Salute 20 Dicembre 2019 11:28

Tumori, nuove frontiere con immunoterapia. Maio: «Test molecolari essenziali per la pianificazione dei trattamenti»

È quanto si aspetta il professor Michele Maio, direttore del centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena: «Ci saranno sempre più tumori nei quali l’immunoterapia potrà mostrare la propria efficacia»

Tumori, nuove frontiere con immunoterapia. Maio: «Test molecolari essenziali per la pianificazione dei trattamenti»

L’arrivo dell’immunoterapia e delle terapie mirate a bersagli molecolari espressi dalle cellule tumorali sta cambiando la filosofia complessiva della terapia dei tumori. «Credo che prospetticamente ci saranno sempre più tumori nei quali l’immunoterapia potrà mostrare la propria efficacia, aumentando la sopravvivenza dei pazienti e molte volte anche senza particolari effetti collaterali». È quanto si aspetta il professor Michele Maio, direttore del centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena a margine del convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”, tenutosi in Senato e promosso dall’Osservatorio Nazionale per i Diritti dei Malati.

La rivoluzione di questi nuovi trattamenti sta nell’affrontare un tumore in base al suo specifico profilo genetico piuttosto che alla sua localizzazione o al tessuto dove si è sviluppato. In questo quadro si sviluppano tutte le terapie oncologiche definite “agnostiche” di cui l’immunoterapia fa parte. «La novità principale dell’immunoterapia del cancro è che noi abbiamo la possibilità di ottenere dei risultati in alcuni tipi di tumore che fino a pochissimi anni fa erano impensabili. In alcuni tipi di tumore – spiega ancora il professor Maio – abbiamo aumentato in maniera significativa la sopravvivenza dei nostri pazienti, cosa che non ottenevamo fino a pochi anni fa utilizzando ad esempio la chemioterapia».

Ma come funziona? «L’immunoterapia sostanzialmente utilizza dei farmaci che potenziano il sistema immunitario del paziente, facendo sì che sia poi lo stesso sistema immunitario a tenere sotto controllo e distruggere le cellule tumorali». I test genetici o la definizione di altre caratteristiche molecolari potranno aiutare a decidere quali trattamenti sono più indicati. I test molecolari diventeranno l’elemento essenziale per la pianificazione dei trattamenti. Un passo avanti importante nello sviluppo di una medicina personalizzata o di precisione che promette sempre nuovi risultati.

LEGGI: LOTTA AI TUMORI, L’EUROPA IN PRIMA LINEA CON LA MISSION BOARD FOR CANCER. WALTER RICCIARDI: «NUOVO APPROCCIO»

Articoli correlati
Melanoma metastatico, progetto pilota di radiogenomica per valutare risposta a immunoterapia
L’IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per “Giovani Ricercatori”. Il finanziamento è a carico del Ministero della Salute e il Principal Investigator è Antonio Guerrisi, medico radiologo dell’ISG
Tumore del polmone, scoperte le mutazioni che causano resistenza all’immunoterapia
Nuovo studio su Annals of Oncology dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in collaborazione con il Polo Oncologico Sapienza
Cancro alla mammella e parrucche: per guarire ci vuole anche testa
L'80% dei pazienti che si sottopongono a chemioterapia perde i capelli. Intervista alla dottoressa Lucia Mentuccia, oncologa presso l'Ospedale di Colleferro, su rimedi e soluzioni
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige
Carlo Tondini (Direttore Oncologia Medica, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo): «Nell’attuale crisi emergenziale, risparmiare una chemioterapia non essenziale con l’utilizzo dei test genomici protegge le pazienti affette da tumore al seno, più vulnerabili al rischio di Covid-19, e contribuisce al contenimento della pandemia»
Tocilizumab, semaforo verde dall’Aifa per la sperimentazione su larga scala
Intervista al professor Paolo Ascierto (Istituto Pascale di Napoli): «Di 11 pazienti di cui abbiamo i dati, otto hanno avuto un miglioramento. Così combattiamo la tempesta citochinica scatenata dal Coronavirus»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco