Salute 24 Novembre 2023 15:52

Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard

Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell’accesso e nell’organizzazione dell’oncologia di precisione

di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard

Regione che vai, test genomici (e cure innovative) che trovi. È cambiato poco o nulla nelle modalità di accesso dei pazienti alle terapie oncologiche innovative, nonostante negli ultimi anni si siano moltiplicate e rappresentino il futuro. Paradossalmente il progresso ottenuto con i test di profilazione genomica in grado di analizzare l’intero genoma umano (Next Generation sequencing, NGS), e l’istituzione dei team di esperti dedicati all’interpretazione clinica di questi nuovi dati (Molecular Tumor Board, MTB), ha ampliato notevolmente le disparità di accesso. Infatti, solo nella metà dei casi ai pazienti vengono offerti test basati sulle tecniche NGS, e i MBT sono presenti soltanto in 13 Regioni, con una grande variabilità di modelli organizzativi. Questi dati, emersi in una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, hanno spinto le 4 principali società scientifiche di oncologia – Cipomo, appunto, con Aiom, Comu, e Siapec – a formulare 14 statement di indirizzo per rendere omogenea la disponibilità dell’oncologia di precisione su tutto il territorio nazionale. Il grande valore di questo documento è stato sancito dalla recentissima pubblicazione (4 novembre) sulla prestigiosa rivista dell’ASCO JCO Precision Oncology, ed è uno dei temi al centro della terza edizione del Cipomo Day dal titolo “Il Tempo dell’Umanizzazione”, che si è svolto stamattina.

Fioretto (Cipomo): “Necessari frequenti adeguamenti dei percorso clinici”

“Coniugare oncologia di precisone, accesso alle cure innovative e umanizzazione rappresenta oggi la sfida degli oncologi italiani per i propri pazienti”, commenta Luisa Fioretto, presidente Cipomo e direttore del Dipartimento Oncologico e SOC Oncologia Medica, Azienda USL Toscana Centro. “Il rapido sviluppo tecnologico della diagnostica molecolare e la disponibilità di nuovi farmaci richiedono sempre più frequenti adeguamenti dei percorsi clinici e delle attività in oncologia. Se non governate, dinamiche come l’iper-specializzazione e la frammentazione del percorso, possono interferire con l’integrazione e la continuità della cura, minando la relazione paziente-medico e la percezione sociale della rilevanza dell’assistenza sanitaria”.

I MBT sono pochi e mal distribuiti, gli esperti chiedono nuovi standard

Nel corso dell’evento gli esperti si sono confrontati sui 14 statement, linee di indirizzo utili per appianare le disparita di accesso all’oncologia di precisione e le differenze Regionali, con i presidenti Nord, Centro e Sud del Cipomo. “Questo è infatti un obiettivo che non può prescindere dalla possibilità di accedere alle tecnologie NGS e alle competente di un MBT, indipendentemente dalla posizione geografica”, sottolinea Gianpiero Fasola, direttore del dipartimento di Area Oncologica dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale e primo autore del paper. Nel lavoro appena pubblicato, infatti, si evidenzia l’esigenza, non solo di aumentare il numero e la distribuzione omogenea dei MBT, ma anche di standardizzare le procedure, la composizione, le competenze e le prerogative di questi gruppi multidisciplinari. “E’ utile che la composizione dei MBT sia funzionale e ragionevolmente agile, tenendo però conto dei diversi contesti. La nostra esperienza – evidenzia Fasola – inoltre fa emergere il ruolo importante della figura di un project manager, dedicato alla gestione e all’implementazione dell’innovazione organizzativa”

Cavanna (Cipomo): “Bisogna stare al passo con l’innovazione”

Oltre ad ampliare l’accesso ai test genomici, gli esperti raccomandano di affidarsi a test che analizzano pannelli di geni (tra i 20 e i 50) sufficienti a soddisfare le esigenze diagnostiche di primo livello, come stabilito dalle linee guida. “Pannelli più grandi potrebbero offrire informazioni rindondanti, inadeguate e confondenti, specialmente in assenza o carenza di professionisti in grado di interpretarne correttamente i risultati”, sottolinea Luigi Cavanna, past president Cipomo e primario di oncologia alla Casa di Cura Piacenza. “Allo stesso tempo bisogna mantenere una certa flessibilità per stare al passo con l’innovazione. Per questo – continua – i pannelli diagnostici di primo livello dovrebbero essere aggiornati periodicamente da professionisti individuati a livello regionale a secondo del modello di coordinamento sviluppato”.

Un gruppo nazionale di coordinamento per le attività relative all’oncologia di precisione

Nel documento si specifica anche che, nei casi in cui si ravvisa la necessità di effettuare analisi avanzate, che richiedono pannelli di grandi dimensioni (superiori a 50 biomarcatori), queste dovrebbero essere eseguite da un numero limitato di operatori qualificati e da laboratori ad alto volume individuati dalle autorità sanitarie nazionali. “È anche importante, e citata in uno dei 14 statement, la creazione di un gruppo nazionale di coordinamento per le attività relative all’oncologia di precisione allo scopo di analizzare il funzionamento dei diversi modelli adottati e sostenendo le istituzioni nella definizione delle linee guida“, sottolinea Fioretto. “Dobbiamo fare in modo che l’oncologia di precisione e l’equità di accesso alle migliori cure non rimangano un concetti astratti, ma che diventino una realtà nella pratica clinica quotidiana”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.