Salute 3 Febbraio 2015 16:04

Ebola fa sempre paura, forse ora più contagioso. Non si esclude la trasmissione aerea

E la battaglia si combatte anche dal web. Raccolta fondi dalla Ndemic Creations, produttrice di videogiochi on line

Ebola fa sempre paura, forse ora più contagioso. Non si esclude la trasmissione aerea

Una nuova insidia potrebbe nascondersi dietro le notizie lievemente più rassicuranti delle scorse settimane. Secondo gli scienziati che studiano l’epidemia di Ebola in Guinea, il virus sarebbe in continuo mutamento.

Resta da capire se questo mutamento lo abbia reso meno letale ma più contagioso. E’ a questo che stanno lavorando i biologi dell’Institut Pasteur in Francia (gli stessi che, lo scorso marzo, isolarono il virus), per capire se la mutazione influirà sulle modalità di contagio e sul decorso. “Siamo di fronte a vari casi del tutto asintomatici – sottolinea il genetista Anavaj Sakuntabhai – e le persone che non presentano sintomi rischiano di diffondere maggiormente il virus”. Ma la preoccupazione maggiore è che questa mutazione possa determinare la temutissima modalità di contagio per via aerea, finora esclusa. “Per il momento il metodo di trasmissione è lo stesso, basta evitare il contatto con le persone malate – affermano dall’Institut Pasteur  – ma come scienziati non possiamo affermare che non cambierà: forse lo farà”.

E intanto dal mondo della tecnologia arriva un messaggio di solidarietà, molto concreto, nei confronti dei Paesi colpiti. I creatori di Plague Inc., videogioco sviluppato dalla Ndemic Creations che simula pandemie di microrganismi letali per la razza umana, sfruttando il picco di download in concomitanza con l’epidemia di Ebola, hanno organizzato lo scorso novembre una di raccolta fondi per supportare la lotta contro il virus in Africa. Il sito della campagna è stato visitato da ben 800mila utenti e, ad oggi, la cifra raccolta ammonta a circa 76mila dollari (67mila euro) a favore di numerose associazioni impegnate sul campo. Così il capo di Ndemic Creations, James Vaughan: “L’epidemia del virus Ebola è molto preoccupante e ho voluto fare qualcosa per aiutare. La natura stessa del videogioco evidenzia il rischio delle malattie infettive e fa capire ai giocatori l’importanza di intervenire”. Un’idea decisamente innovativa per raggiungere un target ancora inedito di potenziali “combattenti” che, dal mondo virtuale, supportano una battaglia terribilmente reale.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...