Salute 19 Aprile 2022 11:56

Pazienti oncoematologici e Covid-19: dall’Italia le linee guida di trattamento europee

Pagano (ematologo): «Sui pazienti con forme asintomatico-lievi il successo è totale con i soli anticorpi monoclonali. Nelle forme severe-critiche è meglio ricorrere all’associazione monoclonali-antivirali, con una riduzione della mortalità del 90% nella malattia critica»

I vaccini anti-Covid hanno ridotto la mortalità tra le persone affette da tumori del sangue dal 31% al 9%. «Per i pazienti oncoematologici, infatti, è stata già avviata la campagna per l’inoculazione della quarta dose», dice il professor Livio Pagano, direttore dell’UOC di Ematologia Geriatrica ed Emopatie Rare del Dipartimento Diagnostica per Immagini, Radioterapia Oncologica ed Ematologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e professore associato di Ematologia, Università Cattolica del Sacro Cuore campus di Roma.

Le linee guida

La necessità di una dose booster di richiamo è solo una delle tante indicazioni emerse dallo studio internazionale EPICOVIDEHA, patrocinato dalla Società Europea di Ematologia (EHA) e coordinato dal professor Pagano. I risultati della ricerca, che ha coinvolto circa 100 centri clinici in circa 27 nazioni europee ed extra-europee, hanno permesso la stesura delle prime linee guida di trattamento sull’argomento, quelle dell’ECIL (European Conference on Infections in Leukemia and Stem Cells Transplantation), coordinate dallo stesso professor Livio Pagano, insieme al professor Simone Cesaro, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona.

Al passo con le varianti

«Le linee guida – sottolinea Pagano -, in virtù della estrema variabilità del virus, saranno costantemente aggiornate. Nella prossima revisione, già fissata per il mese di settembre, saranno inserite tutte le evidenze sull’utilità dei nuovi farmaci antivirali e degli ultimi anticorpi monoclonali immessi sul mercato. Quelli che funzionano meglio – aggiunge il professore – sono gli anticorpi monoclonali (sulla variante Omicron funziona il sotrovimab) e soprattutto l’associazione anticorpi monoclonali-antivirali. Sui pazienti con forme asintomatico-lievi il successo è totale con i soli anticorpi. Nelle forme severe-critiche è meglio ricorrere all’associazione monoclonali-antivirali, che riduce la mortalità del 90% nella malattia critica, ponendosi dunque come vera e propria terapia salvavita».

Le complicanze da Covid

I fattori aggravanti per i pazienti oncoematologici che contraggono il Covid-19 sono: una malattia ematologica non controllata, l’età avanzata, la presenza di comorbilità. Tanto che, anche la variante Omicron, in generale più contagiosa ma meno aggressiva, per questi pazienti è tutt’altro che un “raffreddore”. «L’Omicron – continua lo specialista – può dar luogo a forme gravi-critiche. Purtroppo, abbiamo visto infezioni sia dopo due dosi, che dopo la cosiddetta “terza” dose e adesso cominciamo a vedere casi di Covid-19 anche nei pazienti che hanno fatto la quarta dose. La maggior parte di questi pazienti è stata vaccinata con i vaccini a mRNA, ma non abbiamo riscontrato grandi differenze di risultato tra i diversi vaccini».

Un lavoro lungo due anni

Le linee guida sono frutto di un lavoro cominciato già durante la prima ondata di Covid-19. «Lo scorso anno, in epoca pre-vaccinale 2020 – ricorda il professor Pagano – è stato pubblicato un primo studio su 3.800 casi di emopatie maligne (linfomi, leucemie, mieloma). In questo setting abbiamo registrato un tasso di mortalità del 31%. Poi, da febbraio 2021 abbiamo cominciato a vaccinare i nostri pazienti. In epoca pre-vaccinale, il più alto tasso di mortalità lo osservavamo nei soggetti con leucemia mieloide acuta (la malattia che ha colpito Sinisa Mihajlovic, ex calciatore e attuale allenatore del Bologna), meno nei linfomi e nei mielomi.

Ma dopo l’introduzione delle vaccinazioni e delle terapie anti-Covid (anticorpi monoclonali e antivirali), il quadro è cambiato radicalmente. Partendo da queste premesse, poi, – prosegue l’ematologo – abbiamo deciso di effettuare un ampio studio (EPICOVIDEHA) per valutare l’andamento del Covid-19 nei pazienti oncoematologici vaccinati (le cosiddette infezioni breakthrough). Lo scorso marzo, infine, – conclude l’ematologo – abbiamo pubblicato un report preliminare sulla rivista Blood, sui primi 119 casi raccolti, mentre lo studio definitivo, chiuso a fine febbraio 2022, ha incluso un totale di oltre 1.500 casi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...