Voci della Sanità 20 Dicembre 2022 18:48

A Palazzo Baleani il Centro per la salute e il benessere della donna a 360 gradi

Sapienza e Policlinico Umberto I, insieme ad Atena Onlus e con il supporto della Lilt, per
la prevenzione e la cura delle donne dall’adolescenza all’età geriatrica

Si è tenuta martedì 20 dicembre, presso Palazzo Baleani, la conferenza stampa di presentazione del “Progetto per la salute e il benessere della donna” che ha come obiettivo principale la cura delle donne di ogni età con percorsi terapeutici mirati e trattamenti specifici. Per la realizzazione del progetto è prevista la costituzione di un Centro che avrà il compito di coordinare specialisti e servizi di diverse discipline a vantaggio della popolazione femminile di Roma e del territorio regionale.

Il progetto, promosso dalla Sapienza e dal Policlinico universitario Umberto I, di concerto con la fondazione Atena Onlus, vede la collaborazione anche della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori). La conferenza si è svolta alla presenza della rettrice Antonella Polimeni, dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, del direttore generale del Policlinico Umberto I Fabrizio d’Alba, del presidente nazionale della Lilt Francesco Schittulli e della presidente di Atena Donna Carla Vittoria Cacace.

«Questo progetto – dichiara la rettrice della Sapienza Antonella Polimeni – è stato fortemente voluto dall’Ateneo che mette a disposizione gli spazi di Palazzo Baleani per ospitare un servizio integrato e multidisciplinare finalizzato a un’assistenza a 360 gradi, quanto più facilmente fruibile, per la prevenzione e la cura delle donne di ogni età. Sapienza conferma il suo costante impegno volto alla tutela e alla promozione della salute pubblica e del benessere, anche dei soggetti più “fragili”, in sinergia con enti, istituzioni, associazioni e strutture sanitarie del territorio, ponendo in questo caso, grazie all’attivazione del Centro, particolare attenzione alla salute delle donne».

«Questo Progetto messo in campo con la Sapienza e grazie al coinvolgimento di importanti soggetti
dell’associazionismo – dichiara il direttore generale Policlinico Umberto I Fabrizio d’Alba – sarà in grado di accogliere le richieste di salute delle donne ed accompagnarle per tutto il percorso della loro vita. Palazzo Baleani rappresenterà un modello virtuoso perché in grado di mettere a sistema pezzi importanti del sistema sanitario regionale – Policlinico Umberto I e IFO – con le loro rete di professionisti ultra specializzati, con realtà importanti del mondo del sociale. Una collaborazione che, con l’unione di tutti i professionisti sviluppa un progetto innovativo, con l’obiettivo di promuovere non solo la cura ma anche il benessere della donna».

«La Fondazione Atena onlus – dichiara la Presidente di Atena Onlus Carla Vittoria Cacace – è stata creata nel 2001 e sulla base di 20 anni di volontariato da me svolto nella sanità a favore delle donne, è nata Atena Donna. La Fondazione e Atena Donna, per svolgere la loro attività si avvalgono della professionalità di molti valenti e prestigiosi medici, vere eccellenze nella sanità, che permettono di coprire tutti gli aspetti delle patologie, e che, in quanto membri del comitato scientifico della fondazione, rappresentano un patrimonio di competenze e idee relativamente ad ogni campo della sanità e della ricerca. La naturale evoluzione di questi anni di attività in favore della salute femminile è sfociata nell’idea di un Centro dedicato alla Salute ed al Benessere delle Donne».

«La conoscenza della LILT dei tumori femminili e delle esigenze di ogni donna, nelle sue diverse fasi della vita – dichiara il presidente nazionale della Lilt Francesco Schittulli – sarà preziosa per il successo di questo progetto, del quale siamo orgogliosi di farne parte. Questa struttura, unica nel suo genere, incarna perfettamente un nuovo approccio nel prendersi cura della persona attraverso un supporto concreto rivolto in particolare alle persone più fragili. Questa sinergia, che unisce l’impegno e le competenze di diverse realtà dell’ambito socio sanitario, rappresenta un qualificato contributo per il rilancio della prevenzione oncologica come arma vincente contro il cancro, recuperando il tempo che si è perduto dal 2020 a tutt’oggi a causa del covid».

Il nuovo Centro svolgerà un’attività sia di prevenzione e di counseling (con bilanci di salute personalizzati), sia di assistenza per richieste specifiche. Alla prevenzione sarà dedicata un’equipe di medici specialisti ed esperienza in medicina interna e di genere che valuterà, attraverso un approccio olistico, i bisogni della donna nei diversi momenti della sua vita. Questa valutazione complessiva sarà realizzata in maniera coordinata con le attività di screening già esistenti sul territorio. Per le donne che segnaleranno un bisogno specifico, invece, verrà individuato un referente infermieristico/case manager, che le seguirà per tutta la durata del percorso, garantendo un accesso facilitato alle prestazioni presso il Policlinico Umberto I e alla rete dei servizi regionali, e facilitando una continuità nella gestione dell’iter di cura e terapia in ospedale.

Tra i servizi offerti dal Centro vi saranno quelli inerenti al benessere psicologico e alla salute mentale, al benessere nutrizionale e della pelle, alla riproduzione e alla fecondazione assistita, all’area ginecologica e alla gestione della gravidanza e della menopausa, alla prevenzione e cura dei tumori e alle malattie rare. Sotto il profilo organizzativo il Centro si configura come un poliambulatorio centrale unico, situato negli spazi di Palazzo Baleani, al quale si potrà accedere tramite uno sportello di accoglienza raggiungibile tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.00, telefonicamente o recandosi direttamente presso la sede. Elemento chiave per l’accesso al Centro sono quindi gli operatori del call center e dello sportello, che per primi interagiscono con la donna per identificare i suoi bisogni e avviarla al percorso più adatto alle proprie esigenze.

Articoli correlati
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
Policlinico Umberto I di Roma, al via le vaccinazioni
Al via oggi, lunedì 28 novembre, la campagna vaccinale anti Covid-19 al Policlinico Umberto I di Roma alla presenza della Magnifica Rettrice della Sapienza Università di Roma, Antonella Polimeni, i Presidi delle Facoltà di Medicina e odontoiatria Domenico Alvaro, e di Farmacia e medicina, Carlo Della Rocca, del Direttore Sanitario del Policlinico Alberto Deales. I […]
Umberto I, positivo infermiere. Ha avuto contatti con collega del San Raffaele Pisana
«Un infermiere del Policlinico Umberto I, operante presso il reparto di Malattie Tropicali, dopo aver informato il Medico Competente di aver accusato sintomi febbrili è stato invitato a restare a casa e ad effettuare il tampone naso-faringeo, che ha dato esito positivo». Così l’ospedale romano in un comunicato. LEGGI ANCHE: ‘COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, […]
Legge Gelli, Panella (Umberto I): «Contenziosi sempre più aggressivi verso professionisti sanitari, ora c’è cambiamento»
Il Direttore generale del Policlinico Umberto I ha partecipato a un evento alla presenza del padre della legge sulla responsabilità professionale Federico Gelli. E racconta come la regione Lazio si è adeguata alla norma per prevenire gli eventi avversi
Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»
ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro - convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...