Salute 27 Giugno 2019 12:30

Camera metabolica, Santini (endocrinologo): «Misura la risposta del metabolismo a diete e terapie»

L’esperto: «Lo scambio di gas – ossigeno e anidride carbonica – in entrata e in uscita permetterà di calcolare il numero di calorie bruciate, nell’arco di un’intera giornata, dalla persona che vi soggiorna. Soprattutto sarà possibile verificare se sta bruciando grassi, carboidrati o proteine»

di Isabella Faggiano

Cucire una dieta su misura o valutare l’effetto di terapie farmacologiche e chirurgiche sul metabolismo di un individuo con estrema precisione. Oggi è possibile grazie alla camera metabolica. «Una stanza sigillata – spiega Ferruccio Santini, responsabile del Centro Obesità e Lipodistrofie dell’ U.O. di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa –  in cui si rileva, in maniera molto accurata, lo scambio di gas – ossigeno e  anidride carbonica – in entrata e in uscita. Di conseguenza, saremmo in grado di calcolare il numero di calorie bruciate, nell’arco di un’intera giornata, dalla persona che vi soggiorna. Soprattutto – aggiunge l’esperto – sarà possibile verificare se sta bruciando grassi, carboidrati o proteine».

LEGGI ANCHE: OBESITA’, LENZI (SAPIENZA): «NELLE CITTA’ È EMERGENZA. SITUAZIONE CRITICA SOPRATTUTTO PER I BAMBINI»

E perché queste informazioni sono così importanti? «Sono in grado di rivelarci il metabolismo di un individuo – risponde Santini – . Una misurazione che fino a qualche tempo fa era possibile fare attraverso caschi, boccagli o mascherine che rilevano la respirazione. Ma, ovviamente, questo esame si limitava a svelare il metabolismo della persona solo nel momento in cui si sottoponeva all’accertamento stesso. La vera rivoluzione della camera metabolica, invece, è consentire la misurazione in un’intera giornata, individuandone ogni possibile variabile nelle 24 ore».

Tutte indicazioni fondamentali per cucire una dieta su misura nel caso di pazienti obesi o in sovrappeso: l’eccesso di peso, quando grave, riduce l’aspettativa di vita mediamente di 13 anni. Circa l’11% degli italiani è obeso e oltre il 30% è sovrappeso, oltre 3 bimbi su 10 intorno ai 7 anni ed il 15% degli adolescenti sono in sovrappeso. Grazie alla camera metabolica si potrà intervenire sulle condizioni di questi individui e di molti altri pazienti. «È possibile verificare anche l’efficacia di una terapia, farmacologica o chirurgica, constatandone l’interferenza sul metabolismo e la modificazione dei consumi – dice lo specialista -. Non solo in soggetti obesi, ma anche in presenza delle più svariate patologie».

LEGGI ANCHE: OBESITA’, FOSCHI (SICOB): «È UNA MALATTIA CRONICA, E VA AFFRONTATA COME TALE»

E affinché la misurazione sia efficace, il paziente non deve fare altro che essere se stesso, vivere una giornata come tutte le altre, dedicandosi alle sue consuete attività quotidiane: lavarsi, vestirsi, mangiare, leggere, guardare la televisione, dormire. «Inoltre – sottolinea Santini – dei particolari sensori presenti all’interno della stanza rileveranno il tipo di movimento che l’individuo compie in un determinato momento, così da evidenziare le variabili di consumo a seconda delle attività svolte».

Controindicazioni? Non ce ne sono. «È una camera adatta a tutti, una stanza normale in cui la persona deve essere disponibile a soggiornare per 24 ore consecutive. Ma non sarà un sacrificio – assicura l’esperto -: all’interno troverà tutti i confort necessari ad un piacevole soggiorno».

La camera metabolica, presente in pochissime realtà italiane, è ora disponibile anche in Toscana, costruita in collaborazione con il centro NIH di Phoenix (USA) presso la AOU di Pisa, grazie ad un grant di ricerca del ministero della Salute.

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...