Salute 3 febbraio 2015

Ebola fa sempre paura, forse ora più contagioso. Non si esclude la trasmissione aerea

E la battaglia si combatte anche dal web. Raccolta fondi dalla Ndemic Creations, produttrice di videogiochi on line

Immagine articolo

Una nuova insidia potrebbe nascondersi dietro le notizie lievemente più rassicuranti delle scorse settimane. Secondo gli scienziati che studiano l’epidemia di Ebola in Guinea, il virus sarebbe in continuo mutamento.

Resta da capire se questo mutamento lo abbia reso meno letale ma più contagioso. E’ a questo che stanno lavorando i biologi dell’Institut Pasteur in Francia (gli stessi che, lo scorso marzo, isolarono il virus), per capire se la mutazione influirà sulle modalità di contagio e sul decorso. “Siamo di fronte a vari casi del tutto asintomatici – sottolinea il genetista Anavaj Sakuntabhai – e le persone che non presentano sintomi rischiano di diffondere maggiormente il virus”. Ma la preoccupazione maggiore è che questa mutazione possa determinare la temutissima modalità di contagio per via aerea, finora esclusa. “Per il momento il metodo di trasmissione è lo stesso, basta evitare il contatto con le persone malate – affermano dall’Institut Pasteur  – ma come scienziati non possiamo affermare che non cambierà: forse lo farà”.

E intanto dal mondo della tecnologia arriva un messaggio di solidarietà, molto concreto, nei confronti dei Paesi colpiti. I creatori di Plague Inc., videogioco sviluppato dalla Ndemic Creations che simula pandemie di microrganismi letali per la razza umana, sfruttando il picco di download in concomitanza con l’epidemia di Ebola, hanno organizzato lo scorso novembre una di raccolta fondi per supportare la lotta contro il virus in Africa. Il sito della campagna è stato visitato da ben 800mila utenti e, ad oggi, la cifra raccolta ammonta a circa 76mila dollari (67mila euro) a favore di numerose associazioni impegnate sul campo. Così il capo di Ndemic Creations, James Vaughan: “L’epidemia del virus Ebola è molto preoccupante e ho voluto fare qualcosa per aiutare. La natura stessa del videogioco evidenzia il rischio delle malattie infettive e fa capire ai giocatori l’importanza di intervenire”. Un’idea decisamente innovativa per raggiungere un target ancora inedito di potenziali “combattenti” che, dal mondo virtuale, supportano una battaglia terribilmente reale.

Articoli correlati
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...