Salute 13 Marzo 2023 16:13

Oncoematologia, caso Sardegna: una sola struttura e tanti disagi. Le famiglie chiedono risposte

VIAGGIO NELLE REGIONI | Inizia dalla Sardegna il nostro approfondimento sull’oncoematologia pediatrica nei diversi territori italiani. Dal 2020 il presidio microcitemico Antonio Cao è passato dall’ospedale Brotzu all’Asl 8 Cagliari. È l’inizio di una serie di disfunzioni e malfunzionamenti denunciati da ASGOP, Associazione Sarda dei Genitori in Oncoematologia Pediatrica. Presentato un esposto e due interrogazioni parlamentari

Oncoematologia, caso Sardegna: una sola struttura e tanti disagi. Le famiglie chiedono risposte

«Per garantire il rispetto dei protocolli sanitari e delle procedure programmate siamo arrivati all’assurdo di dover chiamare in reparto i carabinieri. Così non si può andare avanti». Francesca Ziccheddu, presidente di ASGOP, Associazione Sarda dei Genitori in Oncoematologia Pediatrica, non nasconde la sua amarezza per una situazione che da circa due anni sta complicando la vita di tanti piccoli pazienti oncoematologici della Sardegna e delle loro famiglie. È solo la prima tappa di un viaggio che Sanità Informazione, grazie alle segnalazioni della FIAGOP,  Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori e Guariti di Oncoematologia Pediatrica, effettuerà sulle disfunzioni dei centri oncoematologici nel centrosud e sulle enormi difficoltà che vivono molte famiglie, spesso costrette a spostarsi nei grandi ospedali del nord per poter curare i loro piccoli.

Il caso del presidio Cao e disagi per le famiglie

Tutto nasce nel settembre 2020, quando con una legge regionale il Presidio ospedaliero microcitemico Antonio Cao dell’Azienda ospedaliera Brotzu viene trasferito all’Azienda socio-sanitaria n. 8 di Cagliari. È il punto di riferimento per tutta la regione, unica struttura dell’isola. Iniziano una serie di disservizi e disfunzioni puntualmente denunciate da ASGOP: bambini immunodepressi costretti a vagare con le ambulanze in giro per gli ospedali in attesa di autorizzazioni, procedure salvavita che saltano, scelte mediche praticate in base a possibilità organizzative e non in base a necessità terapeutiche.

E, come spiega Ziccheddu a Sanità Informazione, genitori disperati e preoccupati che chiamano i carabinieri. «Lo scorso primo agosto – ricorda la presidente ASGOP – c’erano sette procedure programmate con l’anestesista pediatrico chiamato a lavorare in équipe con l’oncoematologo per fare rivalutazioni midollari, chemio e altre attività nel rispetto dei tempi del protocollo. La Asl 8 non è in grado di garantire il servizio e ricorre allora ad una convenzione con l’azienda Brotzu che prima non era necessaria, perché tutto si svolgeva all’interno della stessa struttura. Questo ha rallentato le procedure che quel primo agosto rischiavano di saltare. Per garantire il rispetto dei protocolli sono stati chiamati i carabinieri e nel tardo pomeriggio le procedure sono state avviate. Ma così non si può andare avanti».

Non un caso di ‘malasanità’, come spiega Ziccheddu, ma di mala burocrazia e cattiva organizzazione: «Abbiamo dei professionisti eccellenti ma è chiaro che con questa disorganizzazione anche loro alla fine se ne vanno e il Cau e il Centro trapianti sono seriamente a rischio chiusura».

Le famiglie chiedono il ritorno al Brotzu

Se i professionisti possono scegliere altri lidi lavorativi, molto più difficile spostarsi per chi deve ricevere le cure: la Sardegna deve fare i conti con l’insularità e spostarsi in continente per le cure è complicato.

Per ASGOP l’unica soluzione è ripristinare la situazione antecedente alla riforma sanitaria regionale del 2020: il presidio ospedaliero Microcitemico Antonio Cao, attualmente accorpato ad una azienda sanitaria locale della città di Cagliari, dovrebbe ritornare a far parte della struttura ospedaliera Brotzu, un ospedale regionale, di rilievo nazionale, ad alta specializzazione pediatrica e dotato di un dipartimento di emergenza DEA di II livello, necessario considerando la complessità dei percorsi terapeutici. È l’unico modo, spiega ASGOP, per il garantire il diritto alla salute sancito dalla Costituzione ed evitare che si ricorra alla migrazione sanitaria in altre regioni.

Il caso oncoematologia in Parlamento

Nonostante le sollecitazioni delle famiglie, le istituzioni locali per ora non rispondono. «Abbiamo depositato un esposto in procura – continua Ziccheddu -. Lo scorporo del presidio Cao è andato a scapito della funzionalità del reparto. Siamo arrivati a refertare le tac dopo un mese. Un ospedale muore in questo modo. Quando i problemi arrivano a questi livelli è normale che famiglie e professionisti pensino di andare via».

In attesa che il neo assessore regionale alla Sanità Carlo Doria riceva le famiglie, queste si sono affidate alla politica nazionale. Due le interrogazioni sul tema: una dei senatori Marco Meloni e Sandra Zampa (Pd) e l’altra di Marianna Ricciardi (M5S). Ma intanto i disagi per i piccoli pazienti sono quotidiani.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Oncologia pediatrica, l’eccellenza di Catanzaro e Reggio: «Famiglie fuori Regione perché male informate»
Sul caso oncoematologia a Cosenza interviene Maria Concetta Galati, Direttore Ematoncologia Pediatrica dell’ospedale Pugliese – Ciaccio di Catanzaro che spiega: «La competenza non dipende dalla latitudine». E sottolinea: «Se una prestazione non la facciamo, siamo noi stessi a rivolgerci a centri più qualificati e a trasferire i pazienti dove possono proseguire la cura»
Roma, Umberto I da tre anni senza Oncoematologia pediatrica. Il reparto ristrutturato dalle associazioni
VIAGGIO NELLE REGIONI | Continua nel Lazio il viaggio tra i disagi dei piccoli pazienti con patologie oncoematologiche e delle loro famiglie. All’Umberto I un reparto a misura di bambino chiuso dal 2020. Paolo Viti (FIAGOP): «Abbiamo investito tutto quello che avevamo e oggi ci hanno messo dentro un reparto di Gastroenterologia». Dal Policlinico romano assicurano che verrà riaperto presto
West Nile: nuovo caso in Sardegna, emergenza in crescita
Continua a cresce l'emergenza West Nile in Italia. Ieri è stato registrato l'ottavo caso in Sardegna. La donna non è in condizioni gravi
Pazienti oncoematologici e Covid-19: dall’Italia le linee guida di trattamento europee
Pagano (ematologo): «Sui pazienti con forme asintomatico-lievi il successo è totale con i soli anticorpi monoclonali. Nelle forme severe-critiche è meglio ricorrere all’associazione monoclonali-antivirali, con una riduzione della mortalità del 90% nella malattia critica»
In Sardegna la proposta di legge per garantire l’assistenza sanitaria di base ai senzatetto
Manca (M5S): «Il 40% dei senza fissa dimora in Regione sono sardi, tra cui molti padri separati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Tutti pazzi per il farmaco che fa dimagrire. Aifa: possibili carenze per diabetici e obesi

Promosso dalla scienza come «svolta» contro l'obesità, ma acquistato e osannato da numerosi vip sui social come strategia per dimagrire, ora il farmaco semaglutide rischia di divent...
Salute

Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci

Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po' di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il coll...
di Mario Zimbalo
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si &egrav...