Salute 27 Marzo 2023 13:14

Roma, Umberto I da tre anni senza Oncoematologia pediatrica. Il reparto ristrutturato dalle associazioni

VIAGGIO NELLE REGIONI | Continua nel Lazio il viaggio tra i disagi dei piccoli pazienti con patologie oncoematologiche e delle loro famiglie. All’Umberto I un reparto a misura di bambino chiuso dal 2020. Paolo Viti (FIAGOP): «Abbiamo investito tutto quello che avevamo e oggi ci hanno messo dentro un reparto di Gastroenterologia». Dal Policlinico romano assicurano che verrà riaperto presto

Roma, Umberto I da tre anni senza Oncoematologia pediatrica. Il reparto ristrutturato dalle associazioni

Sono passati nove anni da quei lavori di ammodernamento che avevano reso il reparto di Oncoematologia del Policlinico Umberto I di Roma un centro a misura di bambino e di famiglia. Quei lavori, finanziati in larga parte da alcune associazioni dei pazienti che hanno investito oltre 700mila euro, sono però stati utili solo fino al 2020 perché a causa, o con la scusa del Covid-19, il reparto è fermo da allora. La vicenda è la terza tappa, dopo Sardegna e Calabria, del viaggio nelle Regioni di Sanità Informazione tra i mille problemi di pazienti e famiglie alle prese con malattie oncoematologiche.

«Al momento dello scoppio della pandemia aveva un senso dirottare i bambini verso il Bambin Gesù – spiega Paolo Viti, vice presidente dell’associazione per la lotta contro i tumori infantili Io Domani e presidente della FIAGOP, Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori e Guariti di Oncoematologia Pediatrica -. Ma oggi, dopo tre anni, quella del Covid appare più una scusa. Al di là di tante promesse non si vede via di uscita e il reparto non riapre. Ci dicono sempre che stanno facendo i bandi per i dottori, ma ancora niente».

Un reparto di Oncoematologia a misura di bambino e di famiglie

Le associazioni avevano puntato molto su quel reparto. Alla fine degli anni ‘90 l’associazione “Io domani” aveva creato dieci stanze per i bambini ma c’era solo un bagno di servizio per 16-17 posti letto. La struttura richiedeva una ristrutturazione, un’opportunità che arriva nel 2014 grazie anche al sostegno di uno sponsor privato e a 300mila euro che arrivano dalla Regione Lazio. Così si fanno carico dei lavori pur di garantire ai piccoli una degenza in un ambiente rinnovato e moderno.

«Abbiamo demolito e rifatto tutto. La gara di appalto l’avevamo fatta noi, la direzione lavori la pagavamo noi così come il progetto ma nonostante questo abbiamo avuto mille problemi burocratici, soprattutto dalla Regione Lazio» spiega Viti. Alla fine, comunque, il risultato è quello sperato: il reparto viene arricchito con dieci posti letto, un’area gioco, camere con bagno privato con relativa cucina per le famiglie e una stanza adibita a scuola. Ora il rischio concreto è che la chiusura di Oncoematologia sia destinata a perpetuarsi nel tempo, nonostante le ampie rassicurazioni da parte della dirigenza del Policlinico Umberto I. «Abbiamo investito tutto quello che avevamo e oggi ci hanno messo dentro un reparto di gastroenterologia, non è accettabile», continua Viti. Della questione se ne sta occupando anche la politica nazionale: pochi giorni fa anche l’onorevole Marianna Ricciardi, medico e deputata M5S, ha visitato la struttura per rendersi conto della situazione.

Le tempistiche per la riapertura

Oggi dalla dirigenza del Policlinico assicurano che la riapertura avverrà entro fine estate, dopo che si era parlato di inizio 2023. «Adesso è scaduto il bando per assumere il primario ma ancora devono formare la commissione esaminatrice, occorreranno dei tempi tecnici per la riapertura» spiega il presidente FIAGOP. Ad oggi, tutti i bambini con patologie oncoematologiche del Lazio vengono mandati al Bambin Gesù, nonostante ci sia, pronta, un’alternativa di livello. «Il Bambin Gesù svolge un compito importante ma è importante che ci sia una struttura pubblica per i bambini. Di fatto, la Regione Lazio non ha più un’oncologia pediatrica. E l’Università La Sapienza non ha più una scuola di Oncologia pediatrica. Non ci sembra una situazione normale» conclude Viti.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
sAIL camp, la riabilitazione dei pazienti onco-ematologici passa dal mare e dalla vela
Con il progetto promosso da AIL Brescia i pazienti ematologici avranno l’opportunità di vivere due giorni a contatto con la natura, verranno proposte attività di carattere sportivo e laboratoriale, sarà organizzata un’uscita in barca a vela che consenta al paziente di riprendere metaforicamente il timone della propria vita
Oncoematologia, caso Sardegna: una sola struttura e tanti disagi. Le famiglie chiedono risposte
VIAGGIO NELLE REGIONI | Inizia dalla Sardegna il nostro approfondimento sull'oncoematologia pediatrica nei diversi territori italiani. Dal 2020 il presidio microcitemico Antonio Cao è passato dall’ospedale Brotzu all’Asl 8 Cagliari. È l’inizio di una serie di disfunzioni e malfunzionamenti denunciati da ASGOP, Associazione Sarda dei Genitori in Oncoematologia Pediatrica. Presentato un esposto e due interrogazioni parlamentari
A Palazzo Baleani il Centro per la salute e il benessere della donna a 360 gradi
Sapienza e Policlinico Umberto I, insieme ad Atena Onlus e con il supporto della Lilt, per la prevenzione e la cura delle donne dall’adolescenza all’età geriatrica
Pazienti oncoematologici e Covid-19: dall’Italia le linee guida di trattamento europee
Pagano (ematologo): «Sui pazienti con forme asintomatico-lievi il successo è totale con i soli anticorpi monoclonali. Nelle forme severe-critiche è meglio ricorrere all’associazione monoclonali-antivirali, con una riduzione della mortalità del 90% nella malattia critica»
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.