Sanità internazionale 1 Giugno 2021 13:59

Ecco come funzionerà il Green pass europeo, disponibile dal primo luglio

Via libera al Gateway, la piattaforma informatica che riconoscerà i certificati tra gli Stati membri. Chi potrà richiedere il Green Pass europeo? Con quali requisiti?

Ecco come funzionerà il Green pass europeo, disponibile dal primo luglio

Grazie al Green Pass, o certificato Covid Ue digitale, ai viaggiatori all’interno dell’Ue, con determinati requisiti, non saranno richiesti né test né quarantene.

Green pass o certificato Covid europeo in vigore dal 1 luglio

Il Gateway, la piattaforma informatica europea che rende possibile il Pass, è operativo da oggi. Dieci Paesi sono già collegati e sette di questi (Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia) hanno iniziato ad emettere i primi Green Pass europei. L’Italia non inizierà subito a rilasciare i certificati digitali; ottenere il Pass è un diritto ma le competenze sono nazionali e il suo utilizzo cambia da Stato a Stato. Il Regolamento che lo istituisce entrerà in vigore dal primo luglio: il Green Pass avrà valore per chi è stato vaccinato, per chi è guarito dal Covid-19 e per chi si sottopone a un test e risulta negativo.

I vaccinati

Il documento sarà valido al quattordicesimo giorno dalla seconda dose di vaccino anti-Covid. A partire da quella data, i cittadini vaccinati con due dosi per AstraZeneca, Pfizer/BioNTech e Moderna e con una dose per Janssen (J&J), che detengono il certificato, dovrebbero essere esentati, in viaggio, da test e quarantene. Il discorso cambia per chi ha ricevuto solo la prima dose di vaccino. In questo caso, ogni Paese deciderà se riconoscere o meno il Pass.

I guariti

Le persone guarite dal Covid-19 dovrebbero essere esonerate da test e/o quarantene nei 180 giorni successivi al test Pcr positivo dall’infezione. La validità è a partire dall’undicesimo giorno dopo il test, una volta terminato il periodo di contagiosità.

I tamponi

Chi non è vaccinato né guarito deve effettuare un tampone. Il risultato viene riconosciuto anche all’estero. Per i tamponi Pcr o molecolari la validità è di 72 ore; i test rapidi antigenici hanno una durata di 48 ore.

Bambini e famiglie con minori

I minorenni che viaggiano con genitori esentati dall’obbligo di quarantena – ad es. vaccinati – hanno gli stessi diritti. I bambini con meno di sei anni di età dovrebbero essere esentati anche dai test.

La Commissione europea ha previsto cambiamenti in corsa e frenate d’emergenza: se la situazione epidemiologica di un Paese peggiora o si diffondono varianti preoccupanti, gli Stati sono liberi di introdurre restrizioni anche per le persone vaccinate e guarite.

Semplificati i requisiti per viaggiare

Non dovrebbero esserci restrizioni per chi si sposta dalle aree verdi, secondo la mappa aggiornata dell’Ecdc. Si può chiedere un test (rapido o Pcr) prima della partenza a chi giunge dalle zone arancioni, e imporre la quarantena ai viaggiatori provenienti da una zona rossa, in assenza di un test Pcr o rapido negativo. L’invito a non spostarsi riguarda i viaggiatori delle aree rosso scuro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ue verso aria più pulita, parte carbon tax alle frontiere
Ridurre le emissioni inquinanti e, di conseguenze, ridurre il loro impatto sulla salute ambientale e dell'uomo. Queste sono solo alcuni degli ambiziosi obiettivi della Carbon Tax dell’Unione Europea alle frontiere, entrata in vigore da pochi giorni
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
Nel 2022 caldo e siccità record in Europa, salute a rischio per «stress termico»
Caldo estremo e siccità da record. Il 2022 è stato davvero un anno difficile per l'Europa e per la salute dei suoi cittadini. A confermarlo sono i dati che arrivano dal satellite Copernicus, più precisamente dal Servizio per il cambiamento climatico di Copernicus, componente del Programma spaziale dell’Ue, diffuso pochi giorni prima della Giornata Mondiale della Terra, che si celebra il prossimo 22 aprile
Pagamenti in nero: aumenta corruzione in Europa, ma non in Italia
Tra mazzette e pagamenti in nero, aumenta la corruzione in sanità in tutta Europa. L'Italia, in controtendenza, registra un lieve calo
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...