Salute 23 Dicembre 2014

Emergenza Ebola, la comunità scientifica italiana raccoglie la sfida

Intervista ai professori Guido Antonelli e Massimo Clementi: “Italia modello nella gestione integrata”

Immagine articolo

Ebola continua a scuotere gli animi, nella ricerca di risposte, spiegazioni, soluzioni che la comunità scientifica è chiamata a dare, e su cui si interroga. L’Italia è stata già messa alla prova ed ha fatto i conti col suo primo contagiato, il medico siciliano di Emergency ricoverato allo Spallanzani di Roma, ora in via di guarigione. Una prova da cui il nostro sistema sanitario è uscito a testa alta.

Sanità Informazione, presente al recente Convegno organizzato dal San Raffaele di Milano, ha intervistato il prof. Guido Antonelli e il prof. Massimo Clementi, ordinari di Microbiologia e Virologia, rispettivamente all’Università La Sapienza di Roma e al San Raffaele di Milano, per approfondire questo tema di grande impatto per la salute pubblica, ma anche per la ricerca.  “Ci stiamo concentrando molto sull’indagine dei meccanismi patogenetici del virus – spiega Antonelli – Certo è che genera una grave infezione sistemica, dovuta al fatto che l’uomo non è un ospite naturale ma accidentale, e il virus, non adattandosi alla specie umana, diventa letale.” E per quanto riguarda la ricerca di una cura, Antonelli specifica che attualmente “molti vaccini e trattamenti terapeutici sono in fase 1, altri in fase 2 e 3, ma nessuno di questi è ancora arrivato alla fase di indicazione terapeutica. Ci vorrà del tempo, per far sì che vengano testati efficacemente prima di essere utilizzati su larga scala”.

Una delle sfide maggiori sta nel classificare le diverse reazioni dell’organismo al virus, e i fattori che le determinano. “Lo spiccato tropismo del virus verso cellule e tessuti dà luogo ad infezioni sistemiche ed induce una profonda immunosoppressione. Ma alcuni soggetti possono essere geneticamente meno suscettibili a questo tipo di azione, e reagire quindi in maniera diversa. L’idea prevalente nella comunità scientifica è che i meccanismi iniziali di controllo della risposta immunitaria siano determinanti per il decorso della malattia, e ciò dipende dall’assetto genetico. L’impegno delle istituzioni è evidente a livello internazionale, e il nostro Paese non è da meno, come sottolinea il prof. Clementi:  “L’emergenza è gravissima, a livello internazionale, tant’è vero che l’OMS ha assunto in prima persona il coordinamento delle operazioni. Al tempo stesso è un’occasione per valutare in che modo il nostro Paese e le sue strutture sanitarie affrontano questo tipo di criticità. L’Italia è considerata un modello, in questo senso, e in effetti la nostra risposta si è dimostrata efficiente sotto molti aspetti. Ora la palla passa alla comunità scientifica, per sciogliere i nodi ancora irrisolti”.

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Ebola, il ministro della Salute del Congo si è dimesso
L’ormai ex Ministro avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone