Politica 5 Febbraio 2019

Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»

ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro – convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Continua il duello a distanza tra il Ministro della Salute Giulia Grillo, da una parte, e la Regione Lazio dall’altra. Al centro dello scontro la fine del commissariamento della sanità della Regione guidata da Nicola Zingaretti: il governatore ha più volte annunciato l’imminente fine dei vincoli commissariali ma pochi giorni fa è stato ‘gelato’ dal ministro della Salute, la pentastellata Giulia Grillo, che ha ricordato come «risulta ancora un disavanzo di 110 milioni di euro».

Dunque, tutti sono in attesa che si pronunci il tavolo di verifica previsto per marzo: la Regione è convinta di chiudere con un disavanzo di 20 milioni di euro, il ministro dice che la proiezione prevede una risalita oltre i 100 milioni. Sarebbe comunque sotto il limite del 5% del fondo sanitario regionale il cui superamento è uno degli elementi che fa scattare il piano di rientro.

Il confronto è proseguito a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita, presentato a Roma nel Salone del Commendatore del Complesso Monumentale del Santo Spirito dal gruppo promotore costituito dalla Asl Roma 1.

«Roma e Lazio hanno tante eccellenze tante qualità, lo abbiamo dimostrato – spiega Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, a Sanità Informazione – In questa città abbiamo una media sui trapianti di oltre un trapianto al giorno, 388 trapianti l’anno, a dimostrazione di un livello di eccellenza importante, soprattutto fatto dai nostri operatori, medici, professionisti, infermieri. Su questo credo che il confronto deve rimanere aperto. Le critiche, se sono costruttive, ben vengano per migliorare i servizi. Se sono critiche preconcette non le accetteremo mai perché difendiamo il nostro modello e i nostri professionisti. Ho invitato personalmente il Ministro a venire il 14 a una grande presentazione del rapporto sullo stato di salute della popolazione del Lazio. Sarà un momento anche di confronto, di analisi, di crescita di questo sistema che è il sistema della Capitale, un sistema che ha sofferto molto ma che ora vuole correre verso sfide future, abbiamo tutte le potenzialità».

LEGGI ANCHE: SANITA’ LAZIO, VERSO LA FINE DEL COMMISSARIAMENTO. D’AMATO: «ORA SPESA SOTTO CONTROLLO E LEA MIGLIORATI»

Alle parole dell’assessore ha subito replicato la titolare del dicastero di Lungotevere Ripa che ha prima invitato a separare il discorso dei blitz all’Umberto I e al Pertini con quello del commissariamento: «L’uscita dal commissariamento – ha sottolineato Grillo a Sanità Informazione – è collegata invece a dei tavoli tecnici che valuteranno a breve i risultati della gestione commissariale e da lì verranno fuori i risultati. Da quello che ho visto, leggendo i precedenti verbali, non mi sembra che fino ad ora ci sia stato un miglioramento tale da poter configurare l’uscita ma poi non sono io che devo dire questo, è una valutazione strettamente tecnica. Aspetteremo. Noi come governo proseguiamo per la nostra strada convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario senza nulla di personale nei confronti dei presidenti di regione che si trovano in questa situazione».

Ma ancora una volta, non si è fatta attendere la replica dell’assessore del Lazio D’Amato, che nei giorni scorsi ha anche paventato il rischio che la mancata uscita dal commissariamento possa costare mille possibili assunzioni. «Sul commissariamento dipende dai tavoli, dipende dai numeri – sottolinea l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio – Ci sono le leggi, ci sono le regole, non è un discorso di natura soggettiva, ma molto oggettivo. Il Lazio ai tavoli è da anni in equilibrio di bilancio per quanto riguarda la differenza tra ricavi e costi, abbiamo costantemente aumentato i punteggi nella griglia Lea. Sicuramente c’è ancora tanto da fare ma tecnicamente ci consideriamo con le carte in regola, fuori dal percorso di commissariamento nel rispetto del mandato ricevuto. Verificheremo cosa verrà fatto ai tavoli ma siamo sereni e siamo fiduciosi. Poi certo se ci sono problemi di pulizia all’Umberto I cambieremo la ditta di pulizie, non è questo il tema. Tenere il Lazio sotto il regime di commissariamento dopo tanti anni è ingiusto e ingeneroso nei confronti dello sforzo che i tanti operatori hanno fatto in questa regione e che adesso meritano il rispetto e meritano soprattutto uno sviluppo del sistema e non continuare a protrarre un meccanismo di commissariamento che rischia di essere deleterio per questa regione».

Articoli correlati
Covid-19, Stefano De Lillo: «Perché gli ospedali del Lazio non si stanno svuotando?»
Il medico di famiglia romano e già presidente facente funzioni di Agenas pone alcune domande sui dati della regione Lazio. Dal numero dei tamponi effettuati a quello di guariti e ricoverati: «Bisogna prestare attenzione alle differenze riscontrate tra le diverse regioni»
Vogliamo il rispetto del ruolo degli specializzandi ed il riconoscimento del lavoro svolto
Siamo gli specializzandi e le specializzande impegnati nei reparti COVID19 della regione Lazio. Siamo medici in formazione: una strana figura mitologica, una chimera, ibrido tra studente e lavoratore. Veniamo retribuiti con un contratto di formazione-lavoro, paghiamo le tasse universitarie ma è noto che la nostra formazione spesso assume contorni sfumati, ed è frequentemente carente a […]
di “Specializzandi rete Covid-19 Regione Lazio”
Cisl medici Lazio: «Grazie a D’Amato per i test ai sanitari. Ora tavolo di confronto sulla vaccinazione antinfluenzale»
«La Cisl Medici evidenzia con piacere che in queste ore si è allargata la platea di quanti stanno chiedendo alla Regione Lazio di ricomprendere tutti i profili che operano nelle strutture di intervento diretto che in quelle di supporto nell’emolumento che intende valorizzare l’attività eccezionale resa per garantire a tutta la comunità la necessaria assistenza […]
Emergenza Covid-19, Regione Lazio: «Consegnati 210 ventilatori polmonari per la respirazione assistita»
«Consegnati questa mattina 210 ventilatori polmonari per la respirazione assistita a 30 strutture del Servizio Sanitario del Lazio – spiega la Regione Lazio in una nota – . Le dotazioni sono state reperite grazie alla cooperazione con il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e andranno a incrementare […]
Coronavirus, infermieri idonei al concorso per Sant’Andrea chiedono l’assunzione: «No a professionisti usa e getta»
Un gruppo di infermieri risultati idonei ha lanciato una petizione e scritto una lettera al governatore Zingaretti per sollecitare lo scorrimento della graduatoria regionale dell’ospedale S. Andrea di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...