Salute 28 Luglio 2015 18:21

«Le epidemie non finiranno, investiamo su strutture e formazione ad hoc» 

“The e-bola lesson”. Intervista al prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello “Spallanzani”: «Stiamo lavorando per una rete nazionale sulle malattie infettive»

«Le epidemie non finiranno, investiamo su strutture e formazione ad hoc» 

Non possiamo pensare che le malattie infettive possano sparire. I germi si muovono nel mondo attraverso persone e merci, ed è dunque fondamentale investire su sistemi di verifica e di sorveglianza, su strutture in grado di intervenire precocemente e di effettuare diagnosi corrette in poco tempo».


È questa, secondo il prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, la strada da seguire per evitare che epidemie come quella di Ebola trovino terreno fertile per espandersi e uccidere. Ebola rappresenta infatti un dramma che ha sconvolto l’africa e terrorizzato il resto del pianeta con i suoi oltre 11mila morti in pochi mesi. Una tragedia che ha fatto venire a galla tutte le falle in un sistema (quello sanitario internazionale) poco omogeneo e per nulla sinergico, dimostrando la necessità di dare vita ad un coordinamento internazionale per la formazione del personale medico-sanitario, come quello chiesto a gran voce dalla Tavola rotonda “La lezione di e-bola” che ha avuto luogo pochi giorni fa al ministero della Salute. In quella sede è stato presentato, in anteprima mondiale, “e-bola”, il primo di una serie di “Film Formazione” rivolti agli operatori sanitari di tutto il mondo (disponibile in streaming gratuito all’indirizzo www.ebola-movie.com). E proprio in quella occasione, il professor Ippolito, intervenuto in qualità di relatore, ha spiegato quali sono gli aspetti in cui la risposta del mondo ad Ebola è risultata carente e quali, invece, i punti di forza dimostrati.

Professor Ippolito, qual è la lezione più importante che il mondo intero deve imparare da un’esperienza tragica come quella di Ebola?
«La comunità internazionale non può e non deve mai farsi cogliere disattenta o impreparata. Non è assolutamente ammissibile continuare a perseverare negli errori compiuti in passato e che hanno portato allo smantellamento di sistemi sanitari senza che venisse prevista una exit strategy. I reparti di malattie infettive presenti sul territorio e le capacità diagnostiche proprie dei laboratori di riferimento sono essenziali per affrontare tanto Ebola quanto le future epidemie».

È fondamentale quindi avere una risposta coordinata e di livello ogni qual volta si presenta un’emergenza del genere…
«Essere preparati significa, prima di tutto, investire sulla formazione e sull’informazione dei cittadini e del personale sanitario: oggi c’è purtroppo un calo di attenzione su tutto quel che riguarda le malattie infettive. Non va bene. Bisogna reinvestire nei servizi di Pronto Soccorso e nelle strutture diagnostiche perché continuino ad essere sempre all’altezza. Il Ministero della Sanità ha fatto molto in questo senso e le Regioni si sono mobilitate. Tuttavia, non esiste ancora una vera e propria rete nazionale. Tutti, però, lavoreremo insieme affinché questa rete possa nascere e funzionare al meglio».

Articoli correlati
Le acque reflue sono una «spia» sulla nostra salute. Studio italiano le promuove per prevedere nuove epidemie
Nelle acque reflue possono celarsi informazioni preziosissime sulla nostra salute attuale e futura. Sono infatti molteplici gli studi che si avvalgano dell'analisi delle acque di scarico per scovare tracce di virus e batteri potenzialmente pericolosi, ma anche per il rilevamento di droghe e farmaci utili a fare luce su tendenze «nascoste»
Cambiamenti climatici possono «resuscitare» virus «zombie» e scatenare nuove epidemie
Sono stati trovati nella lana di mammut, nelle mummie siberiane, nei lupi preistorici e nei polmoni di una vittima dell'influenza ritrovata sepolta nel permafrost dell'Alaska. I virus «zombie» rischiano di «resuscitare» a causa degli effetti dei cambiamenti climatici e dare il via a nuove epidemie o pandemie
CDC: «Dipendenti al lavoro anche malati nei ristoranti? Sono tra le principali cause di epidemie»
Coloro che lavorano nei ristoranti anche quando sono malati sono tra i principali «diffusori» di malattie di origine alimentare. Sono le conclusioni di un nuovo studio dei Centers for Disease Control and Prevention (Usa), pubblicato nel Morbidity and Mortality Weekly Report
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...