Salute 28 Marzo 2023 20:07

Oncologia pediatrica, l’eccellenza di Catanzaro e Reggio: «Famiglie fuori Regione perché male informate»

Sul caso oncoematologia a Cosenza interviene Maria Concetta Galati, Direttore Ematoncologia Pediatrica dell’ospedale Pugliese – Ciaccio di Catanzaro che spiega: «La competenza non dipende dalla latitudine». E sottolinea: «Se una prestazione non la facciamo, siamo noi stessi a rivolgerci a centri più qualificati e a trasferire i pazienti dove possono proseguire la cura»

Oncologia pediatrica, l’eccellenza di Catanzaro e Reggio: «Famiglie fuori Regione perché male informate»

Come testimonia anche l’ultimo report Gimbe, il flusso della mobilità sanitaria da sud verso nord appare inarrestabile. La migrazione per cure verso regioni diverse da quelle della propria residenza ha raggiunto un valore di 3,3 miliardi e, come sottolinea l’associazione presieduta da Nino Cartabellotta, è un «fenomeno dalle enormi implicazioni sanitarie, sociali etiche ed economiche, che riflette le grandi diseguaglianze nell’offerta di servizi sanitari tra Regioni».

Dai dati Gimbe, però, mancano quelli della regione Calabria, che comunque registra un saldo negativo ed è forse una delle regioni con il più alto tasso di migrazione sanitaria. Abbiamo parlato di Calabria nel nostro “Viaggio nelle regioni” in cui abbiamo raccolto le difficoltà delle famiglie con piccoli pazienti oncoematologici di Cosenza dopo la chiusura del reparto dell’ospedale SS. Annunziata.

Oncoematologia, i centri di Catanzaro e Reggio Calabria

Eppure, l’alternativa regionale c’è e sono i centri di Catanzaro e di Reggio Calabria, entrambi nella rete AIEOP – Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica. A Catanzaro c’è la Struttura Operativa Complessa di Ematoncologia Pediatrica dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio mentre a Reggio Calabria c’è il centro HUB regionale, l’Unità Operativa semplice a valenza Dipartimentale di Oncoematologia Pediatrica del GOM di Reggio Calabria, Centro SPOKE di II livello.

«Siamo spesso vittima della mala informazione – spiega a Sanità Informazione Maria Concetta Galati, Direttore Ematoncologia Pediatrica e del Dipartimento Oncoematologico del Pugliese-Ciaccio -. Da noi è radicata la convinzione che la competenza dipende dalla latitudine. C’è chi va fuori perché leggendo la stampa e ascoltando quello che si dice in giro pensa che non ci siano delle alternative».

Secondo Galati, un copione simile si era registrato anche durante l’emergenza Covid: «Un servizio metteva in evidenza le inefficienze del punto vaccinale di Crotone e concludeva che in tutta la Calabria la campagna vaccinale era un disastro. Ma non era affatto così: da noi l’hub vaccinale funzionava benissimo».

La rete AIEOP e la migrazione sanitaria 

A Catanzaro ci sono sei posti di terapia semi intensiva e otto posti di day hospital di oncoematologia pediatrica. Sufficienti, secondo Galati, per una popolazione di due milioni di abitanti e con natalità in flessione. Va rilevato che in Calabria, tuttavia, ci sono delle prestazioni che non vengono eseguite, come i trapianti di midollo su bambini, un problema però di cui si fanno carico gli stessi ospedali «Facciamo parte di AIEOP e quindi se una prestazione non la facciamo, siamo noi stessi a rivolgerci a centri più qualificati e a trasferire i pazienti dove possono proseguire la cura – spiega Galati -. Però chiaramente è diverso fare 10-12 mesi di terapia in Calabria e poi andare a Roma o in un altro centro per proseguire. Una leucemia linfoblastica di rischio non elevato può essere tranquillamente curata da noi e invece spesso le famiglie portano i piccoli pazienti fuori regione con tutte le difficoltà dello spostamento».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Oncoematologia, caso Sardegna: una sola struttura e tanti disagi. Le famiglie chiedono risposte
VIAGGIO NELLE REGIONI | Inizia dalla Sardegna il nostro approfondimento sull'oncoematologia pediatrica nei diversi territori italiani. Dal 2020 il presidio microcitemico Antonio Cao è passato dall’ospedale Brotzu all’Asl 8 Cagliari. È l’inizio di una serie di disfunzioni e malfunzionamenti denunciati da ASGOP, Associazione Sarda dei Genitori in Oncoematologia Pediatrica. Presentato un esposto e due interrogazioni parlamentari
Sanità, innovazione, accessibilità e tecnologie. Al via a Catanzaro il XIX convegno nazionale ingegneria clinica
Il rapporto tra sanità, tecnologie, accessibilità ed autentico valore dei servizi è al centro del XIX Convegno dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici, che si tiene a Catanzaro dal 16 al 18 maggio 2019 e che propone come titolo “Tecnologie, accessibilità, esiti: l’ingegneria clinica per una sanità di valore”. Oltre dieci mesi di lavoro sono serviti per […]
Catanzaro sede del 19° Convegno Nazionale AIIC
Il 19° Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici (AIIC) si terrà in Calabria, dal 16 al 18 maggio 2019 ed avrà come titolo “Tecnologie, accessibilità, esiti: l’ingegneria clinica per una sanità di valore” (Università degli Studi Magna Graecia, Catanzaro). L’annuncio è stato dato a seguito di un incontro istituzionale tra il Direttivo Nazionale AIIC, l’assessore […]
Troppo connessi, sindaco-pediatra di Sellìa pronto a staccare wi-fi: «Diritto alla salute viene prima di libertà di accesso alla rete»
Davide Zicchinella, primo cittadino del paese in provincia di Catanzaro, ha convocato un’assemblea pubblica per chiedere di diminuire l’accesso alla rete comunale. «Sono molto preoccupato, l’utilizzo determina il rilascio di dopamina, è una dipendenza». Ai giovani ha offerto palestra, ludoteca e centri di aggregazione gratuiti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...