Politica 10 Febbraio 2023 10:59

Elezioni Lazio, sfida a tre tra Bianchi, D’Amato e Rocca. Al centro la sanità con liste d’attesa e personale

Domenica 12 e lunedì 13 anche i cittadini del Lazio saranno chiamati a scegliere il nuovo presidente della Regione. Sanità tema cruciale, a partire dalle risorse del PNRR e dalla riforma dell’assistenza territoriale

di Giovanni Cedrone e Cesare Buquicchio
Elezioni Lazio, sfida a tre tra Bianchi, D’Amato e Rocca. Al centro la sanità con liste d’attesa e personale

Ancora pochi giorni e i cittadini del Lazio sapranno chi sarà il nuovo presidente della Regione: la sfida per le elezioni del 12 e 13 febbraio è a tre tra l’assessore alla sanità uscente Alessio D’Amato, appoggiato da Pd e Terzo Polo, lo sfidante del centrodestra Francesco Rocca, già presidente della Croce Rossa Italiana, e la giornalista di Linea Blu Donatella Bianchi, candidata per il MoVimento 5 stelle. È chiaro che è la sanità il principale banco di prova per i tre sfidanti, assorbendo oltre il 70% del bilancio regionale. Chi vincerà dovrà portare a termine la riforma dell’assistenza territoriale e dovrà impiegare gli oltre 700 milioni di euro destinati al Lazio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Se D’amato rivendica la gestione dell’emergenza Covid come un modello, di diverso avviso sono Francesco Rocca e Donatella Bianchi.

Liste d’attesa, le ricette in campo

Tra i temi sul tavolo quello delle liste di attesa, con i candidati che hanno stilato le loro ricette per ridurre i tempi delle prestazioni cresciuti ancora di più con l’emergenza Covid. Rocca ha contestato a D’Amato la mancata digitalizzazione: «Nel 2023 i nostri ospedali cercano ancora con i fax i posti letto per i pazienti in barella» e punta alla creazione di un “cruscotto digitale” che consenta il monitoraggio di tutti posti letto disponibili sul territorio, pubblici e privati accreditati. Per D’amato, invece, la sfida si vince in tre mosse: riforma della sanità territoriale, diagnosi di primo livello in farmacia o dai medici di famiglia e rinnovo del parco tecnologico per la diagnostica. Per Donatella Bianchi vanno potenziati i presidi sanitari e i servizi diagnostici di prossimità «per decongestionare le grandi strutture e propone che le strutture sanitarie pubbliche restino aperte anche nei giorni festivi e nei serali per smaltire le prestazioni.

Carenza di personale, le proposte

La sfida sulle liste di attesa non si potrà vincere senza personale e la carenza di professionisti è un problema che colpisce la sanità laziale come quella di altre regioni. Se D’Amato chiede da tempo l’abolizione del tetto di spesa sul personale fermo al 2004, per Rocca il vero rischio è che le Case e gli Ospedali di Comunità non riescano ad aprire data la mancanza di personale e propone di puntare su «telemedicina, medici di medicina generale e ambulatori di quartiere» ma, sottolinea, «scontiamo dieci anni di mancanza di programmazione di medio e di lungo termine».  Donatella Bianchi rilancia, invece, il potenziamento dell’assistenza domiciliare integrata e propone un piano straordinario di assunzione del personale delle strutture ospedaliere pubbliche e dei medici nei Pronto Soccorso con incentivi economici, di residenzialità e per l’esposizione della responsabilità legale.

Aggressioni al personale sanitario

Condanna unanime da parte dei tre candidati delle aggressioni al personale sanitario, fenomeno ricorrente soprattutto nei Pronto soccorso della Capitale. D’Amato chiede che i presidi delle forze dell’ordine siano ripristinati h24 e non solo fino alle 20 come proposto dal Viminale. Per Rocca e Bianchi cruciale ridurre il sovraffollamento e mettere gli operatori nelle condizioni di lavorare al meglio. Ma, ricorda l’ex presidente della Croce Rossa, è soprattutto una questione culturale.

Le altre proposte

Per Donatella Bianchi è cruciale la riperimetrazione territoriale delle Aziende sanitarie locali per renderle più rispondenti alle esigenze dei cittadini e la sperimentazione di percorsi assunzionali pubblici di giovani medici e di formazione attraverso le scuole di specializzazione clinica universitaria. D’Amato chiede invece l’aumento del Fondo sanitario nazionale o, in alternativa, il ricorso ai soldi del MES soprattutto per finanziare la riforma dell’assistenza territoriale. Rocca, invece, propone che la regione intervenga per formare Operatori Socio Sanitari Specializzati attraverso il sistema di formazione-lavoro della Regione per ‘alleggerire’ il lavoro infermieristico.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»
Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza
Confapi Sanità, Francesco Rocca è il nuovo presidente: «Nessuna competizione con il Servizio pubblico»
Avvocato, Rocca è alla guida della Croce Rossa Italiana e della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
«Assessore D’Amato, ben fatto. Ma ora risponda a queste domande»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...