Salute 19 Dicembre 2019

Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»

Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull’Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»

Immagine articolo

In prima linea nella lotta contro i tumori da qualche mese si è schierata anche l’Europa. Con una Mission Board dedicata, l’Ue si occuperà di valutare e approvare i finanziamenti per progetti di ricerca in ambito oncologico. Tra i membri della mission è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica.

La Mission Board for Cancer «è un nuovo approccio della Commissione per affrontare il problema sul cancro in maniera del tutto innovativa rispetto al passato» ha spiegato Ricciardi a margine del convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”, tenutosi in Senato e promosso dall’Osservatorio Nazionale per i Diritti dei Malati. Il convegno è stata l’occasione per fare il punto sul nuovo approccio terapeutico che mira ad affrontare la patologia sotto lo specifico profilo genetico piuttosto che alla sua localizzazione o al tessuto dove si è sviluppato.

Un obiettivo, quello che si propone la mission europea, conseguibile solo «investendo in ricerca, ma anche in soluzioni, in proposte legislative, – spiega ancora il professor Ricciardi – perché di fatto sarà uno sforzo collaborativo tra la Commissione europea, il Parlamento europeo e gli Stati membri. Quello che noi vogliamo è ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci che c’è in Europa. Quindi garantire a tutti i cittadini europei l’accesso quanto più possibile ad una qualità ottimale.

Le Mission Board sono state immaginate con lo scopo di fare fronte a importanti sfide su cinque tematiche cruciali: cancer, climate change, healthy oceans e climate-neutral cities, soil health and food. «Si tratta dei cinque argomenti su cui si misurerà nei prossimi sette anni la competitività dell’Europa. Le cinque missioni sono state identificate proprio in seguito ad una serie di sondaggi su cui sono stati interpellati i cittadini. Specificatamente questa riguarda il cancro, cioè i cittadini europei sono preoccupati per questa patologia. Sappiamo – conclude – che per l’aumento dell’età della popolazione e altri fattori, nei prossimi dieci anni sarà la causa di mortalità in assoluto più alta».

LEGGI: TUMORI, SVOLTA CON LE TERAPIE ‘AGNOSTICHE’. VELLA: «CON IMMUNOTERAPIA E FARMACI MIRATI AUMENTA SOPRAVVIVENZA E DIMINUISCE TOSSICITÀ»

Infine, proprio riguardo l’accesso ai farmaci innovativi in Italia, Ricciardi conferma come «no, non sono accessibili ovunque». «Di fatto quello che succede in Italia, – spiega il professore – come in Europa, è che dopo l’approvazione dell’Ema che ne autorizza l’utilizzazione in Europa poi la palla passa ai singoli Stati membri. Nel caso dell’Italia c’è anche la voce delle Regioni, per cui una volta che l’Aifa ha effettuato un certo tipo di valutazioni poi sono le Regioni che li devono comprare. Quello che succede, molto spesso, è che Regioni in piano di rientro che hanno avuto problemi economici e che sono rientrati da deficit di bilancio importanti non se li possono permettere. E i cittadini per avere accesso a quei farmaci si devono spostare dal sud verso il nord, perché è nel nord che ci sono regioni performanti. Basti pensare alla Calabria, l’assistenza oncologica, pure essendoci degli ottimi professionisti, è fatta in altre regioni».

Articoli correlati
Il ricorso al MES spacca la politica e la sanità: cos’è, a cosa serve e perché fa tanto discutere
Sia la maggioranza che l’opposizione sono divise sulla possibilità di aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità, con Lega, Fdi e M5S contrarie e Pd-Iv-Fi a favore. I pro e i contro di una possibile adesione
Rapporto Osservasalute: solo 0,2% in più per la sanità in 10 anni. Ricciardi: «Ssn decentrato ha mostrato debolezza»
Dal 2010 al 2018 33 mila posti letto in meno. Durante la pandemia differenze regionali nella cura e gestione dei pazienti. Veneto la più virtuosa. Il direttore dell'Osservatorio: «Antiscientifico e illogico affidare sanità alle regioni»
Emergenza Covid, 8mila casi di carcinoma mammario non diagnosticato a causa dello stop agli screening
Il 30% delle donne che solitamente si sottopone programmi di prevenzione non l’ha fatto e probabilmente non lo farà fino al prossimo anno
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Lotta ai tumori: scoperto meccanismo molecolare con cui ingannano le cellule “natural killer”
I ricercatori del Bambino Gesù, insieme all’Università di Genova e con il sostegno di AIRC, hanno svelato come si attiva il check-point inibitore PD-1 sulle cellule NK. Lo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...