Salute 14 Aprile 2020

Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»

Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

Il 7 novembre del 2015, esattamente 42 giorni dopo che veniva somministrato il test all’ultima persona dichiarata positiva, si concludeva l’epidemia di Ebola in Africa equatoriale occidentale: Sierra Leone, Liberia e Guinea. Una malattia  aggressiva che si è portata via oltre 11mila persone: «Abbiamo avuto la sfortuna di essere lì in quei mesi, e abbiamo visto scene davvero molto simili a quanto ho poi rincontrato nei miei giorni bergamaschi».

A parlare è Pietro Parrino: entrato in Emergency nel 1995, è oggi il responsabile delle field operations per la nota ONG che, assieme alle altre forze volontarie e non, ha dato il suo contributo anche nelle zone di contagio da Coronavirus. Dopo esperienze in Cambogia, in Afghanistan, in Sudan, Parrino è tornato da pochi giorni da Bergamo, dove ha coordinato l’allestimento dell’ospedale da campo realizzato assieme agli Alpini nella zona fieristica orobica. «Lì ho potuto vedere – racconta raggiunto al telefono da Sanità Informazione – l’attivazione spontanea, volontaria della comunità. Ho visto centinaia di artigiani che hanno lavorato per 8 giorni consecutivi e ci hanno aiutato a tirare su un ospedale da 120 posti in 12 giorni. Ho visto la determinazione di persone che volevano salvare la propria gente in quelle valli così spaventosamente colpite. Tutti hanno dato la propria disponibilità, in qualche modo: dalla società che distribuiva macchinette del caffè mettendole a disposizione di tutti gratuitamente a chi portava pasticcini e chi ha fornito i pasti. Parliamo di zone di valle – continua Parrino – fatte di piccoli paesini e non di grandi città come può essere Milano. Lì le persone si conoscono e si intrecciano di meno. Nei piccoli borghi invece tutti parlavano dei “loro” morti, delle persone che erano mancate. Ci sono paesi con un tasso di mortalità dieci volte superiore al normale. E come ho potuto vedere anche in fenomeni analoghi, alla fine è il fattore umano a fare la differenza».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, EMERGENCY AL LAVORO NEL SUD ITALIA: PRESIDI APERTI E UN VIDEO PER I MIGRANTI

Le diversità sono moltissime, infatti, fra Italia, Paese occidentale sviluppato, e le zone dell’Africa subsahariana; moltissime, ma non così determinanti. «Anche in Sierra Leone ci sono gli ospedali, che sono solo posti dove le persone arrivano per farsi curare. Ma il problema deve essere affrontato, ed è stato affrontato, a monte. Quando è arrivato Ebola, noi che eravamo lì da prima con i nostri presìdi che curavano i reduci della guerra civile, abbiamo visto fenomeni del tutto analoghi a quelli visti poi in Italia, intendo a livello di approccio delle persone: prima, il tentativo di pensare che “non fosse così grave”, poi la presa di coscienza, e infine la reazione, quando ci si compatta e si capisce che serve un’azione coordinata, avere delle regole di comportamento condivise. E questo è stato l’unico modo per fare un passo avanti: sentirsi di partecipare ad un progetto comune. Lockdown generale, allora, ma bisogna mangiare e serve un’organizzazione per il cibo e per portare i medicinali; anche lì, da un certo punto in poi, gli ospedali erano pieni e abbiamo iniziato a rimandare a casa le persone, allora devi spiegare alle famiglie cosa fare ma i nuclei familiari si ammalavano e devi pensare ai trattamenti familiari. È la popolazione che sconfigge i virus insieme ai medici: è il fattore umano sociale».

Si parla ora insistentemente di una riforma del Servizio Sanitario Nazionale italiano, come se i giorni del Coronavirus fossero diventati una “wake up call” per i decisori italiani. Anche Parrino è dell’idea che una riforma sia necessaria, ma tale esigenza deve essere correttamente contestualizzata: «Gestire un SSN completamente centralizzato è una enorme difficoltà, bisogna dirselo. Oggi però vediamo che è necessario. Da un lato le Regioni, è vero, sono in grado di rispondere più velocemente ai fenomeni che capitano, dall’altro possiamo vedere che non tutte le Regioni sono in grado di rispondere allo stesso modo; ancora, da un lato le sanità regionali sono più manovrabili, dall’altro in ogni Regione, così, c’è una sanità diversa. Noi pensiamo che la sanità debba essere regolata più centralmente perché questi giorni hanno dimostrato che mettere troppa distanza indebolisce delle reti che, se hai bisogno di riallacciarle, ti prende troppo tempo e l’emergenza intanto dilaga. Credo che nelle prossime settimane –  conclude Parrino – si dovranno trovare  dei meccanismi di centralizzazione da tenere attivi o che rimangano comunque attivabili».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...