Salute 5 Febbraio 2021 12:00

Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»

La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi

Diabete e cancro si influenzano reciprocamente: il diabete mellito, infatti, è uno dei fattori di rischio per alcuni tipi di tumore, mentre le terapie oncologiche possono provocare o peggiorare i valori glicemici. Nell’intervista a Sanità Informazione il presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi ha evidenziato qual è la gestione corretta del paziente diabetico in oncologia; nell’ambito delle terapie oncologiche per i pazienti con cancro che hanno il diabete, infatti, bisogna considerare l’impatto dei farmaci sulla malattia. È per questo motivo che l’autocontrollo glicemico è essenziale; un grande aiuto in questo senso arriva dalla tecnologia che permette un monitoraggio continuo.

«Il diabete – spiega il presidente Ame a Sanità Informazione – è responsabile di un aumentato rischio di insorgenza di neoplasie e ha un effetto sfavorevole sulla loro prognosi. Sono diversi i fattori di rischio che condividono diabete e cancro: età avanzata, dieta, obesità, sedentarietà, stile di vita, fumo di sigaretta. Anche l’obesità e l’insulino-resistenza si associano a un incremento del rischio neoplastico».

Diabete e cancro: i diabetici si ammalano di più e spesso con esiti meno favorevoli

È importante precisare che le persone con diabete «non solo si ammalano di più di cancro, ma che la malattia spesso ha un’evoluzione più sfavorevole. La prognosi più infausta, infatti, è legata al fatto che questi pazienti possono presentare complicanze della malattia» aggiunge il presidente. Grimaldi approfondisce anche un altro aspetto importante, quello nutrizionale. «Spesso le terapie oncologiche causano calo ponderale – continua – debilitano il paziente fino all’incapacità di alimentarsi a sufficienza e in presenza di diabete il rischio maggiore riguarda l’ipoglicemia».

Lo scompenso glicemico e l’iperglicemia

«Un problema di non poco conto è poi causato dagli scompensi glicemici in corso di terapia steroidea – sottolinea Grimaldi – tra i farmaci maggiormente utilizzati in oncologia ci sono i cortisonici, impiegati nella preparazione all’infusione dei chemioterapici». Tra gli effetti collaterali c’è l’iperglicemia: spesso causa di diabete di nuova insorgenza o di un peggioramento glicemico nel diabete già noto. «Queste iperglicemie riguardano soprattutto il periodo post-prandiale e sono difficilmente controllabili con antidiabetici orali, è necessario perciò ricorrere all’insulina «il farmaco più maneggevole con proprietà anabolizzanti, adattabile a seconda della capacità di alimentarsi del paziente» evidenzia Grimaldi.

L’insulina

L’inizio di una terapia insulinica richiede impegno e collaborazione da parte del paziente e genera paura, frustrazione, ansia. Per questo, è fondamentale «la presenza di un team e di infermieri dedicati – chiarisce il presidente – una corretta presa in carico da parte di tutte le figure professionali e la collaborazione con l’oncologo ed il lavoro in team multi disciplinare».

L’autocontrollo glicemico e la tecnologia

Un altro aspetto di grande importanza per il paziente diabetico in trattamento oncologico è l’aspetto dell’autocontrollo glicemico; deve poter controllare le glicemie, particolarmente nelle giornate della chemioterapia e nelle successive per ridurre al minimo il rischio di iper ed ipoglicemie. La tecnologia viene in aiuto «grazie all’utilizzo del monitoraggio glicemico continuo – spiega Grimaldi – si tratta di piccoli sensori e apparecchietti minimamente invasivi che consentono di misurare e visualizzare la glicemia ad intervalli fissi, settimanali o mensili, di giorno e di notte, fornendo informazioni sui livelli glicemici attuali e pregressi. Questi strumenti – prosegue – mostrano la tendenza dei valori della glicemia e a volte forniscono allarmi in caso di superamento di soglia per ipo o per iperglicemia. C’è anche la possibilità di utilizzare i microinfusori, dispositivi che permettono di somministrare in continuazione un livello basale di glicemia anche durante i pasti, in modo che ci sia un incremento della dose. Questi sistemi, però – conclude il presidente Grimaldi – hanno importanti costi e non sono sempre rimborsabili per tutti i pazienti, dipende dalla regione di residenza che segue le normative locali».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Tumori cutanei non melanoma, al via il progetto SKINConnecting
I tumori della cute cosiddetti non melanoma skin cancer (NMSC) sono tra le patologie oncologiche più diffuse. Con incidenza in continua crescita, possono colpire soggetti di qualsiasi età, soprattutto avanzata, spesso affetti da altre patologie concomitanti e sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno. In Italia, i non melanoma […]
Piano europeo contro il cancro, Costa: «Paesi siano coordinati e usino budget comune»
Il co-fondatore di Onda e già segretario della scuola europea di Oncologia di Veronesi sarà special adviser della commissaria alla salute per l’attuazione del piano Beating Cancer a cui sono stati destinati 4 miliardi di euro di finanziamento
di Federica Bosco
Tra presente e futuro, ecco l’impatto dei dati (e del loro utilizzo) nel SSN
Alla luce dell’esperienza Covid, il webinar organizzato da Big Data Health Society accende i riflettori sull’importanza dei processi di gestione del dato per costruire una sanità migliore
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva