Salute 19 Dicembre 2019

Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»

Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull’Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»

Immagine articolo

In prima linea nella lotta contro i tumori da qualche mese si è schierata anche l’Europa. Con una Mission Board dedicata, l’Ue si occuperà di valutare e approvare i finanziamenti per progetti di ricerca in ambito oncologico. Tra i membri della mission è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica.

La Mission Board for Cancer «è un nuovo approccio della Commissione per affrontare il problema sul cancro in maniera del tutto innovativa rispetto al passato» ha spiegato Ricciardi a margine del convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”, tenutosi in Senato e promosso dall’Osservatorio Nazionale per i Diritti dei Malati. Il convegno è stata l’occasione per fare il punto sul nuovo approccio terapeutico che mira ad affrontare la patologia sotto lo specifico profilo genetico piuttosto che alla sua localizzazione o al tessuto dove si è sviluppato.

Un obiettivo, quello che si propone la mission europea, conseguibile solo «investendo in ricerca, ma anche in soluzioni, in proposte legislative, – spiega ancora il professor Ricciardi – perché di fatto sarà uno sforzo collaborativo tra la Commissione europea, il Parlamento europeo e gli Stati membri. Quello che noi vogliamo è ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci che c’è in Europa. Quindi garantire a tutti i cittadini europei l’accesso quanto più possibile ad una qualità ottimale.

Le Mission Board sono state immaginate con lo scopo di fare fronte a importanti sfide su cinque tematiche cruciali: cancer, climate change, healthy oceans e climate-neutral cities, soil health and food. «Si tratta dei cinque argomenti su cui si misurerà nei prossimi sette anni la competitività dell’Europa. Le cinque missioni sono state identificate proprio in seguito ad una serie di sondaggi su cui sono stati interpellati i cittadini. Specificatamente questa riguarda il cancro, cioè i cittadini europei sono preoccupati per questa patologia. Sappiamo – conclude – che per l’aumento dell’età della popolazione e altri fattori, nei prossimi dieci anni sarà la causa di mortalità in assoluto più alta».

LEGGI: TUMORI, SVOLTA CON LE TERAPIE ‘AGNOSTICHE’. VELLA: «CON IMMUNOTERAPIA E FARMACI MIRATI AUMENTA SOPRAVVIVENZA E DIMINUISCE TOSSICITÀ»

Infine, proprio riguardo l’accesso ai farmaci innovativi in Italia, Ricciardi conferma come «no, non sono accessibili ovunque». «Di fatto quello che succede in Italia, – spiega il professore – come in Europa, è che dopo l’approvazione dell’Ema che ne autorizza l’utilizzazione in Europa poi la palla passa ai singoli Stati membri. Nel caso dell’Italia c’è anche la voce delle Regioni, per cui una volta che l’Aifa ha effettuato un certo tipo di valutazioni poi sono le Regioni che li devono comprare. Quello che succede, molto spesso, è che Regioni in piano di rientro che hanno avuto problemi economici e che sono rientrati da deficit di bilancio importanti non se li possono permettere. E i cittadini per avere accesso a quei farmaci si devono spostare dal sud verso il nord, perché è nel nord che ci sono regioni performanti. Basti pensare alla Calabria, l’assistenza oncologica, pure essendoci degli ottimi professionisti, è fatta in altre regioni».

Articoli correlati
«Morti per cancro aumenteranno. A causa del Covid -30% di interventi e terapie rimandate». L’allarme di De Lorenzo (FAVO)
Il Presidente della Federazione delle Associazioni di volontariato in oncologia, in occasione del 12esimo Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici: «Assicurare con urgenza la continuità di accesso a screening, terapie e interventi chirurgici»
Diagnosi e cura dei tumori della pelle, al via il network di eccellenza LinkME
Più omogeneità e qualità nella diagnosi e cura del melanoma a qualsiasi stadio su tutto il territorio nazionale. È l’obiettivo del progetto LinkME, un network di eccellenza lanciato dall’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI), l’Associazione scientifica multidisciplinare che tratta questo tipo di tumore della pelle e le problematiche attinenti – dall’epidemiologia alla prevenzione, dalla biologia alla diagnosi […]
Tumori, studio Eurocare: guarisce più di metà delle donne e il 40% degli uomini europei
Quelli della tiroide, del testicolo, dello stomaco, del colon retto, dell’utero e per il melanoma i tumori da cui si guarisce di più
«La riapertura delle scuole non ha influenzato l’aumento dei contagi in Europa», parola dell’ECDC
Un rapporto del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che mette insieme la letteratura scientifica europea sul tema, mostra che le scuole non sono più pericolose delle loro stesse comunità se vengono adottate le misure di distanziamento e igiene
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare