Salute 5 Febbraio 2021 08:45

Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»

Due ricercatori italiani dell’Istituto Europeo di Oncologia, Stefano Santaguida e Marica Ippolito, hanno preso parte allo studio coordinato dal dipartimento di genetica molecolare umana dell’Università di Tel Aviv che ha scoperto l’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali

di Federica Bosco
Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»

Si chiama “aneuploidia” ed è un’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali, considerata il punto debole da sfruttare per colpire il tumore. Ad individuare questo “difetto” dei cromosomi è stato uno studio internazionale, pubblicato nei giorni scorsi sulla prestigiosa rivista scientifica Nature, coordinato dal dipartimento di Genetica Molecolare Umana dell’Università di Tel Aviv a cui hanno preso parte, tra gli altri, due ricercatori italiani: Stefano Santaguida, group leader del Laboratorio di integrità genomica all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e docente di Biologia Molecolare all’Università Statale di Milano, e Marica Ippolito, dottoranda della Scuola europea di Medicina Molecolare presso lo IEO. 

Cellule con numero di cromosomi sbilanciato

«Il nostro lavoro rappresenta una pietra miliare nella ricerca contro il cancro – ha evidenziato Stefano Santaguida, 40 anni, calabrese della provincia di Vibo Valentia formatosi all’università di Pisa, un dottorato di ricerca in medicina molecolare e con un trascorso al MIT di Boston – perché grazie all’analisi delle cellule tumorali abbiamo individuato i geni da usare come bersaglio molecolare per eliminarle selettivamente».

Un lavoro intenso frutto di anni di ricerca che si basa sull’osservazione, nota da decenni, che le cellule tumorali hanno un numero di cromosomi sbilanciato. «Ogni cellula sana del nostro corpo ha 46 cromosomi. Le cellule tumorali, invece, nel 90% dei tumori solidi e nel 70% di quelli ematologici ne hanno un numero differente» sottolinea Santaguida.

Interazione tra aneuploidia e SAC

Questo importante tallone di Achille non è mai stato sfruttato come bersaglio di cura perché mancavano strumenti necessari per creare modelli in vitro di cellule aneuploidi. «Se fino a poco tempo fa era difficile, e quasi impossibile, modellare in vitro, ovvero in laboratorio, la presenza di una aneuploidia in un sistema cellulare da trattare, oggi abbiamo fatto un importante passo avanti perché siamo riusciti, qui allo IEO, a creare librerie di cellule con un numero di cromosomi sbilanciato».

«Confrontando i dati di migliaia di cellule tumorali – continua Santaguida – si è compreso che l’inibizione di un determinato processo cellulare chiamato SAC, che non è altro che il processo attraverso cui una cellula madre forma due cellule figlie, porta alla morte delle cellule con un numero di cromosomi sbilanciato».

Una scoperta che apre le porte a nuove concrete possibilità di vincere la battaglia contro il cancro, tenendo presente che si tratta ancora di una fase a livello molecolare e che necessita di ulteriori studi per capirne l’applicabilità a livello clinico, come sottolinea il group leader del Laboratorio di integrità genomica allo IEO.

Terapia anticancro

«Si apre oggi la prospettiva concreta dell’utilizzo dei SAC inibitori come terapia anticancro – ammette Santaguida – ma ci vorranno ancora degli anni prima di riuscire a produrre un farmaco in grado di sfruttare questa vulnerabilità per colpire le cellule tumorali. Il prossimo traguardo da raggiungere – chiosa Santaguida – sarà riuscire a capire se l’aneuploidia promuova anche la resistenza alla chemioterapia. In tal caso si potrebbe ipotizzare un doppio utilizzo clinico di questo fondamentale segnale spia dei tumori».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale