Salute 31 Maggio 2019

Giornata senza Tabacco, è emergenza: un ragazzo su cinque fuma, tra le signore aumentano tumori al polmone

Entro il 2030 moriranno, ogni anno, oltre 8 milioni di fumatori. Tiseo (oncologo): «In due casi su tre la diagnosi arriva quando il tumore è inoperabile. Per questi pazienti terapie innovative che allungano la vita»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Si muore più per il fumo di sigaretta che per alcol, Aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. Questo nemico numero uno della salute, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, miete sei milioni di vittime ogni anno. Pur essendo causa certa o probabile di almeno 25 malattie tra cui la broncopneumopatia cronica ostruttiva, le cardiopatie, le vasculopatie, il cancro del polmone e altre forme di tumore, le persone che non rinunciano al fumo di sigaretta sono ancora tante. In Italia questa cattiva abitudine riguarda il 23,3% della popolazione, per un totale di circa 12,2 milioni di persone.

È a loro ed a tutti i potenziali fumatori che si rivolge la Giornata Mondiale senza Tabacco 2019, in programma venerdì 31 maggio. Per celebrarla l’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, scende in campo, come ogni anno, con una campagna di sensibilizzazione (www.airc.it).

C’è grande preoccupazione per il sensibile aumento del numero di donne fumatrici: «L’abitudine al fumo – spiega Marcello Tiseo, ricercatore Airc e medico oncologo presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma – è in riduzione tra gli uomini, mentre cresce tra il sesso femminile, incremento che va di pari passo ad un aumento dei tumori polmonari tra il gentil sesso. L’incidenza di questa patologia resta più alta tra i maschi, ma con un trend in diminuzione».

LEGGI ANCHE: FUMO, IL MODO PIU’ EFFICACE PER SMETTERE DI FUMARE E’ COMBINAZIONE DI COUNSELING E FARMACI 

Anche la scelta del tipo di sigaretta ha contribuito ad un cambiamento della patologia, ma questa volta non in termini di percentuali. «Sempre più fumatori – continua l’oncologo – scelgono le sigarette light, un nuovo orientamento di consumo che non ha ridotto il numero di casi di tumore al polmone, bensì la sua tipologia. Chi fuma sigarette light svilupperà con più probabilità un adenocarcinoma, un tumore di tipo periferico».

Accanto alle donne nella lista nera delle cattive abitudini ci sono i giovanissimi: accendono la prima sigaretta tra i 10 e i 13 anni e un ragazzo su cinque, fra 13 e i 15 anni, fuma quotidianamente le sigarette. Il 18%, invece, utilizza le e-cig, le sigarette elettroniche: «Addirittura – aggiunge Tiseo – tra gli adolescenti è sempre più frequente utilizzare la sigaretta elettronica pur non avendone mai acceso una tradizionale. Una cattiva abitudine da bandire al più presto – sottolinea l’esperto – perché non conosciamo i veri rischi di questo utilizzo. Sono in uso da pochi anni e non ci sono né studi, né dati sufficienti per trarre delle conclusioni scientificamente fondate». Anche se non contengono i pericolosi prodotti della combustione, nei liquidi delle e-cig ci sono altre sostanze potenzialmente tossiche. «La sigaretta elettronica – continua il ricercatore Airc – dovrebbe essere utilizzata esclusivamente dai fumatori che intendono smettere, anche se il centro-antifumo, con terapie farmacologiche e psicologiche, rappresenta ancora oggi la soluzione più efficace».

Prima si smette di fumare e prima si comincerà a ridurre il proprio personale rischio di sviluppare un cancro polmonare: «A dieci-venti anni dall’ultima sigaretta – sottolinea Tiseo – si potrà assistere ad una riduzione della possibilità di sviluppare un tumore. Questo rischio è ovviamente variabile a seconda del numero di sigarette accese e del totale di anni trascorsi da fumatore».

L’85% dei tumori polmonari è dovuto al fumo, un dato che sale al 90% se si considera anche il fumo passivo: «Su 10 tumori polmonari soltanto 1 o 2 insorgono in persone che non hanno mai fumato. I fattori responsabili – dice l’oncologo – non sono ancora chiari, ma le ipotesi più accreditate vedono l’inquinamento atmosferico e il gas radon negli ambienti domestici tra i principali responsabili».

In Italia si stima che ogni anno siano da 70 mila a 83 mila i decessi attribuibili al fumo, e di questi oltre il 25% riguarda persone di un’età compresa tra i 35 e i 65 anni.  «In due casi su tre – aggiunge il ricercatore Airc – i pazienti scoprono il tumore in fase avanzata: la diagnosi arriva quando ormai non sono più operabili».

Fortunatamente, grazie ai progressi della ricerca scientifica, oggi sono disponibili delle cure adatte anche ai soggetti inoperabili: «Si tratta dell’immunoterpia e delle terapie a target molecolare. La prima – dice Tiseo – può garantire un allungamento della vita importante, ma solo nel 20% dei pazienti trattati ed in una percentuale ancora più bassa può indurre alla guarigione. La seconda, utilizzabile solo in presenza di alterazioni genetiche specifiche, può allungare la vita di uno o due anni, senza alcuna speranza di sconfiggere la malattia in modo definitivo».

Nel prossimo futuro potrà essere la diagnosi precoce a salvare molte vite: «La Tac spirale, come dimostrato da diversi studi – spiega l’oncologo – potrebbe ridurre la mortalità. È un utile strumento di diagnosi precoce, ma non ancora riconosciuto dal SSN, come ad esempio lo è la mammografia per il tumore al seno». Ma le innovazioni terapeutiche e diagnostiche non devono indurre ad abbassare la guardia: «Che oggi le persone inoperabili possano vivere più a lungo o che nei prossimi anni potremmo avere a disposizione screening efficaci non significa che chi fuma può continuare a farlo. L’arma più efficace contro il tumore al polmone – conclude il ricercatore Airc – resta e resterà sempre la completa rinuncia al fumo di sigaretta».

Articoli correlati
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
La nicotina ferma il Coronavirus? Pacifici (Iss): «Notizia mal gestita e dagli esiti pericolosi»
La storia dello studio in fase sperimentale all’ospedale di Parigi. La responsabile del Centro nazionale dipendenze: «Siamo preoccupati. La diffusione scorretta e incontrollata di queste notizie ha aperto delle aspettative per un segmento di popolazione fragile come quella fumatrice»
di Tommaso Caldarelli
Dalla revisione del 5 per mille al potenziamento del fondo di non autosufficienza, le richieste del Terzo settore al Governo
Nove Associazioni (tra cui AIL, Telethon, Emergency, Airc) stilano una serie di proposte con gli interventi più urgenti per la messa in sicurezza del sistema sociale italiano nella fase di emergenza sanitaria e per la ripartenza
Allarme testosterone, nei maschi americani è in caduta libera. E in Italia?
Un recente studio pubblicato negli USA mette in guardia la comunità scientifica internazionale e la popolazione. Colao (Federico II): «Sovrappeso e inquinamento principali responsabili»
La legge anti-fumo compie quindici anni. Sirchia: «Servono controlli e divieti anche in alcuni spazi aperti»
Un milione i fumatori in meno ma ancora alta la diffusione tra i giovani. L’ematologo padre della norma: «La sigaretta elettronica andava usata per aiutare a smettere di fumare invece è finita in mano ai ragazzi che così iniziano ad assuefarsi alla nicotina». Negativo il parere anche sulla cannabis light
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...