Salute 3 Febbraio 2015

Ebola fa sempre paura, forse ora più contagioso. Non si esclude la trasmissione aerea

E la battaglia si combatte anche dal web. Raccolta fondi dalla Ndemic Creations, produttrice di videogiochi on line

Immagine articolo

Una nuova insidia potrebbe nascondersi dietro le notizie lievemente più rassicuranti delle scorse settimane. Secondo gli scienziati che studiano l’epidemia di Ebola in Guinea, il virus sarebbe in continuo mutamento.

Resta da capire se questo mutamento lo abbia reso meno letale ma più contagioso. E’ a questo che stanno lavorando i biologi dell’Institut Pasteur in Francia (gli stessi che, lo scorso marzo, isolarono il virus), per capire se la mutazione influirà sulle modalità di contagio e sul decorso. “Siamo di fronte a vari casi del tutto asintomatici – sottolinea il genetista Anavaj Sakuntabhai – e le persone che non presentano sintomi rischiano di diffondere maggiormente il virus”. Ma la preoccupazione maggiore è che questa mutazione possa determinare la temutissima modalità di contagio per via aerea, finora esclusa. “Per il momento il metodo di trasmissione è lo stesso, basta evitare il contatto con le persone malate – affermano dall’Institut Pasteur  – ma come scienziati non possiamo affermare che non cambierà: forse lo farà”.

E intanto dal mondo della tecnologia arriva un messaggio di solidarietà, molto concreto, nei confronti dei Paesi colpiti. I creatori di Plague Inc., videogioco sviluppato dalla Ndemic Creations che simula pandemie di microrganismi letali per la razza umana, sfruttando il picco di download in concomitanza con l’epidemia di Ebola, hanno organizzato lo scorso novembre una di raccolta fondi per supportare la lotta contro il virus in Africa. Il sito della campagna è stato visitato da ben 800mila utenti e, ad oggi, la cifra raccolta ammonta a circa 76mila dollari (67mila euro) a favore di numerose associazioni impegnate sul campo. Così il capo di Ndemic Creations, James Vaughan: “L’epidemia del virus Ebola è molto preoccupante e ho voluto fare qualcosa per aiutare. La natura stessa del videogioco evidenzia il rischio delle malattie infettive e fa capire ai giocatori l’importanza di intervenire”. Un’idea decisamente innovativa per raggiungere un target ancora inedito di potenziali “combattenti” che, dal mondo virtuale, supportano una battaglia terribilmente reale.

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Ebola, il ministro della Salute del Congo si è dimesso
L’ormai ex Ministro avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone