Salute 10 Maggio 2021 13:19

Green Pass e riaperture: quei 6 mesi di scadenza hanno senso? Ne parliamo con il prof. Andreoni

Che estate ci aspetta? Intervista a Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma

Green Pass e riaperture: quei 6 mesi di scadenza hanno senso? Ne parliamo con il prof. Andreoni

I contagi continuano ad abbassarsi, le terapie intensive si svuotano e l’Italia festeggia due settimane dalle riaperture. La campagna vaccinale procede ora, finalmente, a ritmo accelerato e il viceministro Pierpaolo Sileri ha già azzardato una previsione di zona bianca in tutta Italia per giugno.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ne ha approfittato per reintrodurre il discorso “turismo” e invitare tanti da fuori a trascorrere le proprie vacanze in Italia. Come? Con il Green Pass, che da metà maggio sarà una realtà a tutti gli effetti. Vaccinati da meno di sei mesi (con entrambe le dosi), tamponati da meno di 48 ore o guariti da non oltre sei mesi con certificazione. Queste le caratteristiche che italiani e non dovranno possedere per girare liberamente con il “certificato verde”.

Green Pass, vaccino e guarigione in 6 mesi. Da dove viene questo numero?

La misura sta facendo discutere da quando è stata annunciata. Principale obbiettivo delle critiche è proprio il timing definito da molti approssimativo per vaccino e guarigione: 6 mesi sembrano pochi per il vaccino, mentre a volte sono troppo lunghi per chi è guarito da una forma poco grave. Inoltre, hanno specificato alcuni esperti, il tampone molecolare o rapido fotografa la situazione del corpo in quell’esatto istante in cui viene effettuato: 48 ore dopo il risultato potrebbe essere differente e mettere in pericolo altre persone.

Sanità Informazione ha incontrato il professor Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, per una panoramica su quel che attende chi vorrà spostarsi. La prima e necessaria domanda è stata: quella del Green Pass è una misura utile? «Il Green Pass è un’idea intelligente – conferma Andreoni – se non altro perché stimolerà le persone a vaccinarsi. Ma credo ci siano effettivamente ancora troppi punti oscuri».

Immunità, mancano i dati

Il nodo è quella dicitura “6 mesi”. «Si dice 6 mesi – spiega infatti il professore – ma non abbiamo ancora idea di quanto durerà l’immunità legata al vaccino, mentre sappiamo qualcosa di più di quanto dura l’immunità legata alla guarigione dalla malattia. Sappiamo che spesso dura più di 6 mesi per i guariti e per il vaccino speriamo anche in un anno. In questo momento serviva un limite temporale, ma probabilmente sarà rivisto in seguito. Certo è un buon sistema, sapere che possono circolare solo persone protette dà sicuramente tranquillità a tutti».

Seconde dosi ritardate, il Green Pass è più lontano per tanti

Favorire la vaccinazione era certamente uno degli obbiettivi per la creazione del Green Pass, come spiegato da Andreoni. Saranno molti gli italiani che punteranno sul vaccino per potersi muovere in estate. Tuttavia, le più recenti norme concordate da Cts e commissario Figliuolo hanno deciso di ritardare anche la seconda dose del vaccino Pfizer, fino a 42 giorni. Oltre ai quasi quattro mesi di attesa per il richiamo dei vaccinati con il prodotto AstraZeneca. A questo punto ottenere il Green Pass sarà difficile per chi vuole partire. A meno che, più in là, non possa bastare una sola dose.

«Credo che questo sia un grande problema da affrontare – concorda Andreoni -. Sappiamo che ci sono vaccini che sono in grado di dare un’immunità anche con una singola dose, ma esistono anche persone poco rispondenti al vaccino e che quindi certamente richiederanno una doppia dose. Quando si parla di grandi numeri: capire chi può andare con una sola dose e chi invece no, diventa molto complicato. La conclusione sarà che noi avremo comunque bisogno di fare due dosi a tutti quanti. Dovremmo capire se saremo costretti a fare le due dosi con lo stesso vaccino o potremo magari cambiare in corsa. Perché in effetti se ci sono stati effetti collaterali importanti dopo la prima dose sarà difficile, quindi c’è ancora qualche punto di domanda, ma la strada maestra è ancora quella di fare due dosi di vaccino, a meno che non si tratta di una persona che ha avuto la malattia e in quel caso una sola dose può bastare».

Riaperture anticipate, rischiamo nuovi contagi?

Se si parla di ferie così tanto è ovviamente perché gli italiani (e non solo) sono stanchi di fare rinunce per via del virus. Le riaperture di fine aprile sono servite proprio a permetterci di riabituarci alla “normalità perduta”. Alcuni esperti si sono però dimostrati molto critici parlando di un anticipo eccessivo e delle possibili conseguenze sulla situazione epidemiologica.

«La riapertura comunque comporterà un incremento dei casi – concorda Andreoni – e li potremo vedere oppure non accorgercene. Andiamo incontro all’estate, la vaccinazione sta funzionando e tendenzialmente i casi continueranno a ridursi. Riaprire sicuramente rallenterà questa discesa del numero dei casi, fa parte di quello che definiamo “rischio calcolato”».

Il pericolo delle varianti

Tuttavia «questa cosa non va troppo bene perché, mentre si vaccina, permettere al virus di replicarsi troppo può portare allo sviluppo di varianti immune-escape». Ovvero nuove varianti del virus Sars-CoV-2 potenzialmente pericolose e non protette dai vaccini. L’attenzione su questo punto, secondo Andreoni, deve rimanere sempre altissima. Specie da parte dei professionisti della sanità, che ogni giorno si confrontano sullo sviluppo della pandemia. Lo stesso professore è in primo piano con un corso di formazione  dal titolo “Vaccini e Varianti”, fornito dal provider Ecm di Consulcesi Club.

«È fondamentale tenersi aggiornati – insiste – perché ci sono novità praticamente ogni giorno sui vaccini. Ma soprattutto dobbiamo essere informati sulle varianti, anche perché che il virus cambi in continuazione resterà sempre un problema. La formazione ora più che mai è essenziale, mai come oggi le cose possono cambiare da un giorno all’altro».

Coprifuoco, sì o no?

Sulle riaperture, dunque, ancora molta vigilanza. Perché sì, i contagi scendono, ma siamo lontani dalle cifre post-lockdown di questo stesso periodo del 2020. Dunque Andreoni invita i critici del coprifuoco, l’unica misura rimasta in piedi oltre a quelle di distanziamento, a non preoccuparsene per il momento. «Se tutti si comportassero in maniera corretta non ci sarebbe problema a chiudere a mezzanotte o anche alle due di notte. Di fronte a situazioni come quelle che vediamo in televisione di assembramenti pericolosi, chiudere prima conviene sempre e più si ritarda il rientro a casa e più è probabile che le persone si riuniscano in festeggiamenti che sono molto controproducenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Arriva il super green pass, ok del Cdm alle nuove misure. Ecco cosa prevedono
Presentate dal Premier Draghi e dal Ministro della Salute Speranza le novità nel contrasto alla pandemia da Covid-19
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
Green Pass sul lavoro, via libera dal Senato. Copia del certificato al datore per evitare i controlli quotidiani
Il testo è passato con 199 voti favorevoli e 38 contrari. I lavoratori senza certificazione rischiano una sanzione amministrativa, ma hanno diritto alla conservazione del posto. Test antigenici restano calmierati fino al 31 dicembre. Novità per il personale sanitario
di Francesco Torre
La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi
I governi corrono ai ripari: la Francia torna alle mascherine obbligatorie, la Svizzera spinge l'offensiva vaccinale, la Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro. Ema: «Quadro molto preoccupante, più ricoveri e morti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano