Politica 4 Giugno 2021 17:41

G7 salute, accordo tra i leader: «Lavoreremo per un pass vaccinale con valore internazionale»

Il ministro Speranza: «Siamo pronti a fare ogni sforzo per sostenere i Paesi più fragili. Nessuno può pensare di salvarsi da solo. Dalla crisi si esce solo insieme»

G7 salute, accordo tra i leader: «Lavoreremo per un pass vaccinale con valore internazionale»

«La pandemia ha dimostrato come le politiche per la salute siano sempre più una grande questione internazionale. La campagna di vaccinazione è la sfida più importante di questi mesi. I Paesi del G7 sono impegnati a fare ogni sforzo per sostenere i Paesi più fragili. Nessuno può pensare di salvarsi da solo. Dalla crisi si esce solo insieme». Il ministro della Salute, Roberto Speranza, parla dal Regno Unito dove si trova per partecipare al G7 dei ministri della Salute. A Oxford per la precisione, dove è stato sviluppato il vaccino AstraZeneca.

Il messaggio del vertice è stato unanime: non ci sarà sicurezza finché tutti i Paesi non saranno fuori dall’emergenza Covid. A questa certezza è seguita la richiesta di concentrarsi sul programma Covax, per condividere con i Paesi più poveri dosi di vaccino: se oltre il 40% delle popolazioni occidentali è ormai stato vaccinato, i paesi in via di sviluppo sono fermi al 10%.

G7, tra le possibilità quella di riconoscere i pass in tutto il mondo

Speranza ha auspicato inoltre un’accelerazione della diffusione del Green pass europeo, che partirà il 1 luglio, e la possibilità di estendere il certificato anche oltre l’Europa. Un passaporto globale per i vaccinati da tutti gli stati, un’idea condivisa da tutti i leader. Alla conclusione della duegiorni si è deciso di lavorare insieme per sviluppare standard internazionali e pratiche raccomandate «per la creazione, l’uso e il riconoscimento reciproco di test e certificati di vaccinazione in tutti i Paesi che si affidano a vaccini sicuri, efficaci e rigorosamente rivisti».

Accordo per standard minimi condivisi

I ministri della salute di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti hanno anche concordato un nuovo accordo che si spera porterà a test e dati standardizzati da studi internazionali, nel tentativo di accelerare l’accesso ai trattamenti approvati e ai vaccini, nonché standard minimi concordati di dati sanitari che possono essere condivisi a livello internazionale.

«Gli accordi storici che abbiamo raggiunto a Oxford mostrano il nostro impegno, non solo per superare la crisi di Covid-19, ma anche per assicurarci di essere preparati meglio per affrontare le minacce future», ha concluso Hancock.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa
In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde Covid-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Pa
Green pass dai medici di famiglia, la FIMMG boccia l’idea del governo
Green pass dai medici di famiglia, è sonora bocciatura dalla FIMMG. Silvestro Scotti: «Non si può comprimere il diritto all’assistenza e mortificare così la professionalità. Siamo medici non stampanti»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Via libera al Green pass europeo per viaggiare senza restrizioni. Ecco come funziona
Il Parlamento europeo approva il Green Pass o Certificato Covid Ue. Entrerà in vigore il 1° luglio e consentirà di viaggiare tra i Paesi dell’Unione. Durerà nove mesi per i vaccinati e sei per i guariti
Ecco come funzionerà il Green pass europeo, disponibile dal primo luglio
Via libera al Gateway, la piattaforma informatica che riconoscerà i certificati tra gli Stati membri. Chi potrà richiedere il Green Pass europeo? Con quali requisiti?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM