Salute 23 Aprile 2021 15:31

Una sola dose di Pfizer o AstraZeneca riduce le infezioni del 65%. Lo studio inglese

Una ricerca che viene dall’Uk porta buone notizie: una sola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca, dopo 21 giorni, riduce le infezioni da Covid di due terzi. Sia tra soggetti anziani o fragili che tra giovani e sani

Una sola dose di Pfizer o AstraZeneca riduce le infezioni del 65%. Lo studio inglese

Una sola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca riduce di due terzi le infezioni da Covid e protegge sia anziani che giovani, sia sani che fragili. Sono buone notizie che provengono da uno studio realizzato dall’Università di Oxford e dall’Ufficio per le le statistiche nazionali inglese, in conseguenza al vasto programma di vaccinazioni della Gran Bretagna.

La ricerca, riportata dal Guardian, punta a comprendere l’impatto sulle nuove infezioni e le risposte immunitarie in un gruppo ampio di adulti. I vaccini dimostrano la propria efficacia non solo riducendo i tassi di infezione, ma spezzando le catene di trasmissione e riducendo il rischio di recrudescenza.

I dati raccolti sulle prime dosi

Dopo 21 giorni dalla prima dose, i ricercatori hanno analizzato i risultati dei test Covid di 350mila persone tra dicembre e aprile, scoprendo che le infezioni erano diminuite del 65%. I vaccini si sono dimostrati più efficaci con le infezioni sintomatiche rispetto a quelle asintomatiche, 72% contro 57%, rispetto alla popolazione non vaccinata. Con la seconda dose, in questo caso del Pfizer, la protezione si è poi ulteriormente potenziata arrivando a ridurre del 90% le infezioni sintomatiche e del 70% quelle asintomatiche. Sulle seconde dosi AstraZeneca i dati sono ancora in corso di raccoglimento, dato che gli shot sono stati ritardati per ordine governativo.

I risultati, rilasciati venerdì in un preprint, sono particolarmente importanti perché dimostrano l’effetto protettivo dei vaccini nel mondo reale contro la variante inglese altamente infettiva e più letale, che non era presente durante gli studi clinici originali. Anche le risposte anticorpali sono state analizzate. Gli anticorpi sono aumentati più velocemente con Pfizer per poi scendere, specie nelle persone anziane, allo stesso livello del vaccino Oxford. Anche se con risposte immunitarie diverse, il dottor David Eyre del Big Data Institute di Oxford ha affermato che «una forte risposta anticorpale è stata raggiunta nel 95% delle persone».

Tra i più giovani è bastata una sola dose di vaccino per portare gli anticorpi ai livelli di un guarito da Covid, mentre agli anziani sono state necessarie due dosi. Dimostrandone contemporaneamente l’importanza.

Stato di pandemia verso la fine

A febbraio, la sanità pubblica scozzese ha rivelato che un mese dopo aver ricevuto un’iniezione di vaccino Pfizer o Oxford/AstraZeneca, il rischio di ospedalizzazione da Covid-19 è diminuito fino all’85% e al 94% rispettivamente. Un ulteriore rapporto dell’Ufficio di statistica ha affermato che la percentuale di nuovi contagiati sembra essere stabile sia tra persone che vengono a contatto con positivi che per quelli che non lo fanno. Una buona notizia se si considera che adulti e bambini hanno ripreso ad avere contatti fuori dal loro nucleo familiare dopo l’allentamento delle restrizioni nel Regno Unito.

Ora Sarah Crofts, responsabile all’Ons, chiede di non abbassare la guardia e monitorare il virus. Mentre dal Telegraph arrivano notizie rassicuranti: dai monitoraggi la Gran Bretagna sembrerebbe essere uscita dallo stato di emergenza pandemico.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Primi risultati sui bambini e pareri Ema, le novità sui vaccini Pfizer e AstraZeneca
Pfizer pubblica i primi risultati del suo siero su ragazzi da 12 a 15 anni: efficacia al 100%. Su AstraZeneca Ema si riunisce per esaminare ulteriori dati su trombosi sospette, mentre la Germania sospende il vaccino agli under 60
Report Gimbe, Cartabellotta: «Ora con AstraZeneca si teme effetto boomerang su adesioni»
L'epidemia in Italia è in una situazione critica, suggerisce il rapporto della Fondazione Gimbe. I numeri delle ospedalizzazioni superano la soglia di allerta in nove Regioni e i vaccini vanno troppo a rilento, ora si temono anche le diffidenze
Lotti sospesi AstraZeneca, Guido Rasi (Ema) spiega come si svolge l’indagine e perché non si deve aver paura
Con il professor Rasi, ex direttore esecutivo Ema, parliamo di cosa succede con i lotti AstraZeneca sospesi, perché scatta il controllo e come si articola. «Su 5 milioni di vaccinati in Europa sono 30 i casi di trombosi, sugli 11 milioni in Uk sono 45. Casi che si verificherebbero naturalmente anche senza vaccino»
La Danimarca sospende un lotto di vaccini AstraZeneca per trombosi sospette. In Italia lo stop a un altro
La Danimarca ha sospeso un lotto di vaccini AstraZeneca per reazioni avverse come trombosi. Il lotto non è arrivato in Italia. Nel nostro Paese tuttavia, Aifa ha disposto la sospensione per un altro lotto con reazioni sospette, le analisi sono in corso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...