzione, diagnosi e trattamento”. Il responsabile scientifico Paolo Arangio: «Abbiamo tradotto e riadattato i manuali distribuiti nell’ospedale di Wuhan»
Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»
Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali
La nicotina ferma il Coronavirus? Pacifici (Iss): «Notizia mal gestita e dagli esiti pericolosi»
La storia dello studio in fase sperimentale all’ospedale di Parigi. La responsabile del Centro nazionale dipendenze: «Siamo preoccupati. La diffusione scorretta e incontrollata di queste notizie ha aperto delle aspettative per un segmento di popolazione fragile come quella fumatrice»
di Tommaso Caldarelli
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco