Salute 18 Novembre 2014 17:15

Ebola, per combattere il virus l’imperativo è: informare

Linea diretta del Ministero per rispondere a dubbi a domande. Prosegue la sperimentazione del vaccino Okairos

Ebola, per combattere il virus l’imperativo è: informare

Ebola continua a far paura, ma gli sforzi attuati dai governi, dai medici, volontari e scienziati stanno danno i loro frutti: le contromisure per affrontare l’epidemia si stanno rivelando sensate e, in alcuni casi, efficaci. La sperimentazione del vaccino messo a punto dal team italiano dell’azienda Okairos prosegue con ottimi risultati.

Di questo passo, centinaia di migliaia di dosi sarebbero disponibili entro il 2016. L’ultimo bollettino diffuso dall’Oms attesta che i deceduti per Ebola sono pressoché stabili a 5160 per un totale di circa14mila casi. Nel Mali sono stati registrati finora 4 casi, con altrettanti decessi. Nonostante ciò, il quadro generale mostra i primi segnali di rallentamento del virus, o almeno di una stabilizzazione dell’epidemia in Liberia e Guinea.

Intanto, il Ministero della Salute ha istituito la linea di pubblica utilità 1500, attiva su due livelli di risposta: il primo, costituito da circa 40 operatori che risponderanno a tutti i quesiti base dei cittadini;  un secondo, costituito da 60 professionisti sanitari che risponderanno a domande di carattere tecnico-scientifico. Il Ministro Lorenzin ha dichiarato: “Abbiamo formato appositamente il personale per dare tutte le informazioni che saranno richieste dai cittadini sul virus Ebola, ma ribadisco che attualmente qualsiasi allarmismo è ingiustificato”.

E si è anche deciso di venire incontro, in modo concreto, ai professionisti sanitari che lamentavano una scarsa informazione e preparazione nei confronti di un’eventuale gestione dell’emergenza: a Milano, nei giorni scorsi, è stata eseguita la prima simulazione italiana di evacuazione medica per una finta malata di Ebola atterrata all’aeroporto di Malpensa e poi trasferita all’ospedale Sacco per il ricovero, con l’obiettivo di testare la preparazione di medici e infermieri e verificare la presenza di passaggi critici. La prova di trasporto in sicurezza è stata organizzata dall’Aeronautica militare insieme al ministero della Salute e alla regione Lombardia.

D’impatto, infine, l’iniziativa tra la multinazionale Ericsson – specializzata nelle reti mobili e nel software – e l’Irc  – agenzia focalizzata nell’affrontare crisi umanitarie e nel salvataggio di profughi: le due realtà hanno annunciato un accordo che riguarda progetti comuni, iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e l’impegno di impiegati volontari dell’azienda a sostegno delle operazioni di emergenza dell’Irc.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...