Salute 19 Dicembre 2018 19:16

Fumo, il modo più efficace per smettere è combinazione di counseling e farmaci. Che funzionano, e sono sicuri

Le sigarette sono una delle principali cause di morte prevenibile al mondo, eppure solo un paziente su quattro riceve consigli dal proprio medico per affrontare il problema. Tra i motivi, anche la scarsa conoscenza degli operatori sanitari delle cure per la dipendenza tabagica

Fumo, il modo più efficace per smettere è combinazione di counseling e farmaci. Che funzionano, e sono sicuri

Il fumo causa ogni anno più di 5 milioni di morti nel mondo. Solo in Italia, si calcola che le sigarette siano responsabili di oltre 180mila morti annue. Insomma, è una delle principali cause di morte prevenibile al mondo, eppure si fa ancora molto poco per incentivare le persone a smettere di fumare e salvare migliaia di vite. Molti, ad esempio, non sanno dell’esistenza e dell’efficacia di farmaci per la disassuefazione da fumo.

LA LOTTA AL TABAGISMO COSTA QUANTO 100 PACCHETTI DI SIGARETTE

«Le cure per affrontare il tabagismo – ha dichiarato Biagio Tinghino, past president della Società Italiana di Tabaccologia – rappresentano l’ultima voce negli investimenti nel nostro sistema sanitario». Eppure, far smettere di fumare le persone comporterebbe un risparmio notevole per la sanità pubblica: la SITAB ha calcolato che un programma per smettere di fumare costerebbe meno di 500 euro a paziente, l’equivalente di 100 pacchetti di sigarette. Una cifra che verrebbe sforata con un solo ricovero. Senza considerare che smettere di fumare restituirebbe al paziente dai 3 ai 9 anni di vita.

IL RUOLO DEI MEDICI

Ci sono anche i medici, tuttavia, tra i responsabili del grande numero di fumatori e della difficoltà a smettere. Spesso fumatori essi stessi, nel 2017 la Pfizer ha calcolato che solo un paziente su quattro ha ricevuto dal proprio medico un consiglio strutturato per smettere di fumare. Dove per consiglio si intende un colloquio di almeno 5 minuti per affrontare il problema. Tra i motivi, anche la scarsa conoscenza degli operatori sanitari dell’esistenza, ad esempio, dei Centri Antifumo, e delle cure per la dipendenza tabagica.

PER RIUSCIRE A SMETTERE DI FUMARE, COUNSELING E FARMACI

Decidere di abbandonare la sigaretta da soli, senza un aiuto esterno, è infatti particolarmente difficile e poco efficace. Il tasso di successo a distanza di un anno è dell’1-3%. La buona volontà è quindi necessaria ma non sufficiente, e va affiancata, secondo gli esperti, da terapie ad hoc: «Secondo le linee guida della pratica clinica – ha evidenziato Robert M. Anthenelli, professore di Psichiatria presso l’università della California di San Diego – il modo più efficace per smettere di fumare è dato dalla combinazione di un farmaco per la disassuefazione da fumo e il counseling».

L’EFFICACIA DEI FARMACI PER LA DISASSUEFAZIONE DA FUMO

I farmaci per smettere di fumare sono numerosi, dai cerotti sostitutivi della nicotina al placebo, passando per vareniclina e bupropione. Il più grande studio su questi farmaci, pubblicato nel 2016 su The Lancet, ha coinvolto 8144 fumatori adulti e ha dimostrato una efficacia maggiore della vareniclina rispetto agli altri: i pazienti che assumevano vareniclina hanno infatti mostrato tassi di astinenza dal fumo alle settimane 9-12 e 9-24 statisticamente superiori rispetto ai pazienti trattati con gli altri farmaci.

LA SICUREZZA DEI FARMACI PER SMETTERE DI FUMARE

Ma oltre a dimostrarne l’efficacia, lo studio si è concentrato sugli effetti avversi e la sicurezza dei farmaci per smettere di fumare. Finiti sotto i riflettori per la presunta relazione tra l’assunzione di questi farmaci e comportamenti violenti e suicidari, lo studio EAGLES (Evaluating Adverse Events in a Global Smoking Cessation Study) ha messo a confronto la sicurezza neuropsichiatrica di vareniclina e bupropione rispetto al placebo e al cerotto alla nicotina. I risultati non hanno riscontrato un aumento significativo dell’incidenza dell’endpoint composito primario di sicurezza di gravi eventi avversi neuropsichiatrici con vareniclina o bupropione rispetto al placebo e ai cerotti alla nicotina.

In particolare, l’endpoint primario di sicurezza dello studio EAGLES è stato definito con l’occorrenza di almeno un evento avverso grave, emerso durante il trattamento, di ansia, depressione, alterazione delle proprie sensazioni o ostilità, e/o l’occorrenza di almeno un evento avverso moderato/severo, tra agitazione, aggressività, percezione errata, allucinazioni, idee omicide, mania, panico, paranoia, psicosi, idee suicidarie, comportamenti suicidari o suicidio portato a termine. L’incidenza dell’endpoint primario di sicurezza nella coorte di pazienti che non avevano precedenti disturbi psichiatrici è stato 1.3% (vareniclina), 2.2% (bupropione), 2.5% (cerotti sostitutivi della nicotina) e 2.4% (placebo). I tassi di incidenza nella coorte di pazienti con precedenti disturbi psichiatrici è stato 6.5% (vareniclina), 6.7% (bupropione), 5.2% (cerotti sostitutivi della nicotina) e 4.9% (placebo).

Avendo dimostrato l’assenza di differenze significative tra i diversi farmaci, esattamente un mese dopo dalla pubblicazione dello studio, Pfizer Inc ha annunciato l’aggiornamento del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto ed il foglietto illustrativo di vareniclina, includendo i nuovi dati di sicurezza ed efficacia prodotti dallo studio ed ha rimosso il triangolo nero che indicava la necessità di monitoraggio addizionale per vareniclina in Europa.

«Dalla sua introduzione in Europa – ha commentato Rory O’Connor, Chief Medical Officer, Internal Medicine di Pfizer Inc – la vareniclina è stata prescritta a milioni di adulti per aiutarli a smettere di fumare. I dati di sicurezza ed efficacia supportano ulteriormente l’importanza della vareniclina come opzione terapeutica per i medici e per coloro che stanno cercando di smettere di fumare».

È TEMPO DI INTRODURNE LA RIMBORSABILITÀ?

Insomma, i modi per smettere di fumare esistono, funzionano e, nonostante gli ipotizzabili tentativi di qualche ‘potere forte’ di screditarli, sono sicuri. C’è ancora un passo però da compiere per una maggiore disponibilità e attrattività dei farmaci per smettere di fumare, che potrebbe contribuire a enormi benefici per la salute pubblica: la loro rimborsabilità. «Questi farmaci – ci ha detto l’ufficio stampa di Pfizer – sono già rimborsati in Inghilterra, Portogallo, Olanda, Svezia, Svizzera, Irlanda, Finlandia e Francia. Se continuano ad essere a totale carico del cittadino, verrà penalizzato due volte: non solo quando fuma, ma anche quando vuole smettere».

 

LEGGI ANCHE: FUMO E DIPENDENZA: SMETTO QUANDO VOGLIO?

Articoli correlati
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola