Salute 2 Gennaio 2024 19:00

Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno

Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola “vibrante” che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare

Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno

Altro che rigide diete, interventi di chirurgia per la riduzione dello stomaco o costosissimi (e in Italia introvabili) nuovi farmaci anti-obesità. Per dimagrire si potrebbe far semplicemente “scuotere” lo stomaco. A proporre questa nuova strategia, sviluppando una pillola “vibrante” è un gruppo internazionale di scienziati, guidato da Shriya Srinivasan, ingegnere biomedico dell’Università di Harvard e da Giovanni Traverso, gastroenterologo e ingegnere biomedico del Massachusetts Institute of Technology. I ricercatori hanno messo a punto un farmaco che stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare.

La nuova pillola riduce del 40% l’assunzione di cibo

La pillola vibrante, descritta sulla rivista Science Advances, è stata in grado di ridurre del 40% l’assunzione di cibo nei maiali senza causare effetti collaterali evidenti. Gli scienziati ora sperano che questa possa essere impiegata per il trattamento dell’obesità negli esseri umani. “È un approccio credibile e ingegnoso”, commenta Guillaume de Lartigue, neurobiologo del Monell Chemical Senses Center, che non ha preso parte allo studio. “I dati sembrano molto convincenti”, aggiunge. La nuova pillola dimagrante vibrante ideata dai ricercatori ha dimostrato di essere capace di indurre nello stomaco la sensazione di pienezza.

I trattamenti anti-obesità che agiscono sulla percezione della sazietà

Quando consumiamo un pasto lo stomaco si distende, stimolando le terminazioni nervose presenti nella parete dell’organo che inviano messaggi al cervello. Questi segnali generano la percezione della sazietà. I ricercatori hanno cercato di trovare trattamenti per l’obesità che sfruttino questo effetto. Un approccio prevede l’inserimento nello stomaco di un palloncino pieno di liquido che produce un senso di sazietà. Un’altra alternativa riguarda un dispositivo impiantato che stimola il nervo vago, che trasmette gli impulsi dallo stomaco al cervello. Tuttavia, i palloncini possono diventare meno efficaci con il passare del tempo, poiché lo stomaco si abitua al costante stiramento, e alcuni pazienti sono deceduti dopo averli impiantati. I dispositivi di stimolazione nervosa richiedono un intervento chirurgico e non sembrano determinare una grande perdita di peso.

Le vibrazioni della pillola stimolano le terminazioni nervose

Il nuovo studio presenta una pillola che trasporta un piccolo motore e una batteria. Un gel inserito nella pillola impedisce al motore di accendersi. Ma, il gel si scioglie rapidamente quando entra in contatto con il liquido dello stomaco, permettendo al motore di iniziare a girare. Quando ciò accade, la pillola si agita per circa 38 minuti, più o meno il tempo in cui rimarrebbe nello stomaco. I ricercatori hanno ipotizzato che queste vibrazioni fossero in grado di stimolare le terminazioni nervose che segnalano la sazietà. Per testare la pillola, la squadra di scienziati l’ha inserita nello stomaco di giovani maiali di dimensioni e peso simili a quelli degli esseri umani. Quando i ricercatori hanno misurato l’attività elettrica di una porzione del nervo vago, hanno scoperto che le vibrazioni sollecitavano uno schema di accensione molto simile a quello dell’espansione dello stomaco degli animali con l’aria, suggerendo che la pillola solleticava le terminazioni nervose dell’organo.

La pillola è stata testata con successo sui maiali

Quando il dispositivo pulsava nelle pieghe della mucosa gastrica, ruotava, il che sembrava fornire un’ulteriore stimolazione. Inoltre, gli scienziati hanno rilevato che la pillola induceva nei maiali molti degli stessi cambiamenti nei livelli ormonali coinvolti nel consumo di un pasto, tra cui l’aumento dell’insulina e la diminuzione dell’ormone che stimola la fame, la grelina. I ricercatori hanno anche monitorato la quantità di cibo che i maiali trangugiavano con una delle pillole nello stomaco e hanno scoperto che gli animali mangiavano circa il 40% in meno rispetto ai gruppi di controllo che non avevano ricevuto la pillola. I maiali con le pillole, inoltre, erano meno attivi, soprattutto dopo i pasti. “È come un coma alimentare”, afferma Srinivasan. “Per il resto – aggiunge – gli animali si comportavano normalmente, suggerendo che non trovavano le pillole dolorose”. I ricercatori hanno verificato la presenza di altri possibili effetti collaterali, come infiammazione della mucosa gastrica, diarrea e vomito, ma non ne hanno rilevati.

Dubbi su “accettabilità” del sistema negli esseri umani

Tuttavia, i ricercatori devono rispondere a diverse domande prima di poter trasformare la pillola in un pratico trattamento per la perdita di peso. Per esempio, nessuno sa come sarà percepita una pillola vibrante nello stomaco umano. “Un maiale non può dire quanto sia scomoda”, dice Tom Hildebrandt, psicologo clinico della Icahn School of Medicine del Mount Sinai che studia i trattamenti per la perdita di peso. Inoltre, nei pazienti obesi le terminazioni nervose dello stomaco possono diventare meno sensibili allo stiramento; dunque, non è chiaro se questi soggetti risponderanno alla stimolazione della pillola allo stesso modo delle persone non obese. Traverso e Srinivasan sperano di perfezionare la pillola e di approfondire i suoi effetti sull’organismo. Per esempio, non sono stati ancora in grado di dimostrare che questa induca una perdita di peso, poiché i maiali studiati erano ancora in crescita. Per risolvere il problema, i ricercatori vogliono studiare la pillola nei cani, il cui stomaco è più simile a quello degli esseri umani. “Se troveremo i fondi per questa ricerca potremmo fare i test sugli esseri umani entro 2 o 3 anni”, conclude Traverso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Arriva pillola “smart” che monitora la respirazione e la frequenza cardiaca
Un gruppo di ricercatori americani ha messo a punto il primo dispositivo ingeribile in grado di monitorare, dall'interno e in sicurezza, alcuni segni vitali come la respirazione e la frequenza cardiaca. L'innovativa "pillola", descritta sulla rivista Device, ha il potenziale per fornire cure accessibili e convenienti per le persone a rischio di overdose da oppioidi
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.