Salute 14 Maggio 2021 16:57

Covid-19, Guido Rasi: «Vaccino a guariti andrebbe posticipato, ma non c’è tempo per ripianificare campagna»

Numerosi studi dimostrano che la durata della risposta immunitaria contro il Sars-Cov-2 nei guariti è di lunga durata. Perché non posticipare i vaccini ai guariti per dare precedenza a chi non ha avuto l’infezione? Il commento di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA e Direttore Scientifico Consulcesi

Covid-19, Guido Rasi: «Vaccino a guariti andrebbe posticipato, ma non c’è tempo per ripianificare campagna»

Più di 4 milioni di persone in Italia hanno contratto il Covid-19 e hanno superato la malattia. Le stime riguardano, chiaramente, solo chi ha avuto la diagnosi ufficiale con il tampone, ma i numeri reali potrebbero essere molto più alti. C’è anche, infatti, chi ha sviluppato l’infezione in forma asintomatica e non sa neppure di averla avuta.

Quanto dura la memoria immunologica?

Ma la guarigione non è un muro invalicabile dal virus; alcune persone, infatti, nel corso dei mesi, si sono reinfettate, anche se il rischio è ridotto. Le domande a cui cercano di rispondere numerosi gruppi di ricerca sono: “Quanto dura la protezione prodotta dall’infezione naturale?”, “Come si comporta, quindi, il nostro sistema immunitario quando incontra Sars-Cov-2?”

I risultati dello studio San Raffaele-Iss

Lo studio recente dei ricercatori dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità fa ben sperare. I dati dimostrano che i guariti hanno un’immunità naturale contro il virus, una memoria immunologica che dura fino a otto mesi dall’infezione, indipendentemente da età, patologie e gravità della malattia.

Dalla ricerca, pubblicata su Nature Communications, emergono due buone notizie: la prima è che la formazione di anticorpi neutralizzanti contro Sars-CoV-2 nei primi 15 giorni evita un decorso grave della malattia. La seconda è che la protezione immunitaria degli anticorpi neutralizzanti persiste a lungo. Anche l’indagine dell’Humanitas University di Milano, segnala che gli anticorpi derivati dall’infezione naturale persistono fino a dieci mesi, soprattutto nei soggetti sintomatici.

Una dose unica per i guariti da almeno tre mesi

Ad oggi, secondo quanto stabilito dalla circolare del ministero del 3 marzo 2021, anche i guariti possono essere vaccinati contro il Sars-Cov-2. Il ministero ha autorizzato la somministrazione di una sola dose di vaccino anti Covid a persone con una pregressa infezione, sia per casi sintomatici che asintomatici. L’inoculazione, però, deve avvenire ad almeno 3 mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa. 

In base agli ultimi dati è lecito chiedersi se non sia opportuno posticipare i vaccini ai guariti per dare precedenza a chi non ha avuto l’infezione. Un’altra strada da percorrere potrebbe essere quella di verificare l’immunità con un test sierologico a tutti prima del vaccino. Ha risposto a queste domande Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA, Direttore Scientifico Consulcesi e Responsabile Scientifico del corso Fad “Il Covid-19 tra mutazione e varianti. Una nuova sfida per i vaccini e le terapie” del provider Sanità In-Formazione.

Guariti, Rasi (Ex Ema): «Posticipare l’unica dose del vaccino ad almeno sei mesi di distanza dall’infezione»

«Alla luce di questi dati si potrebbe posticipare l’unica dose del vaccino prevista per i guariti ad almeno sei mesi di distanza dall’infezione – propone Guido Rasi a Sanità Informazione -. Secondo me, sia la copertura naturale che quella vaccinale durano più di sei mesi, fino ad un anno – dichiara -. Sarebbe una scelta di buon senso, ma il punto è che non so se c’è tempo di ripianificare tutta la campagna di vaccinazione». L’obiettivo primario attuale, infatti, è «vaccinare una larga fetta di popolazione nel più breve tempo possibile» puntualizza Rasi. E sul terzo richiamo anti-varianti del vaccino su cui tanto si è dibattuto, Rasi precisa: «Non è più così imminente. Per ora non ci sono indicazioni sulla necessità di fare una terza dose: l’immunità dura, le varianti vanno monitorate».

Richiamo Pfizer a 42 giorni: «Arrivare a 84 giorni migliorerebbe ulteriormente la risposta immunitaria»

Forse, prima di valutare l’ipotesi terza dose e pensare di rivaccinare tutti si potrebbe ricercare quale è stata la risposta immunitaria al vaccino. «I dati dell’esperienza inglese e recenti studi ci dicono che dopo i 21 giorni dalla prima dose c’è già una grande protezione». Rasi commenta anche il polverone sollevato dalla decisione di rimandare la seconda dose di Pfizer a 42 giorni: «È da poco stato pubblicato un lavoro scientifico importante da cui emerge che ritardando la seconda dose del vaccino Pfizer si hanno risultati ancora migliori. La dibattuta scelta dei 42 giorni non solo trova conferma, ma sembra che arrivare a 84 giorni migliorerebbe ulteriormente la risposta immunitaria» conclude Rasi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco