Salute 8 Aprile 2022 14:53

Quarta dose, Mannucci: «Necessaria solo per anziani e fragili. In autunno nuovi vaccini per gli altri»

Per l’ematologo dell’ospedale Maggiore Policlinico di Milano che ha lavorato per Ema e Aifa il Covid diventerà endemico e sarà trattato come una delle tante influenze che ogni anno colpiscono milioni di italiani

Quarta dose, Mannucci: «Necessaria solo per anziani e fragili. In autunno nuovi vaccini per gli altri»

«Sono ancora pochi ad averla fatta, ma per i fragili e gli over 80 la quarta dose è fondamentale, lo confermano i dati raccolti ad Israele dove la quarta dose somministrata a tutti ha dato risposte positive solo negli ultraottantenni e nei fragili con malattie pregresse. Per il resto della popolazione si lavora ad un vaccino di nuova generazione per l’autunno, sempre con l’RNA messaggero in grado di fermare le varianti». Le parole di Pier Mannuccio Mannucci, ematologo dell’ospedale Maggiore, Policlinico di Milano, che ha lavorato per EMA ed AIFA ci proiettano in quello che sarà lo scenario del prossimo futuro, quando il Covid diventerà endemico e sarà esattamente trattato come una delle tante influenze che ogni anno mettono a letto nel periodo invernale milioni di italiani.

Cercare vaccini specifici per giocare d’anticipo sul virus

«La vera sfida è proprio questa – riprende –. Per capire l’evoluzione del Covid, così come accade già per le influenze, dovremo guardare lontano, come oggi si fa all’emisfero australe. Quando da noi è estate, da loro è già inverno e si sviluppano i nuovi virus che ritroveremo sei mesi più tardi. Lo stesso principio sarà alla base dei vaccini specifici che si faranno contro le varianti del Covid e che, si presume, avremo dal prossimo autunno».

A quel punto le temperature più basse porteranno alla diffusione delle nuove varianti e anche la protezione dei vaccini somministrati nei quattro o cinque mesi precedenti potrebbe non essere più sufficiente. Per questo nonostante il “no” di questi giorni alla quarta dose per tutti arrivato da Ema e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie in realtà è probabile che ci indirizzino verso nuova campagna vaccinale in autunno.

«I prossimi vaccini saranno di sicuro con la tecnica dell’RNA messaggero – aggiunge Mannucci –. Il vaccino Novavax con la proteina ricombinante non ha avuto un grande successo, perché tutto sommato i vaccini con l’RNA messaggero non ci sono stati problemi particolari e sono disponibili. Dovremo abituarci a convivere con il Covid, come facciamo con l’influenza. Le continue mutazioni del virus per sopravvivere lo rendono sempre meno grave, ma più infettivo. Per questo occorre proteggere i fragili e gli anziani perché, come accade già oggi per l’influenza, sono i soggetti più a rischio».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...