Salute 25 Ottobre 2019 16:09

Congresso AIOM, oncologi: «Rinnovare fondo farmaci innovativi». Beretta: «Potenziare reti oncologiche»

Dal Congresso in corso a Roma arrivano dati non soddisfacenti dal fronte della prevenzione: solo il 55% delle donne esegue la mammografia e soltanto il 41% dei cittadini effettua il test per la ricerca del sangue occulto fecale

Congresso AIOM, oncologi: «Rinnovare fondo farmaci innovativi». Beretta: «Potenziare reti oncologiche»

Diminuiscono le diagnosi di cancro in Italia ma i livelli di prevenzione primaria (stili di vita sani) e secondaria (screening anticancro) non sono ancora sufficienti. È questo uno dei messaggi che arriva dal XXI Congresso nazionale Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) in corso a Roma.

In particolare, preoccupano i dati sulla prevenzione: in Italia solo il 55% delle donne esegue la mammografia per individuare in fase iniziale il carcinoma della mammella, la neoplasia più frequente in tutta la popolazione (53.500 nuovi casi stimati nel 2019). E soltanto il 41% dei cittadini effettua il test per la ricerca del sangue occulto fecale per la diagnosi precoce del cancro del colon-retto, il secondo per incidenza (49.000 nel 2019).

Per garantire a tutti i pazienti le terapie più efficaci, gli oncologi chiedono alle istituzioni la conferma del Fondo per i farmaci innovativi, istituito per la prima volta con la legge di Bilancio del 2017.

«È urgente la conferma di questa fonte di risorse dedicate – afferma Stefania Gori, presidente nazionale Aiom e Direttore dipartimento oncologico, Irccs ospedale Sacro Cuore Don Calabria-Negrar -. Nel 2018, il limite di 500 milioni di euro è stato sforato, infatti la spesa per i farmaci oncologici innovativi con accesso al Fondo è stata pari a 657 milioni. Per questo ne chiediamo non solo la conferma, ma anche un incremento».

LEGGI ANCHE: TUMORI, AIOM: NEL 2019 DUEMILA CASI IN MENO. AUMENTA SOPRAVVIVENZA

«I nuovi casi di tumore, in Italia, tendono a diminuire – aggiunge Gori -. Nel 2019 sono stimate 371mila diagnosi (erano 373mila nel 2018). Aumentano invece le persone che vivono dopo la scoperta della malattia: oggi sono quasi 3 milioni e mezzo (3.460.025, erano 2 milioni e 244mila nel 2006, 2 milioni e 587mila nel 2010, circa 3 milioni nel 2015). Il calo complessivo delle diagnosi va ricondotto soprattutto all’efficacia dei programmi di screening. Abbiamo già attivato campagne di prevenzione rivolte in particolare agli anziani, che dovremo ampliare ulteriormente – afferma la Presidente AIOM –. Il nostro obiettivo è aumentare del 10% le percentuali di adesione entro 5 anni. Così potremo salvare più vite, diminuendo il numero dei nuovi casi e garantendo risparmi al sistema sanitario. Questo progetto è complementare alla revisione dell’assistenza oncologica nel nostro Paese».

«Le sfide di Aiom presenti e future sono quelle di implementare i meccanismi di prevenzione primaria e secondaria e di ottimizzare l’impiego dei trattamenti attraverso un’appropriatezza sempre maggiore ma anche una selezione di pazienti sull’analisi molecolari che consentano di definire in quale pazienti il trattamento può dare o meno benefici – sottolinea a Sanità Informazione Giordano Beretta, presidente eletto Aiom e responsabile dell’Oncologia medica all’Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Alle istituzioni chiediamo di poterci sedere al tavolo a discutere per trovare una ridistribuzione dei finanziamenti che consenta un’ottimizzazione della gestione di tutto il sistema perché noi possiamo cercare di risparmiare con una maggiore appropriatezza e selezione dei pazienti ma se quei soldi poi vanno per le rotonde delle strade forse non è la scelta migliore. Devono essere assolutamente reinvestiti per un miglioramento del Ssn e trattandosi di pazienti oncologici nella loro gestione. Vanno ridefinite le regole ma l’importante è che ci si possa scambiare le necessità attraverso incontri con Aifa e Agenas. Ad esempio, definire il ruolo delle reti oncologiche che ancora stentano a partire e sono fondamentali: la rete significa una migliore assistenza per tutti i pazienti ovunque abitino ottimizzando le risorse centralizzando o periferizzando i trattamenti e evitando esami inutili».

Beretta poi è intervenuto sul tema dei farmaci biosimilari: «Devono assolutamente essere presi in considerazione sono verosimilmente equiefficaci rispetto ai farmaci tradizionali. I pazienti che iniziano un trattamento dovrebbero partire con biosimilari. I pazienti già in cura potrebbero spostarsi su un biosimilare però non si può cambiare trattamento tutte le volte per meccanismi economicisti perché questo non sarebbe etico nei confronti del paziente».

Articoli correlati
Tumori, Aiom: «Con Covid -11% di nuove diagnosi, torniamo a visitarci gli ospedali sono sicuri»
Nuove diagnosi a -11%, nuovi trattamenti farmacologici a -13% e interventi chirurgici a -18%, Aiom lancia l'allarme
Reti oncologiche, Mauro Vitali (Daiichi Sankyo): «Sopravvivenza più alta nelle regioni in cui sono attive»
«Le reti oncologiche hanno un ruolo chiave fondamentale nel percorso diagnostico-terapeutico del paziente oncologico. Permettono di migliorare la collaborazione tra professionisti, hanno migliorato le possibilità di accesso e di utilizzo di farmaci innovativi e hanno diminuito le migrazioni tra regioni. Tutto questo incide sulla sopravvivenza dei pazienti che è più alta nelle regioni in cui […]
Cancro e Covid-19, il presidente Aiom: «Deve riprendere lo screening o rischiamo di trovare malattie difficilmente curabili»
Giordano Beretta fa il punto sulla fase 2: ripresa delle attività chirurgiche, reti oncologiche in collaborazione con il territorio e una forte ripresa del sistema diagnostico, per imparare dall'emergenza
di Gloria Frezza
Giornata mondiale contro il cancro: in Italia +53% di pazienti vivi dopo la diagnosi in 10 anni
Il monito dell’Aiom: «Il nostro Paese ai vertici in Europa nell’assistenza oncologica - dichiara il presidente Giordano Beretta - ma ci sono ancora differenze territoriali nell’accesso alle cure. Seguire l’esempio delle regioni virtuose nel favorire l’accesso a farmaci innovativi e agli esami in grado di predire l’efficacia della chemioterapia»
Tumori, Aiom: nel 2019 duemila casi in meno. Aumenta sopravvivenza: a 5 anni 63% donne e 54% uomini
Le cinque diagnosi più frequenti sono quelle della mammella (53.500 casi nel 2019), colon-retto (49mila), polmone (42.500), prostata (37mila) e vescica (29.700). I dati sono contenuti nel volume 'I numeri del cancro in Italia 2019'. L'incidenza più alta si registra in Friuli Venezia Giulia (716 casi per 100mila abitanti), la più bassa in Calabria (559 casi per 100mila abitanti)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?