Salute 2 Settembre 2020

Un appello dagli scienziati: «Stop al doppio tampone negativo per considerarsi guariti»

Dal team di “Pillole di ottimismo” arriva la richiesta di adeguarsi alle nuove norme Oms: contagiosi per 10 giorni e guariti dopo 3 giorni senza sintomi

Un appello dagli scienziati: «Stop al doppio tampone negativo per considerarsi guariti»

Stop al doppio tampone negativo. È partito un appello dagli scienziati autori di “Pillole di Ottimismo” rivolto alle principali cariche istituzionali italiane, al ministro della Salute e al Comitato Tecnico Scientifico. Si chiede di abbandonare la procedura per cui un paziente affetto da Covid-19 si considera ufficialmente “guarito” solo se per due volte consecutive l’analisi del tampone nasofaringeo dà esito negativo.

Il team diretto dal virologo Guido Silvestri e da Paolo Spada, scrive chiedendo che l’Italia si adegui alle nuove direttive dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Riduca dunque a 10 giorni il periodo di malattia per Covid-19 (più 3 giorni senza sintomi, nel caso ve ne fossero), eliminando la necessità di tampone di controllo. Per ragioni legate alla vita delle persone, all’economia e alla salute pubblica.

CONTAGIOSITÀ E POSITIVITÀ

«Come sapete – scrivono gli autori dell’appello – nel nostro Paese un paziente affetto da Covid-19 viene considerato ufficialmente malato e contagioso, finché per due volte consecutive l’analisi del tampone nasofaringeo non dia esito negativo. Questo criterio, inizialmente adottato dall’Organizzazione mondiale della sanità, è stato poi cambiato progressivamente in molti Paesi e, infine, dall’Oms stessa, in base ad una crescente e ormai consolidata evidenza scientifica. Il periodo di contagiosità che inizia circa 48 ore prima della comparsa di sintomi, ha il suo picco nei primi giorni, per poi calare rapidamente e sostanzialmente annullarsi entro 10 giorni. La positività del tampone può invece restare tale per molte settimane, fino a oltre 4 mesi dalla malattia, identificando, di fatto, solo tracce di materiale genetico del virus, non attivo e incapace di trasmettere l’infezione», scrivono gli scienziati.

LE TRE RAGIONI

«Chiediamo – prosegue la missiva – il criterio indicato nelle nuove direttive Oms, riducendo a 10 giorni il periodo di malattia per Covid-19 (più 3 giorni senza sintomi, nel caso ve ne fossero) e abbandonando l’uso del tampone di controllo. Ve lo chiediamo per tre ragioni, ciascuna delle quali ci sembra da sola sufficiente a giustificare la nostra richiesta. La prima ragione riguarda la vita delle persone coinvolte: mantenere in isolamento forzato un paziente che con ogni probabilità non è più contagioso non è di alcuna significativa utilità, né per il paziente né per la collettività». La seconda ragione «riguarda l’economia e la ripresa del nostro Paese: la nostra collettività ha bisogno del contributo di queste persone, ora lasciate per lungo tempo in uno stato di ingiustificata immobilità. La terza ragione – che ci pare persino più importante delle altre – riguarda la salute pubblica: il timore di venire isolati senza un termine temporalmente definito costituisce un pericoloso disincentivo alla segnalazione dei propri sintomi per chi si ammala e all’utilizzo dell’app di tracciamento, che invece necessita urgentemente di molte nuove adesioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Covid-19 può essere trasmesso per via sessuale? Come fare per limitare i rischi?
Una risposta arriva dal sito della FNOMCeO “Dottore, ma è vero che…?”. «Evitare rapporti con sconosciuti e curare al meglio la propria igiene personale»
Parla l’ex Ministro Sirchia: «Sul territorio servono strutture sempre aperte, con MMG dipendenti»
L’ematologo, alla guida del dicastero della Salute dal 2001 al 2005, punta il dito contro le regioni: «Non si sono dimostrate all’altezza». E aggiunge: «Errore la chiusura del CCM che avrebbe dovuto elaborare un piano pandemico, sconsiderati i tagli lineari in sanità». Poi attacca: «Sulla comunicazione dell’emergenza in tv tragica baraonda»
Report Gimbe: «Positivi in calo, scendono anche i ricoveri. Ma allentare a Natale sarebbe un errore»
I nuovi casi scendono e c'è una leggera flessione anche nei ricoveri in ospedale, ma le soglie di occupazione sono sopra i limiti in 15 Regioni. Cartabellotta: «Servono scelte coraggiose anche se impopolari, perché i dati e l’allarme dell’Ecdc non lasciano adito a dubbi sui rischi del Natale»
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
La proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 è legge
La Camera ha approvato definitivamente il decreto che proroga lo stato di emergenza sanitaria, 252 voti a favore e 203 contrari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli