Salute 19 Dicembre 2018

Fumo, il modo più efficace per smettere è combinazione di counseling e farmaci. Che funzionano, e sono sicuri

Le sigarette sono una delle principali cause di morte prevenibile al mondo, eppure solo un paziente su quattro riceve consigli dal proprio medico per affrontare il problema. Tra i motivi, anche la scarsa conoscenza degli operatori sanitari delle cure per la dipendenza tabagica

Immagine articolo

Il fumo causa ogni anno più di 5 milioni di morti nel mondo. Solo in Italia, si calcola che le sigarette siano responsabili di oltre 180mila morti annue. Insomma, è una delle principali cause di morte prevenibile al mondo, eppure si fa ancora molto poco per incentivare le persone a smettere di fumare e salvare migliaia di vite. Molti, ad esempio, non sanno dell’esistenza e dell’efficacia di farmaci per la disassuefazione da fumo.

LA LOTTA AL TABAGISMO COSTA QUANTO 100 PACCHETTI DI SIGARETTE

«Le cure per affrontare il tabagismo – ha dichiarato Biagio Tinghino, past president della Società Italiana di Tabaccologia – rappresentano l’ultima voce negli investimenti nel nostro sistema sanitario». Eppure, far smettere di fumare le persone comporterebbe un risparmio notevole per la sanità pubblica: la SITAB ha calcolato che un programma per smettere di fumare costerebbe meno di 500 euro a paziente, l’equivalente di 100 pacchetti di sigarette. Una cifra che verrebbe sforata con un solo ricovero. Senza considerare che smettere di fumare restituirebbe al paziente dai 3 ai 9 anni di vita.

IL RUOLO DEI MEDICI

Ci sono anche i medici, tuttavia, tra i responsabili del grande numero di fumatori e della difficoltà a smettere. Spesso fumatori essi stessi, nel 2017 la Pfizer ha calcolato che solo un paziente su quattro ha ricevuto dal proprio medico un consiglio strutturato per smettere di fumare. Dove per consiglio si intende un colloquio di almeno 5 minuti per affrontare il problema. Tra i motivi, anche la scarsa conoscenza degli operatori sanitari dell’esistenza, ad esempio, dei Centri Antifumo, e delle cure per la dipendenza tabagica.

PER RIUSCIRE A SMETTERE DI FUMARE, COUNSELING E FARMACI

Decidere di abbandonare la sigaretta da soli, senza un aiuto esterno, è infatti particolarmente difficile e poco efficace. Il tasso di successo a distanza di un anno è dell’1-3%. La buona volontà è quindi necessaria ma non sufficiente, e va affiancata, secondo gli esperti, da terapie ad hoc: «Secondo le linee guida della pratica clinica – ha evidenziato Robert M. Anthenelli, professore di Psichiatria presso l’università della California di San Diego – il modo più efficace per smettere di fumare è dato dalla combinazione di un farmaco per la disassuefazione da fumo e il counseling».

L’EFFICACIA DEI FARMACI PER LA DISASSUEFAZIONE DA FUMO

I farmaci per smettere di fumare sono numerosi, dai cerotti sostitutivi della nicotina al placebo, passando per vareniclina e bupropione. Il più grande studio su questi farmaci, pubblicato nel 2016 su The Lancet, ha coinvolto 8144 fumatori adulti e ha dimostrato una efficacia maggiore della vareniclina rispetto agli altri: i pazienti che assumevano vareniclina hanno infatti mostrato tassi di astinenza dal fumo alle settimane 9-12 e 9-24 statisticamente superiori rispetto ai pazienti trattati con gli altri farmaci.

LA SICUREZZA DEI FARMACI PER SMETTERE DI FUMARE

Ma oltre a dimostrarne l’efficacia, lo studio si è concentrato sugli effetti avversi e la sicurezza dei farmaci per smettere di fumare. Finiti sotto i riflettori per la presunta relazione tra l’assunzione di questi farmaci e comportamenti violenti e suicidari, lo studio EAGLES (Evaluating Adverse Events in a Global Smoking Cessation Study) ha messo a confronto la sicurezza neuropsichiatrica di vareniclina e bupropione rispetto al placebo e al cerotto alla nicotina. I risultati non hanno riscontrato un aumento significativo dell’incidenza dell’endpoint composito primario di sicurezza di gravi eventi avversi neuropsichiatrici con vareniclina o bupropione rispetto al placebo e ai cerotti alla nicotina.

In particolare, l’endpoint primario di sicurezza dello studio EAGLES è stato definito con l’occorrenza di almeno un evento avverso grave, emerso durante il trattamento, di ansia, depressione, alterazione delle proprie sensazioni o ostilità, e/o l’occorrenza di almeno un evento avverso moderato/severo, tra agitazione, aggressività, percezione errata, allucinazioni, idee omicide, mania, panico, paranoia, psicosi, idee suicidarie, comportamenti suicidari o suicidio portato a termine. L’incidenza dell’endpoint primario di sicurezza nella coorte di pazienti che non avevano precedenti disturbi psichiatrici è stato 1.3% (vareniclina), 2.2% (bupropione), 2.5% (cerotti sostitutivi della nicotina) e 2.4% (placebo). I tassi di incidenza nella coorte di pazienti con precedenti disturbi psichiatrici è stato 6.5% (vareniclina), 6.7% (bupropione), 5.2% (cerotti sostitutivi della nicotina) e 4.9% (placebo).

Avendo dimostrato l’assenza di differenze significative tra i diversi farmaci, esattamente un mese dopo dalla pubblicazione dello studio, Pfizer Inc ha annunciato l’aggiornamento del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto ed il foglietto illustrativo di vareniclina, includendo i nuovi dati di sicurezza ed efficacia prodotti dallo studio ed ha rimosso il triangolo nero che indicava la necessità di monitoraggio addizionale per vareniclina in Europa.

«Dalla sua introduzione in Europa – ha commentato Rory O’Connor, Chief Medical Officer, Internal Medicine di Pfizer Inc – la vareniclina è stata prescritta a milioni di adulti per aiutarli a smettere di fumare. I dati di sicurezza ed efficacia supportano ulteriormente l’importanza della vareniclina come opzione terapeutica per i medici e per coloro che stanno cercando di smettere di fumare».

È TEMPO DI INTRODURNE LA RIMBORSABILITÀ?

Insomma, i modi per smettere di fumare esistono, funzionano e, nonostante gli ipotizzabili tentativi di qualche ‘potere forte’ di screditarli, sono sicuri. C’è ancora un passo però da compiere per una maggiore disponibilità e attrattività dei farmaci per smettere di fumare, che potrebbe contribuire a enormi benefici per la salute pubblica: la loro rimborsabilità. «Questi farmaci – ci ha detto l’ufficio stampa di Pfizer – sono già rimborsati in Inghilterra, Portogallo, Olanda, Svezia, Svizzera, Irlanda, Finlandia e Francia. Se continuano ad essere a totale carico del cittadino, verrà penalizzato due volte: non solo quando fuma, ma anche quando vuole smettere».

 

LEGGI ANCHE: FUMO E DIPENDENZA: SMETTO QUANDO VOGLIO?

Articoli correlati
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco