Salute 4 Febbraio 2021 15:13

«Mille casi e 500 morti al giorno. Non di Covid, ma di cancro». Intervista al Presidente Aiom Beretta

Il presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica: «Lo stop a screening e interventi potrebbe portare all’identificazione di patologie oncologiche con una diagnosi più avanzata, una prognosi inferiore e un costo terapeutico più alto». Ma la sopravvivenza dei pazienti è arrivata al 60%, tra le più alte in Europa

«Mille casi e 500 morti al giorno. Non di Covid, ma di cancro». Intervista al Presidente Aiom Beretta

Oggi, 4 febbraio, si celebra la Giornata Mondiale contro il cancro 2021 sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per sensibilizzare la popolazione sull’importanza di un’informazione corretta, della prevenzione e della diagnosi precoce per combattere una delle sfide più dure di tutti i tempi.

L’emergenza sanitaria di Covid-19 ha imposto un’improvvisa riorganizzazione di strutture, servizi e attività del personale sanitario, occupato nella presa in carico di pazienti affetti dal coronavirus e causato il rinvio di molte prestazioni oncologiche, anche per il timore di andare in ospedale e rischiare di contagiarsi.

L’impatto della pandemia sulla sopravvivenza dei malati oncologici

Le conseguenze di tutto questo in oncologia saranno valutabili, con certezza, solo nei prossimi mesi e anni. «Non sappiamo ancora quanto la pandemia impatterà sulla sopravvivenza, ci vorrà parecchio tempo per scoprirlo – precisa Giordano Beretta, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) in un’intervista a Sanità Informazione -. Quel che è certo, è che il rinvio di alcuni interventi chirurgici legati al fatto che le sale operatorie erano diventate terapie intensive e il blocco degli screening per non mettere a rischio i pazienti sani, ma anche per problematiche organizzative, potrebbero avere come effetto l’identificazione di patologie oncologiche con una diagnosi più avanzata e quindi con una prognosi inferiore, e con un costo terapeutico più alto».

I numeri del cancro: «Mille diagnosi e cinquecento morti al giorno»

I dati evidenziano che nel 2020 ci sono state circa 377 mila nuove diagnosi di cancro e circa 183mila decessi, una vera e propria emergenza quotidiana: «Parliamo di circa mille diagnosi e circa cinquecento morti al giorno. I numeri che vediamo oggi per il Covid-19 e che spaventano così tanto, il cancro ce li ha da sempre» sottolinea Beretta.

La bella notizia, però, è che grazie alla ricerca scientifica e alle nuove cure la situazione negli anni è sicuramente migliorata: «La sopravvivenza dei pazienti affetti da cancro arriva intorno al 60%, precisamente il 54% per i maschi e il 63% per le femmine».

Aumenta la sopravvivenza grazie a screening, diagnosi precoce e migliori terapie

Stiamo parlando di una delle sopravvivenze più alte in Europa. Un risultato che è stato possibile ottenere grazie a due fattori: «Il riscontro di malattie in fase iniziale – spiega Beretta – grazie agli esami di screening e il miglioramento delle terapie e dei programmi terapeutici. Questi ultimi – aggiunge il presidente – possono contare oggi sulla competenza di team multidisciplinari e su diagnostiche e farmaci migliori».

I dati indicano un costante aumento del numero degli italiani che vivono dopo una diagnosi di tumore: «Il numero di pazienti in Italia che hanno avuto una diagnosi di cancro e sono tuttora vivi è di circa tre milioni e seicentomila, siamo intorno al 5,7% della popolazione – evidenzia il presidente Beretta -. Di questi, 2 milioni e quattrocento mila sono vivi da più di 5 anni e una quota di questi malati, quasi un milione, si può considerare guarita perché ha raggiunto la stessa possibilità di sopravvivenza di chi il cancro non ce l’ha mai avuto».

E se questa è la situazione dal punto di vista epidemiologico, anche in ambito terapeutico si registrano successi dovuti al fatto di «lavorare in multidisciplinarietà – continua Beretta -. Chirurgo, radioterapista e oncologo lavorano tutti insieme con le diverse competenze e hanno disponibilità di farmaci più efficaci. Alcuni sono basati sul bersaglio molecolare – spiega – che consente risultati migliori rispetto a una terapia più generica».

C’è poi limmunoterapia «che non sempre dà enormi benefici di sopravvivenza mediana, – cioè 50 pazienti su 100 – ma dà sicuramente un vantaggio di sopravvivenza a lungo termine. Ci sono pazienti che a cinque anni dalla diagnosi sono ancora vivi con malattia metastatica: in passato, non sarebbero sopravvissuti».

Le richieste degli oncologi

Le richieste dell’Aiom, infine, sono chiare: «Chiediamo che ripartano immediatamente gli screening e che vengano creati percorsi separati tra i pazienti positivi al Covid e sani per evitare che in futuro, qualora ci fosse una terza ondata, ci si trovi di fronte alla necessità di sospendere attività fondamentali per i pazienti per poter continuare a curare anche le malattie oncologiche e non solo il Covid-19».

Nelle malattie oncologiche, infatti, il tempo è importante: «Sospendere o ritardare visite e controlli può non rappresentare un danno immediato in termini di mortalità perché potremmo riuscire a recuperare questi pazienti, ma molto probabilmente saranno in una condizione più avanzata di malattia, richiederanno trattamenti più impegnativi e avranno una prognosi inferiore» conclude il presidente Aiom.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
Quarta ondata, curare i pazienti Covid costerà 7 volte di più che vaccinarli
L’Altems ha effettuato un’analisi del profilo costo-efficacia della campagna vaccinale in Italia. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Covid-19, allarme Oms: «Oltre 2,2 milioni di morti in Europa entro primavera»
La previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla base delle tendenze attuali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano