Salute 5 Febbraio 2021 08:45

Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»

Due ricercatori italiani dell’Istituto Europeo di Oncologia, Stefano Santaguida e Marica Ippolito, hanno preso parte allo studio coordinato dal dipartimento di genetica molecolare umana dell’Università di Tel Aviv che ha scoperto l’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali

di Federica Bosco
Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»

Si chiama “aneuploidia” ed è un’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali, considerata il punto debole da sfruttare per colpire il tumore. Ad individuare questo “difetto” dei cromosomi è stato uno studio internazionale, pubblicato nei giorni scorsi sulla prestigiosa rivista scientifica Nature, coordinato dal dipartimento di Genetica Molecolare Umana dell’Università di Tel Aviv a cui hanno preso parte, tra gli altri, due ricercatori italiani: Stefano Santaguida, group leader del Laboratorio di integrità genomica all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e docente di Biologia Molecolare all’Università Statale di Milano, e Marica Ippolito, dottoranda della Scuola europea di Medicina Molecolare presso lo IEO. 

Cellule con numero di cromosomi sbilanciato

«Il nostro lavoro rappresenta una pietra miliare nella ricerca contro il cancro – ha evidenziato Stefano Santaguida, 40 anni, calabrese della provincia di Vibo Valentia formatosi all’università di Pisa, un dottorato di ricerca in medicina molecolare e con un trascorso al MIT di Boston – perché grazie all’analisi delle cellule tumorali abbiamo individuato i geni da usare come bersaglio molecolare per eliminarle selettivamente».

Un lavoro intenso frutto di anni di ricerca che si basa sull’osservazione, nota da decenni, che le cellule tumorali hanno un numero di cromosomi sbilanciato. «Ogni cellula sana del nostro corpo ha 46 cromosomi. Le cellule tumorali, invece, nel 90% dei tumori solidi e nel 70% di quelli ematologici ne hanno un numero differente» sottolinea Santaguida.

Interazione tra aneuploidia e SAC

Questo importante tallone di Achille non è mai stato sfruttato come bersaglio di cura perché mancavano strumenti necessari per creare modelli in vitro di cellule aneuploidi. «Se fino a poco tempo fa era difficile, e quasi impossibile, modellare in vitro, ovvero in laboratorio, la presenza di una aneuploidia in un sistema cellulare da trattare, oggi abbiamo fatto un importante passo avanti perché siamo riusciti, qui allo IEO, a creare librerie di cellule con un numero di cromosomi sbilanciato».

«Confrontando i dati di migliaia di cellule tumorali – continua Santaguida – si è compreso che l’inibizione di un determinato processo cellulare chiamato SAC, che non è altro che il processo attraverso cui una cellula madre forma due cellule figlie, porta alla morte delle cellule con un numero di cromosomi sbilanciato».

Una scoperta che apre le porte a nuove concrete possibilità di vincere la battaglia contro il cancro, tenendo presente che si tratta ancora di una fase a livello molecolare e che necessita di ulteriori studi per capirne l’applicabilità a livello clinico, come sottolinea il group leader del Laboratorio di integrità genomica allo IEO.

Terapia anticancro

«Si apre oggi la prospettiva concreta dell’utilizzo dei SAC inibitori come terapia anticancro – ammette Santaguida – ma ci vorranno ancora degli anni prima di riuscire a produrre un farmaco in grado di sfruttare questa vulnerabilità per colpire le cellule tumorali. Il prossimo traguardo da raggiungere – chiosa Santaguida – sarà riuscire a capire se l’aneuploidia promuova anche la resistenza alla chemioterapia. In tal caso si potrebbe ipotizzare un doppio utilizzo clinico di questo fondamentale segnale spia dei tumori».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori, crollo di screening, visite e interventi nel 2020. FAVO: «Subito Piano oncologico nazionale da inserire in PNRR»
Secondo i dati AGENAS emerge nel 2020 la diminuzione di circa il 30% dei volumi dei tre screening e una diminuzione consistente degli interventi. De Lorenzo: «Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro, occorre progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan»
Tumore al seno, psico-oncologia offerta solo al17% delle pazienti
I risultati del progetto ForteMente confermano una scarsa attenzione alla sfera psicologica e suggeriscono nuovi percorsi da esplorare con la telemedicina. Europa Donna Italia e SIPO: «Potenziare i servizi»
di Federica Bosco
La “scatola nera” dell’apparato digerente: con l’enteroscopia e la videocaspula l’intestino tenue non ha più segreti
La ricercatrice dell’università Cattolica: «Non si tratta di tecniche nuove, piuttosto è il loro perfezionamento a poter essere considerato innovativo. Presto utilizzeremo l’enteroscopia a spirale motorizzata, che offre una diagnosi più veloce ed un trattamento più efficace»
di Isabella Faggiano
Pubertà precoce, Bambin Gesù: «Casi più che raddoppiati durante il lockdown»
Più del doppio, rispetto allo scorso anno, le vicende di pubertà anticipata o precoce registrate all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma durante i mesi iniziali della pandemia
Covid, stress post traumatico per un sanitario su tre
Isabel Fernandez (presidente associazione EMDR Italia): «Serve supporto psicologico in ospedale per medici e infermieri. L'EMDR funziona»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco