Sanità internazionale 1 Giugno 2021 13:59

Ecco come funzionerà il Green pass europeo, disponibile dal primo luglio

Via libera al Gateway, la piattaforma informatica che riconoscerà i certificati tra gli Stati membri. Chi potrà richiedere il Green Pass europeo? Con quali requisiti?

Ecco come funzionerà il Green pass europeo, disponibile dal primo luglio

Grazie al Green Pass, o certificato Covid Ue digitale, ai viaggiatori all’interno dell’Ue, con determinati requisiti, non saranno richiesti né test né quarantene.

Green pass o certificato Covid europeo in vigore dal 1 luglio

Il Gateway, la piattaforma informatica europea che rende possibile il Pass, è operativo da oggi. Dieci Paesi sono già collegati e sette di questi (Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia) hanno iniziato ad emettere i primi Green Pass europei. L’Italia non inizierà subito a rilasciare i certificati digitali; ottenere il Pass è un diritto ma le competenze sono nazionali e il suo utilizzo cambia da Stato a Stato. Il Regolamento che lo istituisce entrerà in vigore dal primo luglio: il Green Pass avrà valore per chi è stato vaccinato, per chi è guarito dal Covid-19 e per chi si sottopone a un test e risulta negativo.

I vaccinati

Il documento sarà valido al quattordicesimo giorno dalla seconda dose di vaccino anti-Covid. A partire da quella data, i cittadini vaccinati con due dosi per AstraZeneca, Pfizer/BioNTech e Moderna e con una dose per Janssen (J&J), che detengono il certificato, dovrebbero essere esentati, in viaggio, da test e quarantene. Il discorso cambia per chi ha ricevuto solo la prima dose di vaccino. In questo caso, ogni Paese deciderà se riconoscere o meno il Pass.

I guariti

Le persone guarite dal Covid-19 dovrebbero essere esonerate da test e/o quarantene nei 180 giorni successivi al test Pcr positivo dall’infezione. La validità è a partire dall’undicesimo giorno dopo il test, una volta terminato il periodo di contagiosità.

I tamponi

Chi non è vaccinato né guarito deve effettuare un tampone. Il risultato viene riconosciuto anche all’estero. Per i tamponi Pcr o molecolari la validità è di 72 ore; i test rapidi antigenici hanno una durata di 48 ore.

Bambini e famiglie con minori

I minorenni che viaggiano con genitori esentati dall’obbligo di quarantena – ad es. vaccinati – hanno gli stessi diritti. I bambini con meno di sei anni di età dovrebbero essere esentati anche dai test.

La Commissione europea ha previsto cambiamenti in corsa e frenate d’emergenza: se la situazione epidemiologica di un Paese peggiora o si diffondono varianti preoccupanti, gli Stati sono liberi di introdurre restrizioni anche per le persone vaccinate e guarite.

Semplificati i requisiti per viaggiare

Non dovrebbero esserci restrizioni per chi si sposta dalle aree verdi, secondo la mappa aggiornata dell’Ecdc. Si può chiedere un test (rapido o Pcr) prima della partenza a chi giunge dalle zone arancioni, e imporre la quarantena ai viaggiatori provenienti da una zona rossa, in assenza di un test Pcr o rapido negativo. L’invito a non spostarsi riguarda i viaggiatori delle aree rosso scuro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pagamenti in nero: aumenta corruzione in Europa, ma non in Italia
Tra mazzette e pagamenti in nero, aumenta la corruzione in sanità in tutta Europa. L'Italia, in controtendenza, registra un lieve calo
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Dal 1 giugno stop al Green Pass per chi arriva in Italia
Dal 1 giugno coloro che vogliono entrare nel nostro paese non avranno l'obbligo di esibire il Green Pass. Scadrà invece a metà giugno l'obbligo di indossare la mascherina negli spettacoli al chiuso
Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»
Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini può provocare problemi gastrointestinali. Ne parliamo con Indolfi (Meyer), che ha curato il bambino di Prato esaminato in via precauzionale per trapianto di fegato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi