Sanità internazionale 2 Maggio 2022 12:45

Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione

«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’Oms per l’Africa

di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione

Qualche giorno fa, le autorità sanitarie della Repubblica Democratica del Congo (RDC) hanno annunciato il quattordicesimo focolaio di virus Ebola, dopo che un caso confermato è stato segnalato a Mbandaka, una dinamica cittadina nella provincia dell’Equatore, nel nordovest della Repubblica Democratica del Congo. Il paziente, uno studente di 31 anni di Boende che si trova nella provincia di Tshuapa, era tornato a Mbandaka dove aveva iniziato a sentirsi male (febbre alta e mal di testa), il 5 aprile scorso ma invece che andare in ospedale, è rimasto a casa per curarsi fino al 21 aprile, giorno nel quale si è rivolto ad una struttura sanitaria locale. Subito ricoverato in un reparto attrezzato per il trattamento dell’ebola a causa delle condizioni disperate nelle quali era arrivato, è deceduto la notte stessa.

La sua morte è stata confermata dal dott. Jean-Jacques Mbungani, Ministro della Salute della R.D.C che ha dichiarato: «Al momento, le squadre della divisione sanitaria provinciale e dell’area colpita di Wangata sono già sul campo per svolgere attività di risposta e stilare l’elenco delle persone che sono entrate in contatto con lui. Ad oggi ne abbiamo contate 74», ha affermato il Ministro che ha anche assicurato che sarebbe iniziata al più presto la disinfezione di ospedali e case per prevenire la diffusione dell’epidemia.

L’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), che sta seguendo l’evolversi della situazione, ha reso noto che «sono in corso delle indagini per determinare l’origine dell’epidemia». Molto preoccupanti invece le dichiarazioni del direttore regionale dell’Oms per l’Africa, Matshidiso Moeti, che senza mezzi termini ha detto che «il tempo non è dalla nostra parte. La malattia ha avuto un vantaggio di due settimane e ora stiamo recuperando terreno. La notizia positiva è che le autorità sanitarie della Repubblica Democratica del Congo hanno più esperienza di chiunque altro al mondo nel controllare rapidamente i focolai di Ebola».

Secondo il giornalista e saggista italiano Matteo Giusti, profondo conoscitore dell’Africa e che ha visitato più volte la Repubblica Democratica del Congo, «il nuovo focolaio si è sviluppato nella zona vicino alla città di Mbandaka, fondata da Henry Morton Stanley alla fine dell’’800, nella provincia dell’ Equatore che si trova nella parte nord-occidentale della Repubblica Democratica del Congo ed è attraversata proprio dall’Equatore, da cui prende il nome. Qui c’è la prima vittima di questa nuova ondata di Ebola che ha colpito ancora una volta il gigante africano. In circa 40 anni sono state ben 14 le epidemie di Ebola che si sono sviluppate in Congo e la prima volta è accaduto nel 1976 nel nord del Paese vicino al fiume Ebola che ha dato il nome alla malattia. Questa regione vive di commercio fluviale sul fiume Congo e di agricoltura ed è una zona relativamente tranquilla rispetto al turbolento est della nazione africana», dichiara a Sanità Informazione.

Le infrastrutture sanitarie del Paese sono in grado di reggere?

«In realtà il Congo ha creato una serie di ospedali specializzati nella cura del virus Ebola ed ha vaccinato una grande fetta di popolazione, ma il problema riguarda soprattutto la logistica e la precocità della diagnosi. I trasporti infatti sono molto complicati perchè mancano le strade e spesso servono giorni per muovere i malati. Altre volte, soprattutto nei villaggi, si tende a curarsi in casa evitando di raggiungere gli ospedali perdendo tempo prezioso e mettendo a rischio contagio intere comunità».

Perché a tuo avviso in Congo non si riesce a debellare questa terribile malattia?

«In Congo tante malattie sono endemiche e il sistema sanitario pubblico è inesistente al di fuori delle grandi città. L’enorme distanza e la complessità del territorio fanno si che manchi un piano organico per tutto il Paese. Ci sono province che si autogestiscono e che periodicamente ricadono nelle stesse problematiche epidemiche perchè la popolazione vive sempre a contatto. La capitale è all’estremo ovest della repubblica democratica del congo, la ricchezza del sottosuolo nell’estremo est. Questo fa si che ci sia uno scollamento politico ed economico che non permette la crescita economica, culturale e assistenziale della popolazione che resta poverissima e abbandonata a se stessa. Un errore dei tempi della colonizzazione che ha creato un mostro geopolitico».

Mentre scriviamo è arrivata una buona notizia: da mercoledì 26 aprile, l’OMS ha iniziato la campagna di vaccinazione contro l’ebola nella RDC per contrastare la nuova epidemia: «Circa 200 dosi del vaccino rVSV-ZEBOV Ebola sono state spedite a Mbandaka dalla città orientale di Goma e ulteriori dosi saranno consegnate nei prossimi giorni. Questa decisione è stata presa in seguito alla morte di due persone affette da Ebola dal 21 aprile. Secondo l’OMS, sono stati identificati e monitorati più di 230 contatti dei defunti e tre team di vaccinazione lavoreranno per raggiungere quelli a più alto rischio». Si tratta di una vaccinazione iniettata secondo «la “strategia ad anell”, per cui i contatti – e i contatti dei contatti – dei pazienti confermati di Ebola, ricevono il jab, così come gli operatori sanitari e in prima linea. Oltre alla campagna di vaccinazione, a Mbandaka è stato allestito un centro per il trattamento dell’ebola da 20 posti letto. Sono già in corso la sorveglianza delle malattie e le indagini sui sospetti pazienti affetti da Ebola per rilevare nuove infezioni e l’OMS ha anche fornito supporto materiale e sei epidemiologi per assistere nella risposta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane
Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco
Secondo booster under 80, Speranza: «Possibile prima dell’autunno. Covid non è un’influenza»
Il ministro della salute, ospite su La7, ha dichiarato: «Se positivi al virus è giusto restare a casa per evitare di contaminare altre persone e far circolare il virus in maniera eccessiva». E sulle mascherine al chiuso «valutiamo ma restano presidio importante»
Guerra batteriologica, anche le epidemie possono essere un’arma
Intervista al Brig. Gen. Vincenzo Barretta (ex Policlinico Militare Celio Roma): «Gestire una pandemia durante una guerra? Si smette di pensare alla prima». Un altro scenario, dai contorni ben diversi, si delinea invece quando un agente virale o batterico viene usato come arma vera e propria allo scopo di determinare le sorti del conflitto
Sars-CoV-2 uscito da un laboratorio? Ciccozzi (Campus Bio-Medico): «Non abbiamo prove ma nessuna ipotesi va scartata»
L’epidemiologo Ciccozzi commenta ai microfoni di Sanità Informazione l’evoluzione della pandemia e i possibili rischi epidemiologici derivanti dalla guerra in Ucraina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali